Skip to main content

Embedding crop diversity and networking for local high quality food systems

Article Category

Article available in the folowing languages:

Un modello «orientato alla vita» per l’agricoltura futura

È tempo di cambiare. Con la diversità agricola ai minimi storici, il consorzio DIVERSIFOOD ha raccolto preziose conoscenze sulle colture dimenticate e sottoutilizzate per costruire un mercato più diversificato e sostenibile in cui la qualità viene prima di tutto.

Alimenti e Risorse naturali

Negli anni settanta, gli scienziati in Europa hanno iniziato a compilare banche genetiche per le specie di piante commestibili. Mentre moderne varietà e pratiche agricole prendevano d’assalto il mercato, si sono resi conto di non avere molto tempo prima che intere varietà di vegetali si estinguessero. La storia ha dato loro ragione: anche se sono state circa 7 000 le piante utilizzate storicamente in agricoltura, il 75 % del cibo mondiale proviene attualmente da sole 12 piante e cinque animali. Secondo la FAO, il 60 % dell’apporto calorico della popolazione mondiale è generato da tre sole piante: il riso, il grano e il mais. E le banche genetiche non si sono evolute molto da quando sono state create. «Il nostro progetto si basa su due ipotesi: la prima è che la diversità dei vegetali coltivati sia la base per la creazione di sistemi alimentari più sostenibili e resilienti. La seconda è che l’obiettivo finale di tali sistemi agricoli resilienti sia quello di fornire cibo di alta qualità», afferma la dott.ssa Véronique Chable, scienziata senior presso l’INRA e coordinatrice di DIVERSIFOOD (Embedding crop diversity and networking for local high quality food systems). L’obiettivo principale del progetto è quello di sviluppare un concetto di qualità alimentare in questa direzione. Coprendo l’intera filiera alimentare dalle risorse genetiche alla commercializzazione, il consorzio ha valutato le risorse genetiche di una dozzina di specie vegetali sottoutilizzate e dimenticate, creando metodi di allevamento innovativi, gestendo la diversità nelle Banche di semi comunitarie, conducendo sondaggi e fornendo raccomandazioni per una gestione migliore dei sistemi di semi e una migliore organizzazione della ricerca. Questo è ciò che la dott.ssa Chable definisce un paradigma «orientato alla vita», con l’obiettivo di aumentare la diversità a tutti i livelli della catena del valore. «Invece di selezionare varietà uniformi (quali linee pure, ibridi F1 e cloni), abbiamo creato nuove varietà di popolazione in cui tutte le piante all’interno di una singola popolazione sono geneticamente differenti. Ciò è essenziale per la sostenibilità, le prestazioni delle colture, la qualità del cibo e la salute delle piante», afferma la dott.ssa Chable. Oltre a far rivivere la diversità, il consorzio spera che il progetto consentirà uno spostamento culturale in cui al primo posto ci saranno i processi viventi, piuttosto che le leggi dei mercati. Ci si aspetta che i nuovi modelli organizzativi di DIVERSIFOOD contribuiscano a sostenere processi pionieristici e con diversi attori integrati nei territori e nelle comunità e a sostenere l’emergere di sistemi alimentari basati sulla diversità e sostenibili nel lungo termine. «Dal canto suo, DIVERSIFOOD sta esaminando quali strade possano essere previste per supportare e finanziare in modo efficace queste iniziative locali e collettive», sottolinea la dott.ssa Chable. La conclusione del progetto è prevista per febbraio 2019. Da quel momento in poi, il team mirerà a una più ampia implementazione del proprio concetto. «È tempo di iniziare una transizione da prove di concetto e storie di successo a una distribuzione più sistematica del nostro approccio collettivo, multi-attore e multi-conoscenza alla diversità dei sistemi alimentari. Mobiliteremo collettivamente cittadini e responsabili politici, con particolare attenzione agli scienziati che richiedono un’adeguata formazione transdisciplinare e agli agricoltori all’interno di reti che hanno bisogno di assistenza e sostegno per intraprendere con successo attività di selezione e ricerca vegetale. Né il quadro di finanziamento del progetto, né il «mercato» riescono a soddisfare questi bisogni da soli. Dobbiamo cercare modelli organizzativi e di finanziamento alternativi che abbiano un impatto su una scala significativamente più ampia», conclude la dott.ssa Chable.

Parole chiave

DIVERSIFOOD, agricoltura, paradigma, colture dimenticate, qualità del cibo, varietà

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione

Chiedi a un esperto
Alimenti e Risorse naturali

28 Settembre 2022