Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Il PE approva il programma eContentplus

Il Parlamento europeo ha votato a favore del programma eContentplus, che vuole favorire lo sviluppo di contenuto plurilingue per i servizi online innovativi nell'UE, con un solo emendamento che porta il bilancio per il periodo 2005-2008 a 149 milioni di euro (invece dei 135 pr...

Il Parlamento europeo ha votato a favore del programma eContentplus, che vuole favorire lo sviluppo di contenuto plurilingue per i servizi online innovativi nell'UE, con un solo emendamento che porta il bilancio per il periodo 2005-2008 a 149 milioni di euro (invece dei 135 proposti dal Consiglio). La proposta eContentplus della Commissione si occupa della frammentazione del mercato del contenuto digitale europeo e vuole migliorare l'accessibilità, l'usabilità e lo sfruttamento delle informazioni geografiche, del contenuto culturale, del materiale educativo. 'Internet offre alle aziende dei contenuti un'opportunità unica di ampliare un mercato fino ad ora essenzialmente nazionale', ha dichiarato Viviane Reding, commissario europeo per la Società dell'informazione e i media, rallegrandosi per il voto positivo del Parlamento. 'Il programma eContentplus renderà più facile produrre e distribuire contenuto europeo online, stimolando così innovazione e creatività, e al tempo stesso aiuterà a salvaguardare e condividere le identità culturali e linguistiche dell'Europa, dando loro un posto più importante in Internet'. Il voto del Parlamento, ha aggiunto Reding, autorizza inoltre un bilancio sostanzialmente superiore a quello del programma precedente. Come spiega la Commissione, l'Europa non è riuscita fino ad ora a cogliere le opportunità offerte dalla convergenza dei media e dalla ricchezza globale di Internet, che hanno trasformato il contenuto digitale in una attività potenzialmente lucrativa. Le barriere legate alla molteplicità delle lingue, delle culture e delle pratiche dell'amministrazione pubblica e delle aziende hanno bloccato la creazione di servizi transfrontalieri europei basati sul contenuto digitale. La Commissione ha quindi proposto di adottare un programma di sostegno finanziario che renda il contenuto digitale europeo più accessibile, contribuendo in questo modo alla strategia di Lisbona e rafforzando la competitività europea nell'economia della conoscenza. 'Il nuovo programma coprirà le aree del mercato del contenuto digitale che in Europa mostrano una chiara frammentazione e nelle quali le sole forze di mercato non sono state sufficienti a pilotare la crescita, concentrandosi su tre settori: dati spaziali (o geografici), materiale educativo, contenuto culturale', spiega la Commissione. Il programma vuole assicurare una maggiore resa economica dei servizi basati sull'accesso e l'uso (o riuso) del contenuto digitale, ampliare la scelta degli utilizzatori, aiutare gli operatori a cogliere i benefici offerti dal contenuto digitale arricchito dalla conoscenza. Si pone quindi tre obiettivi operativi: facilitare l'accesso al contenuto digitale europeo, migliorare la qualità favorendo le buone prassi nel contenuto digitale, rafforzare la collaborazione e la consapevolezza tra gli operatori di contenuto digitale. 'In Europa, è stato ora fatto il primo passo per sfruttare appieno l'inesplorato potenziale del contenuto digitale', conclude la Commissione.