Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Microsoft comunica una nuova iniziativa di ricerca europea

In coincidenza con l'invito del commissario europeo per l'Informazione e i media ad aumentare il finanziamento per la ricerca nella tecnologia dell'informazione, la Microsoft ha annunciato il lancio di una nuova iniziativa per accelerare l'innovazione nella scienza e nell'info...

In coincidenza con l'invito del commissario europeo per l'Informazione e i media ad aumentare il finanziamento per la ricerca nella tecnologia dell'informazione, la Microsoft ha annunciato il lancio di una nuova iniziativa per accelerare l'innovazione nella scienza e nell'informatica nell'UE e per creare una rete di centri di ricerca d'élite. Annunciando il 2 febbraio a Praga l'iniziativa EuroScience, il presidente della Microsoft Bill Gates ha spiegato che lo scopo del programma pluriennale è dare una forte accelerata alla ricerca collaborativa lì dove informatica e scienze si intersecano, concentrandosi principalmente sui nuovi paradigmi di calcolo, la scienza computazionale e gli ambienti intelligenti. 'Avvicinando l'una all'altra la tecnologia informatica e la scienza, l'iniziativa EuroScience accelererà i progressi nelle aree chiave, come le scienza della vita e la fisica, l'ingegneria e l'agricoltura', ha dichiarato Gates. L'iniziativa è stata annunciata nello stesso giorno in cui la Commissione rilanciava l'agenda di Lisbona, invitando gli Stati membri ad accelerare lo sviluppo tecnologico e il finanziamento della ricerca e sviluppo (R&S) e a creare un istituto di tecnologia europeo che dovrebbe rivaleggiare con il MIT (Massachusetts Institute of Technology) americano. Una parte importante del programma EuroScience sarà l'investimento in una rete di centri di eccellenza europei legati alle istituzioni di ricerca chiave. Similmente la Commissione, nel suo Piano di azione modificato, ha avanzato l'idea di ricreare il leggendario MIT, che, ha dichiarato, 'agirebbe da polo d'attrazione per i migliori cervelli, idee e società di tutto il mondo' e sarebbe in parte finanziato con fondi pubblici e in parte con fondi privati, con diramazioni in altri paesi dell'UE. Microsoft Research investirà in una rete di centri di eccellenza legati ad una particolare area di ricerca. Il primo, il Centro per la biologia computazionale e dei sistemi, è una joint-venture di cui fanno parte il governo italiano e l'università di Trento. Come ha spiegato Gates, i ricercatori di questo centro si concentreranno sulla creazione degli strumenti computazionali della prossima generazione, per mettere i biologi ed altri esperti delle scienze della vita in condizione di capire meglio e prevedere i processi complessi dei sistemi biologici. Questi strumenti potrebbero portare a nuovi approfondimenti sull'origine delle malattie, a nuove terapie e a migliori vaccini. 'L'iniziativa sosterrà la creazione di nuovi generi di ricerca scientifica convergente', ha dichiarato Letizia Moratti, ministro italiano dell'Istruzione, università e ricerca. 'Il centro di Trento ha tutte le carte in regola per sostenere la nuova crescita economica in Trentino e altrove, per non parlare dell'appoggio alle industrie tradizionali come l'agricoltura e l'agronomia', ha aggiunto. Altri centri verranno annunciati nei mesi a venire, e sono in corso discussioni con vari istituti di ricerca in Francia, Germania e Regno Unito. L'iniziativa EuroScience è un partenariato pubblico-privato. Nel caso dell'università di Trento, il governo italiano contribuirà al 60% del bilancio, e la Microsoft coprirà la differenza. Microsoft fornirà scienziati esperti di software e d'informatica. L'iniziativa prevede inoltre programmi di borse di studio, borse di specializzazione, premi e workshop. 'Nelle università europee il livello d'innovazione è buono, e il software è diventato un grande veicolo per la ricerca', ha dichiarato Gates. [...] Quando calcolo e software possono far avanzare la scienza, vuol dire che siamo a buon punto', ha aggiunto. 'Promuovendo l'investimento, l'ampia partecipazione e i progressi critici nelle priorità di ricerca di EuroScience, siamo certi che la comunità scientifica, l'industria europea e il governo riusciranno, tutti insieme, a liberare il pieno potenziale dell'Europa', ha concluso Jean-Philippe Courtois, CEO della Microsoft EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa).

Paesi

Germania, Francia, Italia