CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Immersive Cabin

Article Category

Article available in the following languages:

Studio fa luce sull’impatto della realtà aumentata e di quella virtuale durante il volo

Per generare entrate aggiuntive e aumentare la soddisfazione dei passeggeri, le linee aeree intendono offrire esperienze di realtà aumentata (AR) e realtà virtuale (VR) ai clienti. Un’iniziativa dell’UE ha esaminato quali sfide presentano le tecnologie immersive in alto nel cielo.

Economia digitale icon Economia digitale
Trasporti e Mobilità icon Trasporti e Mobilità

Le tecnologie immersive forniscono intrattenimento e relax, offrono nuovi modi per promuovere e vendere prodotti durante i voli, e possono ridurre lo stress dei passeggeri durante i tempi stretti delle operazioni di trasbordo. Eliminare gli ostacoli per VR e AR riguardanti comfort, comunicazione e sicurezza Ci sono vari ostacoli da superare prima di introdurre con successo le tecnologie immersive. Le comunicazioni con gli assistenti di volo possono essere influenzate, potenzialmente ripercuotendosi sull’efficienza del servizio e persino sulla sicurezza dei passeggeri. Persino a terra, AR e VR possono causare una sensazione di malessere. Questo effetto può peggiorare durante il volo. Per affrontare questi problemi, il progetto IMCA, finanziato dall’UE, «ha sviluppato e valutato un’esperienza immersiva prendendo in considerazione fattori umani quali salute e benessere, sicurezza, integrazione nel velivolo, e aspetti commerciali e legali», dice Antoine de Reus, il coordinatore del progetto. «Le opportunità che VR e AR presentano, come strumenti intuitivi e veloci per informare i passeggeri riguardo ai loro voli e alle loro destinazioni, e come metodi innovativi e migliorati per intrattenere i passeggeri mentre si è in volo, sono tutti nuovi», aggiunge. Le linee aeree stanno iniziando i primi esperimenti in assoluto con le tecnologie immersive. Il progetto ha avuto inizio con la valutazione della possibilità di utilizzare diverse tecnologie per applicazioni di VR e AR durante il volo. Il team ha selezionato tre di questi dispositivi attualmente disponibili in commercio. Per raggiungere i suoi obiettivi, IMCA ha sviluppato una metodologia per identificare e valutare potenziali problematiche del fattore umano che interessano le esperienze immersive e le preoccupazioni relative alla sicurezza in cabina. Essa offre un supporto pratico fornendo una lista di controllo per identificare le potenziali problematiche e una panoramica di strumenti e metodologie per valutare lo stato dei passeggeri. Quest’ultima aiuta a scegliere i giusti strumenti di misurazione per rispondere alle domande relative alla valutazione. Infine, i partner del progetto hanno testato la metodologia attraverso lo studio degli effetti che i passeggeri che usano visori VR hanno su sicurezza, servizio a bordo, esperienza e comfort. L’esperimento ha avuto luogo in un simulatore della cabina dotato di movimento con 40 volontari e l’equipaggio. Sono stati esposti a vari scenari di volo, che spaziavano da un volo tranquillo a uno con una rapida decompressione. Questo tipo di test sperimentale è di per sé unico e rappresenta una novità a livello mondiale. I dati raccolti hanno realmente aiutato a ottenere delle intuizioni relative agli affetti dell’uso della VR a bordo. Il servizio sugli aeroplani che usano VR e AR sarà all’altezza delle aspettative? I risultati mostrano che sebbene la VR possieda un valore aggiunto per i passeggeri, essa influisce anche sulle comunicazioni con l’equipaggio e potrebbe incidere sulla sicurezza a bordo. De Reus sottolinea che: «Quando si sviluppano applicazioni VR è importante considerare questi problemi, tenendo presente che un visore VR può essere informativo e rilassante, ma non dovrebbe andare a discapito dell’interazione con l’equipaggio e della sicurezza». «Mancano ancora diversi anni prima dell’adozione di massa della realtà virtuale e di quella aumentata, quindi una loro introduzione in modo responsabile nella cabina di un aeroplano varca i limiti dello stato dell’arte», conclude de Reus. «IMCA ha fatto luce sui reali benefici dell’utilizzo di VR e AR a bordo dei voli, e sui problemi che si dovranno affrontare in futuro riguardanti salute e benessere dei passeggeri, sicurezza e protezione del volo, questioni legali e comportamenti culturali adeguati, per non parlare dell'architettura e dell'integrazione nel sistema aeronautico».

Parole chiave

IMCA, VR, passeggero, AR, tecnologie immersive, linee aeree, visore VR, cabina dell’aeroplano, sicurezza e protezione del volo

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione