CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Article Category

Intervista
Contenuto archiviato il 2024-04-17

Article available in the following languages:

Avviare un dialogo innovativo

Innovazione è un termine di moda ormai da tempo nei corridoi europei: l'innovazione, ci dicono, è la strada da seguire per consentire all'economia comunitaria di sopravvivere contando solo sulle sue forze e per garantire la nostra prosperità a lungo termine. Tuttavia, come e...

Innovazione è un termine di moda ormai da tempo nei corridoi europei: l'innovazione, ci dicono, è la strada da seguire per consentire all'economia comunitaria di sopravvivere contando solo sulle sue forze e per garantire la nostra prosperità a lungo termine. Tuttavia, come evidenziato dal numero interminabile di relazioni e conferenze sul tema, le persone amano molto parlare di innovazione ma, in pratica, come si fa a innovare? Il dottor Roland Strauss ha avuto un'idea: occorre far dialogare tra loro le società innovative e utilizzare l'insieme delle conoscenze a vantaggio di tutti. "In passato ho avuto clienti di settori innovativi, e volevano tentare di individuare aziende di altri paesi dell'UE con interessi simili ", ha dichiarato il dottor Strauss in un'intervista con il Notiziario CORDIS. "Pertanto abbiamo riunito le principali parti interessate che costituivano tale ecosistema dell'innovazione", ha dichiarato. Ciò ha posto le basi per alimentare, attraverso il dialogo, l'innovazione all'interno dell'Europa, inducendo società innovative a diversi livelli a comunicare tra loro. Il dottor Strauss ha presentato per la prima volta le sue idee alla comunità imprenditoriale europea in occasione del lancio da parte della sua società del dialogo sull'innovazione europea (EID), tenutosi a Bruxelles nel dicembre 2005; le ha poi successivamente ribadite in una presentazione al Parlamento europeo lo scorso gennaio. Ciò è avvenuto poco prima della pubblicazione della relazione del gruppo autorevole di esperti sull'innovazione, presieduto dall'ex primo ministro finlandese Esko Aho - un progetto di prosperità tramite l'innovazione. Tuttavia, le ragioni che hanno spinto il dottor Strauss a perseguire l'innovazione sono scaturite da un'osservazione più semplice: uno sguardo alle prospettive che attendono le generazioni future. "A dire il vero penso ai miei figli", ha affermato. "Sono stato l'ambasciatore tedesco dell'UE in materia di normazione, pertanto ho un'idea precisa della competitività globale. La chiave consiste nel guardare al futuro da una prospettiva globale. La competitività, la crescita e l'occupazione dell'Unione dipendono dal saper capitalizzare sull'innovazione, dal mantenere elevati gli standard di vita. Si tratta di un aspetto fondamentale per il ritorno economico dell'Unione", ha osservato. Roland Strauss, socio della Platte Strauss Partners con sede a Bruxelles, ha sviluppato l'idea dell'EID, vale a dire incoraggiare l'innovazione stimolando la comunicazione tra partner innovativi. L'idea dell'ecosistema è essenziale per l'EID. L'innovazione può produrre risultati solo se fa parte di un ecosistema di innovazione sano. Di conseguenza, se mancano i protagonisti, l'innovazione non può prosperare. "Se l'ecosistema non è completo, l'innovazione non avrà luogo", ha affermato semplicemente. Il dottor Strauss auspica che l'EID possa diventare il lubrificante in grado di far funzionare gli ingranaggi e mettere in moto un ambiente orientato all'innovazione, e il modo migliore per conseguire tale obiettivo è incoraggiare il dialogo."La dimensione principale dell'EID consiste nel colmare il divario tra la politica ad alto livello in sede nazionale, di UE, o di strategia di Lisbona, e l'operatore locale, che si scontra con difficoltà quotidiane per promuovere efficacemente l'innovazione. Esistono legami tra questi due livelli, ma vogliamo ridurre tale divario", ha spiegato. Il dialogo può avvenire anche ad altri livelli, fa notare Strauss. Ad esempio, le singole città possono essere propulsori di innovazione, e la città finlandese di Oulu sponsorizza la prossima manifestazione dell'EID, la prima di una serie di iniziative regionali incentrate sull'innovazione. Oulu ha alle spalle una storia importante di sviluppo "dell'ecosistema dell'innovazione", ed è disponibile a condividere le esperienze acquisite. La prima iniziativa regionale si svolgerà a Budapest dal 21 al 23 giugno, e usufruirà del forte sostegno del governo ungherese. "Volevamo riunire operatori dell'innovazione per discutere come l'innovazione possa promuovere la crescita economica in Ungheria", ha dichiarato Strauss, che spera che ciò venga tradotto in pratica, attraverso quattro iniziative che coinvolgano esperti. La prima tenterà di individuare la politica che possa permettere all'innovazione di prosperare in Ungheria. Il secondo gruppo di esperti studierà le modalità per finanziare adeguatamente l'innovazione. Il terzo, un gruppo dedicato alle migliori prassi, comprenderà esperti provenienti da Oulu o da imprese innovative che condivideranno le loro esperienze, e infine ci sarà la tavola rotonda sul piano d'azione, il cui obiettivo è tentare di riunire le conoscenze dei primi tre gruppi di esperti per elaborare una ricetta per l'innovazione ungherese. Un problema che il dottor Strauss ha dovuto inizialmente affrontare è stato il coinvolgimento delle piccole e medie imprese (PMI), che di solito non hanno i fondi per conferenze di tale portata. "è difficile coinvolgere le PMI a causa della mancanza di risorse", ha osservato. Si tratta di un ostacolo non irrilevante, in quanto le società innovative sono spesso PMI, che rappresentano quasi il 60 per cento del PIL dell'UE. "Tentiamo pertanto di coinvolgere le PMI nella fase precedente la conferenza, inducendole a partecipare alle sessioni informative. Saremo in grado di offrire incontri bilaterali, organizzati dal sito Internet della conferenza. Questa soluzione offre alle PMI la possibilità di trattare con funzionari dei governi nazionali e regionali questioni quali il programma quadro, la proprietà intellettuale, il trasferimento di tecnologia, le sovvenzioni UE e così via", ha affermato. Le PMI avranno pertanto l'opportunità di avviare dialoghi con le aziende di maggiori dimensioni. Ancora una volta, si tratta di comunicare e di aprire linee di accesso. Roland Strauss è convinto che, dopo qualche incontro, le imprese più grandi scopriranno di avere spazio per alcuni degli operatori minori come parte della loro strategia di innovazione. Saranno presenti rappresentanti del governo per rispondere alle domande dei delegati del pubblico, ad esempio riguardo alle misure da adottare per aiutare le imprese. In pratica, è questo il modo in cui Strauss vuole immaginare il futuro dei propri figli - in un ambiente che incoraggia l'innovazione. "Riportiamo tutto al livello di base, una cosa che la Commissione non può fare", ha dichiarato.

Paesi

Ungheria