Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

L'astronomo polacco ha le stelle negli occhi e Copernico nei geni

Se vi capitasse di chiedere agli astronomi polacchi perché il loro paese produce più eminenti specialisti in scienze dello spazio di quanto sarebbe logico aspettarsi, quasi subito uno di loro vi risponderebbe: 'Perché abbiamo Copernico nei nostri geni'. Agl'inizi degli anni ...

Se vi capitasse di chiedere agli astronomi polacchi perché il loro paese produce più eminenti specialisti in scienze dello spazio di quanto sarebbe logico aspettarsi, quasi subito uno di loro vi risponderebbe: 'Perché abbiamo Copernico nei nostri geni'. Agl'inizi degli anni 90, quando si stava riparando l'immenso radiotelescopio dell'osservatorio di Arecibo (a Portorico), il professor Wolszczan profittò dell'immobilità del telescopio e convinse il direttore a lasciarglielo usare per cercare pulsar di corto periodo. Ne trovò, e una di esse, che mostrava un comportamento particolarmente insolito, risultò più tardi ospitare il primo sistema planetario mai scoperto al di fuori del nostro. Quando, nei primi anni 90, la notizia fu resa pubblica, la ricerca di Wolszczan scatenò in tutto il mondo la caccia ad altri sistemi planetari extraterrestri, e la fama che gliene derivò fu tale da renderlo, per usare le sue stesse parole, un celebrità di 'basso livello' in patria. Di così basso livello, in effetti, che il suo ritratto apparve su uno dei 16 francobolli stampati per commemorare i successi polacchi dell'ultimo millennio. Bohdan Paczynski, professore di astrofisica all'università di Princeton (USA), considera quella di Wolszczan 'la più grande scoperta di un astronomo polacco dopo Copernico'. È difficile dire se Copernico sovrabbondi o meno nei geni di Wolszczan, ma guardando alla forza dell'astronomia polacca in genere il professore pensa che nell'affermazione dev'esserci qualcosa di vero. Dopo aver riconosciuto il contributo della tradizione copernicana, Wolszczan indica tuttavia anche un'altra e più pratica ragione che spiegherebbe la forza del paese nelle scienze spaziali. 'Un importante numero di buoni astronomi [polacchi] lavora negli USA, ma mantiene i contatti con la Polonia, e questo ci aiuta molto. Abbiamo alcuni eccellenti elementi strategicamente piazzati nelle strutture americane', sostiene. Pur continuando ad insegnare nel centro Torun per l'astronomia dell'università Nicolaus Copernicus, Wolszczan passa ora la maggior parte del tempo presso la Pennsylvania State University, dove ha ottenuto una borsa Evan Pugh in astronomia e astrofisica. Visto che lui stesso è emigrato, il Notiziario CORDIS gli ha chiesto se pensa che la fuga dei cervelli dalla Polonia verso gli USA sia una realtà in crescita, e in tal caso come la spiega. 'Ammetto che vi è una fuga di cervelli verso gli USA, e credo di sapere perché. Gli Stati Uniti offrono più opportunità e, in un certo senso, una maggiore flessibilità. Se una istituzione americana pensa che una persona valga, gli si aprono un sacco di opportunità: la vita è resa facile ai migliori'. Wolszczan ha continuato: 'Non dico che tale atteggiamento [flessibile] non esista nell'Europa orientale, o nell'Europa tout court, dico che vi è troppa amministrazione. I programmi quadro, per fare un esempio, sono estremamente utili, ma prima dovete passare attraverso una vera foresta di cartaccia. La procedura dovrebbe essere resa più facile, cosa che non dovrebbe creare problemi'. Pur ammettendo che trascorrere la maggior parte del tempo negli USA rende il suo punto di vista sulla scienza polacca alquanto soggettivo, Wolszczan continua a pensare che sia necessario ristrutturare ulteriormente la scienza fondamentale. 'L'integrazione europea sarà vantaggiosa, se ben usata', ha detto. 'Ma dobbiamo abbandonare la scomoda eredità del precedente sistema, troppo gerarchizzato e tradizionale. [...] C'è ancora gente che si oppone al cambiamento, e questa resistenza non è stata ancora vinta'. Anche se la scienza polacca, in generale, ha lavorato 'sorprendentemente bene' rispetto a quella di altri paesi di livello comparabile, Wolszczan ha ancora qualche dubbio sulla strada che il paese dovrebbe seguire in futuro. 'Sarei tentato di dire che quando non si è un gigante nel campo scientifico è meglio individuare poche aree d'importanza mondiale e lavorarci sopra. Ma in questo modo si corre il rischio di perdere la visione più ampia, e forse la cosa migliore è cercare un qualche compromesso tra le due alternative', ha opinato. Alla domanda su come la sua scoperta gli abbia cambiato la vita, Wolszczan risponde con indubbia filosofia: 'Mi ha trasformato in qualcosa di simile a una celebrità di basso livello, una sensazione ovviamente piacevole. Quel che importa però è che la situazione mi permette di essere utile in Polonia. La scoperta che ho fatto per puro caso ha completamente cambiato la mia visione e mi ha fatto capire quanto sia importante trasmettere ad altri il proprio sapere'. Wolszczan afferma con decisione che una più approfondita conoscenza del nostro universo è indispensabile per la sopravvivenza nel lungo termine come razza. 'Se troveremo vita altrove - e non è necessario che si tratti ometti verdi, andrebbe bene anche una forma molto semplice - avremo un motivo importante per cambiare la civiltà qui sulla Terra, e c'è da sperare che diventeremo un poco più sensibili', ha dichiarato. Ma anche se dopo aver cercato a lungo e intensamente non troveremo niente, l'esperienza fatta ci sarà utile perché capiremo quanto è veramente unico il nostro agitato pianeta, ha concluso Wolszczan.

Paesi

Polonia