Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La piattaforma NEWS fa entrare le agenzie nel XXI secolo

La fase di ricerca di NEWS, la piattaforma di servizi web per i motori di ricerca riservati alle notizie (news engine), è giunta al termine. Grazie alla collaborazione di ricercatori provenienti da Germania, Israele, Italia e Spagna, il progetto ha consentito lo sviluppo di un...

La fase di ricerca di NEWS, la piattaforma di servizi web per i motori di ricerca riservati alle notizie (news engine), è giunta al termine. Grazie alla collaborazione di ricercatori provenienti da Germania, Israele, Italia e Spagna, il progetto ha consentito lo sviluppo di una piattaforma di servizi di news che "classificheranno, annoteranno e analizzeranno le notizie". Obiettivo dei partner della ricerca è di commercializzare la piattaforma. "Finora le classificazioni si basavano generalmente su una dozzina di termini, come sport, notizie internazionali, finanza, che i giornalisti conoscevano a memoria", ha dichiarato a IST Results il dott. Ansgar Bernardi, vicedirettore del gruppo di gestione della conoscenza presso DFKI, il centro di ricerca tedesco per l'intelligenza artificiale. "Non è un metodo molto preciso. Il nostro sistema può analizzare automaticamente una notizia e accedere a 1.300 termini di classificazione per definirla", ha aggiunto. Il progetto è stato finanziato nell'ambito dell'area tematica dedicata alle tecnologie della società dell'informazione (TSI) del Sesto programma quadro (6PQ). In pratica il sistema consente di trovare le notizie facilmente e in modo "intelligente". La piattaforma si basa su progetti relativi al "web semantico" che mira a fornire un mezzo universale per far sì che i computer "capiscano" le pagine web. Le ricerche offrono un'ampia varietà di argomenti e i risultati consistono in un gran numero di dati che definiscono il contenuto delle notizie. Per esempio, una ricerca sul Presidente della Commissione europea nell'aprile 2005 produrrà come risultato una serie di articoli su Barroso pubblicati un anno fa. Il sistema non deve essere "addestrato" per analizzare argomenti specifici. Per evitare confusioni, quando per esempio si cercano informazioni sul cantante Michael Jackson, ma si trovano notizie sull'esperto di birra dal nome omonimo, il sistema potrebbe rivelarsi uno strumento pratico. "All'inizio era solo un sottoprodotto della nostra attività principale, ma il sistema funziona correttamente e a mio avviso potrebbe suscitare molto interesse nel mondo scientifico", sostiene il dott. Bernardi. "Prevediamo che gli utenti della piattaforma adotteranno e svilupperanno la funzionalità di base per rispondere alle informazioni che intendono analizzare". Finora i due anni di ricerca sono stati proficui e l'interesse suscitato ha consentito di ottenere i finanziamenti per proseguire le ricerche. "Durante il progetto abbiamo sviluppato una vasta rete e il consorzio ha deciso di offrire un sostegno reciproco per altri due anni. Nel frattempo cerchiamo sbocchi commerciali. Diverse agenzie di stampa hanno già mostrato interesse per la piattaforma" ha dichiarato. I partner comprendono il centro di ricerca tedesco per l'intelligenza artificiale, Ontology Ltd in Israele, l'Agenzia ANSA in Italia, l'Agenzia di stampa EFE in Spagna e l'Università Carlos III di Madrid.

Paesi

Germania, Spagna, Israele, Italia