Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La ricerca europea svolgerà un ruolo chiave nella sicurezza agroalimentare in Europa

La ricerca europea sarà un fattore di primaria importanza per assicurare il carattere innovativo delle politiche agricole ed alimentari dell'UE: è questa l'opinione dei commissari europei e dei rappresentanti della Presidenza danese che si sono riuniti il 10 settembre. In occ...

La ricerca europea sarà un fattore di primaria importanza per assicurare il carattere innovativo delle politiche agricole ed alimentari dell'UE: è questa l'opinione dei commissari europei e dei rappresentanti della Presidenza danese che si sono riuniti il 10 settembre. In occasione della riunione informale dei ministri dell'agricoltura dell'UE, svoltasi a Nyborg (Danimarca), alla quale hanno anche partecipato il commissario europeo per l'Agricoltura Franz Fischler e i rappresentanti dei paesi candidati, è stato riconosciuto che l'agricoltura svolge un ruolo determinante nel garantire il massimo livello di innovatività possibile delle politiche agricole in Europa. "Sono molto soddisfatto per l'atteggiamento positivo dei miei colleghi europei, sia degli Stati membri che dei paesi candidati, espresso a favore dell'idea di promuovere l'innovazione tramite la politica agricola comune", ha dichiarato l'attuale presidente del Consiglio "Agricoltura e pesca", il ministro danese per l'Alimentazione, l'Agricoltura e la Pesca Mariann Fischer Boel. "Vorrei altresì sottolineare quanto è importante che tale rafforzamento della capacità d'innovazione proceda in stretta collaborazione con le politiche delle imprese, della ricerca e dei consumatori". Ella ha aggiunto che l'industria agroalimentare europea si troverebbe in una posizione ottimale se riuscisse a trasformare la conoscenza e la ricerca d'avanguardia in nuovi prodotti e metodi di produzione efficienti, che prendano in considerazione "l'economia, l'ambiente, il benessere degli animali ed il desiderio di nutrirsi con alimenti sicuri e salutari". Il ruolo del prossimo sesto programma quadro (6PQ) è stato posto in evidenza dal commissario Fischler. Sebbene la ricerca comunitaria abbia già contribuito alla creazione di uno sviluppo rurale più sostenibile grazie a circa 1.000 progetti di ricerca agricola finanziati negli ultimi 10 anni dalla Commissione, il 6PQ conterrà un'intera area tematica prioritaria dedicata alla sicurezza alimentare ed alle questioni correlate. Intervenendo sugli stessi temi, il commissario europeo per la Salute e la Tutela dei consumatori David Byrne ha evidenziato il potenziale della biotecnologia nello stimolare alcuni dei cambiamenti innovativi. "È importante che l'innovazione nel campo biotecnologico non sia ostacolata da reazioni emotive e timori fondati su un'informazione inadeguata o prevenuta. Non è comunque ammissibile nulla che possa andare a scapito della sicurezza, della salute pubblica e dell'ambiente".