Skip to main content

Ecological effects of light pollution

Article Category

Article available in the folowing languages:

Come l’illuminazione artificiale notturna incide negativamente sulle comunità ecologiche

La crescita esplosiva dell’illuminazione elettrica sta sconvolgendo l’ambiente notturno naturale di estese parti della superficie terrestre. Benché stia crescendo la consapevolezza degli effetti nocivi dell’inquinamento luminoso sul comportamento di alcuni animali notturni, manca tuttavia una comprensione approfondita dei potenziali impatti.

Cambiamento climatico e Ambiente

La luce artificiale dell’illuminazione stradale e di altre fonti altera i cicli naturali della luce del giorno e delle stagioni. Si è scoperto che questo a sua volta altera la struttura e il funzionamento delle popolazioni vegetali e animali e delle comunità. Le conseguenze negative dell’inquinamento luminoso sugli ecosistemi “Da molto tempo si sa che le luci artificiali notturne alterano la fisiologia e il comportamento di organismi quali le falene, le tartarughe e gli uccelli marini,” dice il prof. Kevin J. Gaston, coordinatore del progetto ECOLIGHT (Ecological effects of light pollution), finanziato dall’UE. Questo inciderà sulle dinamiche delle loro popolazioni e sulla struttura e composizione delle comunità ecologiche. “ECOLIGHT ha condotto i primi importanti esperimenti per verificare tali effetti sulle popolazioni e le comunità,” dice. ECOLIGHT si è concentrato su due esperimenti. L’esperimento sul mesocosmo ha cercato per la prima volta di determinare gli impatti dell’illuminazione stradale sulla composizione multigenerazionale e la dinamica di semplici comunità di organismi multitrofiche. Era concepito in modo multifattoriale, con tre trattamenti luminosi notturni per ciascuna comunità di piante, piante-erbivori e piante-erbivori-predatori. “L’esperimento sul mesocosmo ha fornito importanti informazioni sugli impatti dell’illuminazione stradale, in circostanze in cui gli organismi non potevano muoversi per evitare il trattamento luminoso al quale erano esposti,” spiega il prof. Gaston. Per completare lo studio, è stato costruito un esperimento sul campo in cui appezzamenti di prati “aperti” erano sottoposti da uno a tre trattamenti luminosi. In questo caso, gli organismi potevano avvicinarsi o allontanarsi dagli appezzamenti in risposta ai trattamenti. Un grande vantaggio di ECOLIGHT è quello di aver assunto una prospettiva a lungo termine nella valutazione degli effetti dell’illuminazione artificiale notturna. Ciascuno dei due esperimenti principali è durato cinque anni. Ottenere importanti informazioni sugli esiti ecologici dell’inquinamento luminoso notturno I risultati rivelano che l’illuminazione stradale altera l’abbondanza di piante e di erbivori e predatori invertebrati. Inoltre cambia l’andamento del numero di tali specie e la struttura e funzione della comunità. Questi risultati derivano sia dagli impatti dal basso verso l’alto (controllo delle risorse) che dall’alto verso il basso (controllo delle prede) dell’illuminazione artificiale sull’abbondanza delle specie. È stata studiata una varietà di approcci per mitigare tali impatti della luce artificiale, tra cui attenuare l’illuminazione, cambiare lo spettro dell’illuminazione e diminuire il tempo di illuminazione. Anche se alcuni di questi hanno ridotto gli impatti, nessuno di essi era da solo sufficiente per eliminarli. Secondo il prof. Gaston, l’illuminazione stradale ha notevoli impatti ecologici pervasivi, e occorreranno approcci sfumati a tale illuminazione per limitarne gli effetti. “ECOLIGHT ha contribuito con importanti informazioni al dibattito sui compromessi tra le esigenze della società e la richiesta di illuminazione stradale, e gli impatti ambientali negativi di tale illuminazione,” conclude il prof. Gaston. “Produrrà un cambiamento radicale nella comprensione delle conseguenze ecologiche dell’inquinamento luminoso notturno.” Anche se il progetto si è ufficialmente concluso ad aprile 2017, i suoi ricercatori stanno attualmente utilizzando le immagini fornite dagli astronauti a bordo della Stazione spaziale internazionale. Questo aiuterà a determinare come lo spettro cromatico dell’illuminazione artificiale notturna varia in Europa e come sta cambiando nel tempo, nonché di creare la mappa dei profili di rischio ambientale.

Parole chiave

Inquinamento luminoso, illuminazione artificiale, luci notturne, ECOLIGHT

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione