Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Secondo Liikanen, gli Stati membri e la Commissione devono collaborare per conseguire gli obiettivi dell'assistenza sanitaria on line

Il 7 giugno, in occasione di un workshop sui criteri qualitativi per i siti web in campo sanitario, il commissario per le Imprese e la Società dell'informazione Erkki Liikanen ha delineato i ruoli che gli Stati membri e la Commissione devono svolgere, al fine di conseguire gli...

Il 7 giugno, in occasione di un workshop sui criteri qualitativi per i siti web in campo sanitario, il commissario per le Imprese e la Società dell'informazione Erkki Liikanen ha delineato i ruoli che gli Stati membri e la Commissione devono svolgere, al fine di conseguire gli obiettivi fissati nel capitolo sull'assistenza sanitaria on line del piano d'azione "eEurope". I delegati di ministeri, organizzazioni internazionali, organizzazioni non governative (ONG) e dell'industria si sono riuniti a Bruxelles per discutere le prassi ed i progetti pilota attuali, allo scopo di elaborare un insieme comune di importanti criteri qualitativi che possano essere utilizzati dagli Stati membri per gettare le basi di futuri strumenti politici volti a garantire la qualità delle informazioni contenute nei siti web in campo sanitario. L'elaborazione di un insieme di criteri qualitativi per i siti web in campo sanitario costituisce una delle quattro azioni delineate nel capitolo relativo all'assistenza sanitaria on line del piano d'azione "eEurope", predisposto a seguito del Consiglio di Lisbona tenutosi nel marzo 2000. Tra le altre azioni in materia di sanità figurano: l'individuazione e la divulgazione delle migliori prassi nel campo dell'assistenza sanitaria on line (e-health), al fine di agevolare il processo decisionale finalizzato all'acquisto; la creazione di una serie di reti di trasmissione dati volte a fornire assistenza nella pianificazione sanitaria nazionale consapevole; nonché l'elaborazione di una comunicazione sugli aspetti giuridici dell'e-health, che dovrebbe chiarire quale tra le normative vigenti abbia influito sull'e-health, in modo da risolvere alcune delle incertezze espresse dall'industria. Il commissario Liikanen ha affermato: "L'idea è di imparare da quanto già realizzato, di mettere a frutto le attività attuali e di procedere in modo coerente, poiché mentre i politici solitamente si muovono entro i confini nazionali, Internet riconosce appena questi limiti". Liikanen ha sottolineato che gli Stati membri e la Commissione devono collaborare al fine di conseguire importanti obiettivi. Il Commissario ha dichiarato: "L'amministrazione degli Stati membri è ovviamente il protagonista principale per il conseguimento degli obiettivi delineati nel capitolo sull'assistenza sanitaria on line. Tuttavia, esiste una dimensione europea in questa sfida ed è rappresentata dall'individuazione e dalla divulgazione delle migliori prassi, nonché dall'elaborazione congiunta di criteri per l'analisi comparativa relativi all'e-health". Egli ha aggiunto: "Il messaggio è chiaro: se non entriamo insieme nell'era dell'informazione, ora ed in modo determinato, il nostro futuro sarà compromesso".