Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Il Consiglio "Ricerca" avalla le priorità per il 6PQ proposte dalla Commissione

I Ministri europei della Ricerca, riuniti in Consiglio il 26 giugno a Lussemburgo, hanno approvato le priorità per il prossimo programma quadro proposte dalla Commissione europea. I Ministri hanno altresì concordato di intraprendere azioni in materia di scienza e società, don...

I Ministri europei della Ricerca, riuniti in Consiglio il 26 giugno a Lussemburgo, hanno approvato le priorità per il prossimo programma quadro proposte dalla Commissione europea. I Ministri hanno altresì concordato di intraprendere azioni in materia di scienza e società, donne e scienza e biotecnologie, affermando che anche la mobilità dei ricercatori deve costituire una priorità. "I Ministri della Ricerca dell'UE hanno convenuto oggi che l'Unione europea deve concentrare i propri sforzi di ricerca in sette ambiti: biotecnologie, nonotecnologie, spazio e aeronautica, sicurezza alimentare, sviluppo sostenibile e cittadini e governo in un'Europa basata sulla conoscenza. Siamo inoltre concordi sulla necessità di aumentare significativamente le risorse necessarie a promuovere una maggiore mobilità per i ricercatori in Europa", ha dichiarato il presidente del Consiglio "Ricerca" Thomas Östros, al termine della riunione. I Ministri della Ricerca hanno incaricato la Commissione di elaborare un piano d'azione sul rafforzamento dei legami tra scienza e società, da presentare entro la fine del 2001. Il Consiglio ha esortato gli Stati membri a trovare nuovi metodi per stimolare il dialogo tra scienza e società, un dialogo incentrato sui risultati di ricerca, i loro ambiti di applicazione e tutte le questioni etiche che possono scaturire dalla ricerca. Il Consiglio "Ricerca" ha adottato una risoluzione sulla promozione della partecipazione delle donne all'interno della comunità di ricerca. I Ministri hanno deciso di invitare sia gli Stati membri che la Commissione ad intensificare gli sforzi volti ad aumentare la percentuale di donne incaricate di attuare e gestire programmi di ricerca, nonché di elaborare statistiche disaggregate in base al sesso e di sviluppare indicatori per rendere più efficace il monitoraggio degli sviluppi relativi alle pari opportunità nel campo della cooperazione europea in materia di ricerca. Alla riunione, la Commissione ha fornito informazioni su un piano d'azione per un intervento dell'UE in materia di biotecnologie, così come richiesto dal Consiglio europeo di Stoccolma nel marzo di quest'anno. Il piano riguarderà la ricerca biotecnologica, lo sviluppo industriale e gli aspetti etici delle biotecnologie. La relazione finale verrà presentata a Barcellona nel marzo del 2002. Questo è stato l'ultimo Consiglio "Ricerca" presieduto da Thomas Östros, in rappresentanza della Presidenza svedese. "I dibattiti odierni mostrano come gli Stati membri siano ampiamente concordi sui principi fondamentali della ricerca nell'UE. Durante la Presidenza svedese, il Consiglio ha condotto un'approfondita discussione, creando dei buoni presupposti per il proseguimento degli sforzi. Abbiamo gettato una solida base per la decisione finale prevista per il 2002", ha affermato Thomas Östros.

Paesi

Svezia