Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Secondo il ministro danese dei Trasporti, occorre aumentare la compatibilità delle ferrovie europee

Secondo il ministro danese dei Trasporti Flemming Hansen, la reti ferroviarie europee non "parlano la stessa lingua" in termini di tecnologia. In un articolo apparso sul sito web della Presidenza danese, Hansen sottolinea come la stessa Presidenza consideri prioritario il mig...

Secondo il ministro danese dei Trasporti Flemming Hansen, la reti ferroviarie europee non "parlano la stessa lingua" in termini di tecnologia. In un articolo apparso sul sito web della Presidenza danese, Hansen sottolinea come la stessa Presidenza consideri prioritario il miglioramento dei settori europei dei trasporti. A suo avviso, infatti, i progressi in questo ambito sono vitali sia per ragioni ambientali, che di incremento della mobilità. "Oggi, la velocità media dei treni merci sulle reti europee è pari a 18 chilometri orari ed una delle principali cause di tale lentezza risiede nel fatto che, per così dire, le ferrovie europee non "parlano la stessa lingua". E non mi riferisco soltanto alla comunicazione fra il personale, ma anche fra le tecnologie, il materiale rotabile e i sistemi di sicurezza utilizzati dai vari paesi", scrive il Ministro. La compatibilità reciproca fra le varie tecnologie esistenti rappresenta uno degli elementi chiave per incrementare la mobilità fra gli Stati membri. "L'attuale esistenza di un numero elevato di ostacoli al trasporto ferroviario transfrontaliero è da ricondursi al passato, quando i singoli paesi costruivano sistemi ferroviari che, per ragioni militari, erano appositamente progettati per essere incompatibili. A mio avviso, è anacronistico e inaccettabile che le ferrovie europee non funzionino a dovere fra un paese e l'altro", scrive Hansen. Pur riconoscendo che realizzare gli obiettivi fissati dalla Presidenza non sarà un compito facile, Hansen è fermamente intenzionato a tentare. "Farò del mio meglio per ottenere buoni risultati, contribuendo così a rendere il settore dei trasporti più uniforme ed efficiente, a vantaggio sia dei cittadini che delle imprese d'Europa", conclude il Ministro.

Paesi

Danimarca