Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Il centro innovativo per le scoperte affronterà il divario tra scienza e società

L'apertura di "Universeum", il prossimo 18 giugno a Göteborg (Svezia), sembra rispondere ad una recente affermazione del ministro svedese della Ricerca Thomas Östros, secondo il quale il rapporto tra scienza e società necessita ancora di grande attenzione in Svezia. Durante i...

L'apertura di "Universeum", il prossimo 18 giugno a Göteborg (Svezia), sembra rispondere ad una recente affermazione del ministro svedese della Ricerca Thomas Östros, secondo il quale il rapporto tra scienza e società necessita ancora di grande attenzione in Svezia. Durante il suo intervento alla conferenza sul ruolo svolto dai paesi candidati nella ricerca dell'UE, Östros ha affermato che "noi [la Svezia] abbiamo molto da imparare dagli altri paesi" in materia di scienza e società. L'obiettivo principale del centro per le scoperte scientifiche Universeum, tuttavia, è quello di promuovere l'interesse nella scienza e nella tecnologia. Le attività di Universeum saranno impostate su un approccio scientifico alla conoscenza, per giungere alla comprensione del modo in cui gli individui possono stabilire l'autenticità o la reale esistenza delle cose. Il centro è stato creato allo scopo di aumentare il numero degli studenti in campo scientifico e, in ultima istanza, dei laureati nelle discipline tecniche e scientifiche che entrano a far parte del mondo degli affari. All'interno del centro, che occupa una superficie di 10.000 metri quadri, vengono allestite mostre che spaziano dai dendrobati agli umanoidi, le galassie, i dasiatidi, i moonbuggy (o "lunamobili") e l'anaconda. Il centro si occuperà di questioni controverse come, per esempio, quali ricerche è opportuno condurre, chi ha il diritto di decidere l'orientamento della ricerca e in che modo potranno essere utilizzati i risultati in futuro. Puntando alla credibilità, Universeum intende presentare non solo ricerca consolidata, ma anche questioni irrisolte. Ciò, si spera, servirà a stimolare un'ulteriore riflessione. Il centro intende inoltre promuovere la comprensione della scienza da parte del pubblico, partecipando alla ricerca incentrata su tale argomento. Universeum è stato progettato in modo tale da fungere da modello di riferimento ambientale. Nel centro funziona infatti un sistema di sfruttamento dell'energia solare mediante celle solari, per la produzione di elettricità da impiegare a fini dimostrativi, e pannelli solari, per il riscaldamento dell'acqua. L'edificio è illuminato con luce naturale e il calore del sole viene utilizzato per riscaldare l'aria in arrivo, attraverso una parete esterna a doppio vetro. Il sistema biologico installato nell'acquario per la pulizia e la ricircolazione dell'acqua consente di ridurre il consumo idrico, mentre la foresta pluviale viene irrigata utilizzando l'acqua piovana. I servizi igienici sono dotati addirittura di un sistema di separazione delle urine, le quali vengono riutilizzate nell'agricoltura. Il centro Universeum, fondato dalla Chalmers University of Technology, dall'Università e dalla Federazione regionale degli Enti locali di Göteborg, nonché dalla Camera di commercio e dell'industria della Svezia occidentale, rappresenta un riuscito esempio di cooperazione fra il mondo accademico, l'industria e i politici. Il costo complessivo del progetto ammonta a 364 milioni di corone svedesi (circa 39,2 milioni di euro). Un terzo dei finanziamenti proviene dal settore pubblico, un terzo dalle imprese svedesi e il rimanente dagli istituti di ricerca, dalle fondazioni e da altri fondi.

Paesi

Svezia