Skip to main content

ECCOCAR: a disruptive car sharing platform that advances the connected cars era

Article Category

Article available in the folowing languages:

Nuove frontiere per il car sharing grazie ai progressi tecnologici

Il modello del car sharing si è già rivelato valido in termini di risparmio, efficienza e sostenibilità. Un progetto finanziato dall’UE ne ha esteso i vantaggi, rendendo possibile l’abbassamento futuro dei costi sostenuti dalle società che offrono questo servizio e l’ulteriore alleggerimento dei problemi connessi alla mobilità nelle grandi città.

Trasporti e Mobilità

I programmi di car sharing offrono una miriade di benefici per le persone e per l’ambiente. L’iniziativa ECCOCAR ha dimostrato di poterne offrire ancora di più, grazie a una soluzione tecnologica applicabile ai servizi da impresa a consumatore (B2C), di autonoleggio e per le imprese. «In quanto start-up per la mobilità che fornisce soluzioni di car sharing e di auto connesse, i dati o le analisi che siamo in grado di produrre possono essere utili non solo per le società o i clienti che collaborano con noi in termini di conoscenza della mobilità dei propri dipendenti, ma anche per le istituzioni e i municipi impegnati a raggiungere la sostenibilità», afferma Alejandro Parralejo, membro del progetto responsabile dell’area marketing e comunicazione. Alla meta, fino in fondo ECCOCAR ha implementato una serie di progetti pilota per diversi clienti. Questo lavoro ha consentito ai partner di definire più indicatori e metriche chiave di prestazione e di migliorare la qualità del prodotto, per una maggiore scalabilità nel futuro. Il team ha adattato il prodotto alle diverse esigenze dei clienti e alle loro richieste di funzionalità aggiuntive. «Abbiamo monitorato l’utilizzo che questi clienti stavano facendo delle proprie auto connesse al fine di quantificare il successo da loro ottenuto in settori differenti grazie all’impiego della nostra tecnologia», spiega Parralejo. Con l’aumento del numero di clienti e progetti pilota, ECCOCAR ha dovuto ottimizzare il processo di installazione dei suoi dispositivi all’interno dei veicoli. Inizialmente il processo consisteva di due diverse fasi, il che ha comportato una problematica per quanto concerne le tempistiche. «Tuttavia, abbiamo raggiunto degli accordi con più partner per cercare di velocizzare il processo di installazione, eliminando le fasi di pre-installazione e di installazione», sottolinea Parralejo. A questo scopo, sono stati effettuati dei lavori per realizzare soluzioni di integrazione mediante un’interfaccia di programmazione di un’applicazione (API, application programming interface) per il veicolo, che evitano la necessità di un’installazione «in situ». I dibattiti tecnologici mostrano la strada Al di là degli sforzi compiuti per lo sviluppo dei prodotti, il team di ECCOCAR ha dedicato del tempo ad aprire nuovi canali di vendita e a promuovere il proprio prodotto in diversi eventi, per professionisti del settore e non. «Abbiamo anche lavorato per acquisire nuovi clienti, generare nuovi contatti e trovare nuovi possibili investitori», evidenzia Parralejo. La start-up spagnola ha preso parte attiva a conferenze ed eventi in materia di mobilità sostenibile e auto connesse, tra cui congressi dei gestori di flotte del Messico (AIAFA, Asociación Internacional de Administradores de Flotas de Automóviles) e della Spagna (AEGFA, Asociación Española de Gestores de Flotas de Automóviles), partecipando agli ultimi in qualità di sponsor. Il team ha inoltre preso parte a eventi legati all’ecosistema delle start-up. Soluzioni rivoluzionarie per la mobilità e il mercato «La nostra tecnologia offre la possibilità di generare dati utilizzabili per trovare delle soluzioni ai problemi connessi alla mobilità nelle grandi città per quanto riguarda l’elevato numero di automobili e per ridefinire la strategia volta alla loro risoluzione», rimarca Parralejo. Non solo, la soluzione di ECCOCAR ha il potenziale per offrire servizi a valore aggiunto rivoluzionari che, inoltre, miglioreranno l’esperienza utente nel car sharing. Un video pubblicato su Youtube fornisce una panoramica generale di ciò che ECCOCAR offre. La start-up ha appena terminato di sviluppare un servizio di car sharing per le società di autonoleggio. «Vogliamo lanciare il nostro prodotto in questo mercato e vi riponiamo grandi speranze perché incide sul fulcro dell’attività dei clienti bersaglio e riteniamo che possa avere un impatto molto buono sul mercato», conclude. Gli sviluppi in corso amplieranno l’assortimento e le dimensioni della clientela, aggiungendo a flotte aziendali e imprese di autonoleggio anche istituzioni pubbliche e municipi. Il team, infine, punta ad adattare il proprio prodotto per scooter, motocicli e bike sharing.

Parole chiave

ECCOCAR, car sharing, mobilità, start-up, auto connessa, autonoleggio, mobilità sostenibile, gestore di flotte

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione