Skip to main content

Understanding the Micro-Environments of Diazotrophs and their Associated Activities in Rice

Article Category

Article available in the folowing languages:

Microrganismi che aiutano la produzione di riso

Gli scienziati dell’UE hanno studiato i microrganismi che vivono nel suolo e nelle piante, i quali rendono l’azoto nell’aria disponibile per le piante di riso. Le loro scoperte potrebbero facilitare una produzione di riso maggiormente sostenibile ed efficiente.

Alimenti e Risorse naturali

Il riso è la fonte primaria di cibo per più di tre miliardi di persone. La sua produzione è, tuttavia, limitata dalla quantità di azoto disponibile per le colture. Un maggiore apporto di azoto può essere integrato grazie ai concimi industriali, che però sono costosi e pericolosi per l’ambiente. Tale apporto può essere completato anche tramite l’impiego di microrganismi che prendono azoto dall’atmosfera e lo rendono biologicamente disponibile alle piante attraverso un processo chiamato fissazione dell’azoto. La fissazione dell’azoto è economica e non comporta alcuna conseguenza negativa per l’ambiente. Tuttavia, la nostra conoscenza circa la diversità degli organismi azotofissatori, e del modo in cui funzionano in natura, è incompleta. L’iniziativa DIAZOASSOCRICE (Understanding the micro-environments of diazotrophs and their associated activities in rice), finanziata dall’UE, ha studiato la diversità e l’attività di azoto-fissazione dei microrganismi presenti nel terreno dei campi di riso. I ricercatori dell’iniziativa hanno inoltre studiato il contributo dei diversi organismi per la fissazione dell’azoto, in quanto ai sistemi di produzione del riso. Gli scienziati hanno usato tecniche biogeochimiche e molecolari per l’analisi del terreno destinato alla coltura di due tipi di riso, in due aree distinte. Essi hanno identificato i microrganismi azotofissatori in ciascuna delle due aree e le condizioni che interessano la loro diversità. Il team di ricerca del progetto DIAZOASSOCRICE ha scoperto che la comunità di microrganismi presenti è stata influenzata principalmente da due fattori. Questi riguardano i microrganismi inerenti nel suolo e le condizioni biologiche all’interfaccia tra pianta e suolo. Gli scienziati del progetto hanno inoltre scoperto microrganismi fissatori di azoto in tutte le parti del terreno, anche in quei microambienti nei quali non si pensava vi fosse molta attività di azoto-fissazione. I risultati ottenuti dimostrano che vi sono vari microrganismi in grado di fissare l’azoto e che potrebbero beneficiare le colture di riso. In aggiunta, è necessario sottolineare che i ricercatori hanno isolato singoli tipi di organismi che attuano l’azoto-fissazione, i quali sono tuttora oggetto di studio per la loro capacità di supportare la vita delle colture di riso. Questi ceppi possono rappresentare nuovi candidati per l’applicazione in ambito di agricoltura sostenibile. I risultati dell’iniziativa DIAZOASSOCRICE potrebbero aiutare ad alleviare la carenza di azoto nelle colture di riso, evitando così l’uso di concimi industriali. Questo in ultima analisi contribuirà alla sicurezza alimentare globale.

Parole chiave

Microrganismi, riso, produzione di riso, suolo, fissazione dell’azoto, DIAZOASSOCRICE

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione