Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Ricerca e innovazioni elementi indispensabili della futura politica agricola, afferma Fischer Boel

L'innovazione è la chiave per il futuro delle nostre politiche agricole e di sviluppo rurale, ha dichiarato il commissario europeo per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale Mariann Fischer Boel. Intervenendo il 22 gennaio all'Ost-West-Agrarforum di Berlino, Fischer Boel ha rico...

L'innovazione è la chiave per il futuro delle nostre politiche agricole e di sviluppo rurale, ha dichiarato il commissario europeo per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale Mariann Fischer Boel. Intervenendo il 22 gennaio all'Ost-West-Agrarforum di Berlino, Fischer Boel ha ricordato il ruolo vitale della ricerca e delle università nello sviluppo di nuove forme di pratiche agricole che siano al tempo stesso sostenibili ed economicamente proficue. 'Secondo me, abbiamo bisogno di un approccio alla competitività e all'innovazione del tipo 'dal produttore al consumatore'. Come in altri settori, dobbiamo trasferire la buona R&S (Ricerca e sviluppo) dai laboratori all'industria alimentare e alle fattorie', ha detto Fischer Boel. Il commissario ha spiegato che il Sesto programma quadro (6PQ) ha già fatto molto per stimolare l'innovazione tecnologica e per incoraggiare l'uso dei risultati della ricerca e il trasferimento della conoscenza e delle tecnologie nei settori agricolo e dello sviluppo rurale. 'Cosa forse più importante, il Settimo programma quadro (7PQ) svilupperà i risultati già ottenuti e darà ancora più importanza alla ricerca per un'Europa sempre più sostenibile', ha detto il commissario. E ha aggiunto: 'Non c'è bisogno di dire che l'agricoltura è strettamente legata alla sostenibilità globale e che la ricerca agricola svolge un ruolo fondamentale nell'attuale rinverdimento della PAC (Politica agricola comune). Il 7PQ riconoscerà che l'agricoltura è una fonte indispensabile di risorse umane che può essere usata per rafforzare la competitività dell'UE ma che può anche contribuire a soddisfare gli obiettivi di Kyoto e a ridurre la dipendenza dalle importazioni energetiche, ha proseguito Fischer Boel. Secondo il commissario, il nuovo documento di strategia europea per lo sviluppo rurale indicherà un chiaro legame tra sviluppo rurale e strategia di Lisbona e getterà le basi per un approccio più strategico a competitività, creazione di posti di lavoro e innovazione nelle aree rurali con nuove misure di formazione e d'investimento. Le misure contribuiranno a dare un impulso all'efficienza delle fattorie, ad aprire nuovi sbocchi per la produzione, a incoraggiare un uso più sostenibile delle risorse e a favorire, si spera, lo sviluppo dell'energia rinnovabile. Anche il miglioramento dei servizi locali e delle infrastrutture, ad esempio cablando i villaggi per le TI (tecnologie dell'informazione), aprirà nuove porte agli abitanti delle zone rurali con migliori opportunità di lavoro, istruzione, e accessibilità. Nel contesto della nuova politica di sviluppo rurale, verrà inoltre data la priorità alle misure d'investimento che favoriscono la competitività dei settori agricolo e di trasformazione alimentare. Con una politica di sviluppo agricolo e rurale sempre più centrata sull'innovazione 'la Commissione europea perseguirà un quadro di riferimento per politiche mirate che privilegino gl'investimenti nella competitività, ma anche la sostenibilità rurale, la qualità della vita, e l'agricoltura sostenibile, e che creino nuove opportunità occupazionali e di guadagno per gli agricoltori e le loro famiglie', ha concluso Fischer Boel.