Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Nuova iniziativa dell'UE per il trasferimento di tecnologie energetiche nel Terzo mondo

L'Unione europea ha varato "l'iniziativa per l'energia", progettata per offrire tecnologia, know how e capitale ai due miliardi di persone al mondo che vivono in zone dove scarseggia l'energia. L'obiettivo è quello di liberare le persone dalla povertà proteggendo nel contempo...

L'Unione europea ha varato "l'iniziativa per l'energia", progettata per offrire tecnologia, know how e capitale ai due miliardi di persone al mondo che vivono in zone dove scarseggia l'energia. L'obiettivo è quello di liberare le persone dalla povertà proteggendo nel contempo l'ambiente. L'iniziativa è stata istituita in collaborazione con il settore privato, istituti di finanziamento e la società civile. Hanno già aderito circa 17 paesi in via di sviluppo, due organizzazioni regionali e diverse organizzazioni del settore privato e della società civile. Il commissario europeo per lo Sviluppo e l'Aiuto umanitario Poul Nielson ha spiegato quali benefici tale iniziativa apporterà ai paesi in via di sviluppo. "Il consumo energetico dell'Africa si basa in larga misura sulla legna da ardere, raccolta a mano e trasportata per distanze sempre più lunghe. Ciò intensifica la deforestazione, la desertificazione, l'inquinamento negli ambienti chiusi e la povertà. Se non saranno elaborate alternative efficienti in termini di costo e più ecocompatibili, l'energia costituirà un notevole freno alla crescita economica ed allo sviluppo sostenibile in Africa". La Commissione europea mette già a disposizione 700 milioni di euro all'anno per l'assistenza allo sviluppo correlato all'energia nei paesi del Terzo mondo.

Paesi

Danimarca