Skip to main content

eUropean naturalistic Driving and Riding for Infrastructure & Vehicle safety and Environment

Article Category

Article available in the folowing languages:

Guidare mentre osserviamo

I ricercatori finanziati dall’UE hanno condotto uno studio su vasta scala sulla guida naturalistica per capire meglio il comportamento degli utenti stradali e contribuire a rendere più sicure le strade europee.

Trasporti e Mobilità

Conosciamo tutti gli avvertimenti: inviare SMS durante la guida porta ad incidenti, a volte gravi. Infatti, molti tipi di guida distratta fanno distogliere gli occhi dalla strada e, di conseguenza, mettono in pericolo se stessi, gli altri conducenti, i pedoni e i ciclisti. Ma quanto è davvero pericoloso guidare con distrazione? Si consideri che nel 2014 sono morte sulle strade dell’UE 25 700 persone, che equivalgono a 70 morti ogni giorno. Inoltre, migliaia di lesioni sono legate alla strada. Ovviamente, bisogna fare qualcosa. Ma prima che i responsabili politici possano adottare misure sensate per migliorare la sicurezza del traffico, è necessaria una migliore comprensione dei problemi e delle loro cause. Ciò è esattamente quello che ha previsto di fare il progetto UDRIVE finanziato dall’UE. Un innovativo sistema di acquisizione dati UDRIVE è uno studio sulla guida naturalistica su larga scala progettato per aumentare la comprensione del comportamento degli utenti stradali e contribuire a soddisfare gli obiettivi europei in materia di sicurezza stradale e ambientale. Questo metodo innovativo e tecnologico offre un valore aggiunto rispetto ai tradizionali metodi di ricerca in materia di sicurezza del traffico, come le simulazioni di guida, le auto-segnalazioni e le indagini sugli schianti, che hanno tutti limiti significativi per quanto riguarda il modo in cui le scoperte possono essere applicabili a condizioni reali. La ricerca sulla guida naturalistica consente ai ricercatori di osservare attivamente il comportamento dei conducenti in condizioni di traffico reali. Il progetto UDRIVE è stato progettato per generare nuove conoscenze su tre argomenti chiave della sicurezza stradale: le principali cause di incidenti, distrazione e disattenzione, e l’interazione del conducente con utenti della strada vulnerabili come pedoni e ciclisti. Per fare questo, il progetto ha utilizzato telecamere sui veicoli, permettendo ai ricercatori di seguire ogni azione e reazione dei 285 partecipanti. “Il nostro obiettivo era di acquisire una visione del comportamento di guida reale e naturale,” spiega la coordinatrice del progetto Nicole van Nes, dell’Istituto olandese per la ricerca sulla sicurezza stradale SWOV. “Questi dati ci permettono di approfondire le questioni che non possono essere studiate in un ambiente sperimentale o in laboratorio.” Nell’ambito dello studio UDRIVE, i partecipanti hanno utilizzato i loro veicoli, affinché potessero guidare naturalmente le auto, i camion e gli scooter di loro proprietà. Il progetto ha utilizzato un sistema di acquisizione dati appositamente progettato, collegato a sette o otto telecamere invisibili installate in tutto il veicolo. Ogni veicolo è stato inoltre dotato di una telecamera intelligente in grado di identificare automaticamente oggetti vicini, come automobili, camion e pedoni. Il sistema di acquisizione dati ha fornito un flusso costante di informazioni sui veicoli, dati cinematici e video, consentendo ai ricercatori di leggere il comportamento del veicolo. “Questo sistema offre un ottimo sguardo su ciò che sta accadendo dentro e intorno al veicolo”, afferma van Nes. Colmare le lacune di sicurezza I ricercatori si sono poi dedicati all’analisi dell’immensa quantità di dati raccolti, con particolare attenzione sulla comprensione dell’interazione tra un pilota e ciclisti e pedoni, e hanno inoltre individuato e analizzato eventi rilevanti per la sicurezza, quasi-incidenti e incidenti. Anche se attualmente stanno finalizzando i loro risultati, van Nes è fiducioso che presto saranno in grado di fornire le migliori pratiche per mitigare i rischi comuni della guida. “I nostri dati faranno luce su questioni sulle quali abbiamo attualmente conoscenze limitate, come l’utilizzo di telefoni cellulari, quando, dove e in quali condizioni, comportamenti rischiosi e il comportamento dei conducenti rispetto a pedoni e ciclisti,” dice van Nes. “Individuando dove sbagliano in genere i conducenti, possiamo colmare queste lacune relative alla sicurezza con nuove soluzioni, rendendo più sicure le strade europee.” Le autorità pubbliche utilizzeranno probabilmente i risultati di UDRIVE per sviluppare misure volte a migliorare la sicurezza stradale perfezionando l’infrastruttura e l’istruzione. Allo stesso modo, l’industria può utilizzare le prove di UDRIVE per sviluppare prodotti che migliorano la sicurezza, come sistemi avanzati di assistenza alla guida e funzioni di guida autonoma.

Parole chiave

UDRIVE, sicurezza stradale, strade europee, prove di guida naturalistica, guida autonoma, sistemi avanzati di assistenza alla guida

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione