Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La Grecia assume la presidenza EUREKA alla cerimonia di consegna dei premi

Il passaggio di "testimone" alla presidenza, la presentazione dei nuovi membri e l'annuncio dei vincitori degli "Oscar" EUREKA: questi i momenti salienti a cui hanno assistito i ministri dei 32 paesi membri dell'organizzazione riuniti a Madrid alla fine di giugno. Durante l'a...

Il passaggio di "testimone" alla presidenza, la presentazione dei nuovi membri e l'annuncio dei vincitori degli "Oscar" EUREKA: questi i momenti salienti a cui hanno assistito i ministri dei 32 paesi membri dell'organizzazione riuniti a Madrid alla fine di giugno. Durante l'anno di presidenza spagnola, EUREKA (la rete europea per la ricerca e sviluppo orientata verso il mercato) ha gestito190 nuovi progetti, per un costo di 493 milioni di euro. Le PMI rappresentano circa la metà dei partecipanti ai nuovi progetti, nell'ambito dei quali collaboreranno con istituti di ricerca, università e grandi società, elevando il totale della spesa EUREKA a 2,2 miliardi di euro. Estonia e Slovacchia sono gli ultimi due paesi entrati a far parte della rete EUREKA, istituita per consentire al mondo dell'industria e della ricerca di collaborare allo sviluppo di tecnologie innovative. Nell'anno in cui la Grecia assume la presidenza, si registra un'approvazione unanime per la collaborazione di EUREKA al sesto programma quadro dell'UE, nonché un consenso in merito all'ampliamento delle iniziative volte ad attirare la partecipazione di capitali di rischio nei partenariati di finanziamento fra pubblico e privato. Il successo della rete è stato dimostrato in occasione della cerimonia di assegnazione del premio "Lynx" EUREKA (alla sua prima edizione), conferito alla società francese Coheris per la creazione di un pacchetto software finalizzato alla gestione dei rapporti con la clientela. Nel 1997 la società ha ottenuto un finanziamento EUREKA nel quadro del progetto MAIGRET e da allora il suo organico è passato da 50 a 430 dipendenti. "Il progetto MAIGRET ci ha permesso di sopravvivere, di crescere fino a diventare un editore di software e di trasformarci in uno dei principali attori europei del settore", ha affermato il direttore generale Jean-Pierre Creput. L'edizione 2001 del Premio EUREKA "Lillehammer", assegnato ai contributi più significativi in campo ambientale, è stata vinta ex-equo dai progetti AUTORES e EUROENVIRON SECONWET, volti alla riduzione dell'impatto ambientale delle acque reflue. Nell'ambito del primo progetto è stato sviluppato AQUA/MCA, un solido impianto semiautomatico per il monitoraggio dell'inquinamento, attualmente utilizzato in oltre 100 siti dell'Europa meridionale e perfino in Colombia. Il secondo progetto ha visto la realizzazione delle cosiddette aree umide costruite o artificiali ("constructed wetland" - CW) per la depurazione delle acque di scarico. I reflui vengono filtrati mediante un sistema "reed-bed" (o "letto a canne") costituito da terreno e sabbia, in grado di rimuovere le impurità attraverso i microrganismi e le radici delle piante in esso contenuti. I sistemi pilota CW installati in Slovenia ed Austria per il trattamento delle acque di rifiuto di piccoli insediamenti si sono rivelati conformi alle norme internazionali in materia di qualità delle acque. Questo sistema è stato inoltre utilizzato per trattare il percolato delle discariche, una sostanza inquinante che rappresenta un pericolo per le acque freatiche di moti paesi. "Il nostro obiettivo implicito è quello di promuovere l'accettazione di questa tecnica in tutto il mondo". Il sistema CW può essere utilizzato da qualsiasi paese in cui siano presenti discariche, comunità isolate o centri turistici stagionali, migliorando così la qualità dell'ambiente.

Paesi

Grecia