Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Il governo irlandese investe nelle ricercatrici

Il governo irlandese ha annunciato un investimento pari a 4,8 milioni di euro in due programmi per la promozione del ritorno delle donne alle professioni della scienza e dell'ingegneria. Gran parte della somma investita, 4,3 milioni di euro, sarà assegnata a 10 ricercatrici ...

Il governo irlandese ha annunciato un investimento pari a 4,8 milioni di euro in due programmi per la promozione del ritorno delle donne alle professioni della scienza e dell'ingegneria. Gran parte della somma investita, 4,3 milioni di euro, sarà assegnata a 10 ricercatrici per un periodo di tre anni nell'ambito del programma "Principal Investigator Career Advancement Award" (PICA) di Science Foundation Ireland (SFI), che aiuta le donne a riprendere la loro carriera di ricercatrici dopo un congedo di maternità, di adozione, di assistenza o parentale. I restanti 503.000 andranno allo sviluppo di iniziative universitarie a lungo termine destinate alle donne e a promuoverne la partecipazione nel mondo della scienza e dell'ingegneria. I fondi saranno erogati nell'ambito di un altro programma di SFI, l'"Institute Development Award", a tre delle università del paese, lo University College di Cork (UCC), il Trinity College di Dublino (TCD) e l'università di Limerick (UL). Nel dare notizia dell'investimento, il ministro del Commercio irlandese Michael Ahern ha commentato: "Vogliamo far crescere il numero delle donne che svolgono attività di ricerca competitive su scala internazionale. L'investimento sarà redditizio e garantirà risultati quali una ricerca di livello mondiale, dei modelli di ruolo positivi e una maggiore partecipazione femminile nella ricerca irlandese in campo scientifico e ingegneristico". Oltre all'investimento annunciato, il ministro Ahern ha evidenziato la nuova strategia del governo per la scienza, la tecnologia e l'innovazione che, ha spiegato, consentirà di creare numerose opportunità di carriera nel settore scientifico e tecnologico. "Le donne rappresentano una risorsa significativa e relativamente poco sfruttata a cui attingere per reperire molti di questi ulteriori ricercatori". L'Irlanda, come molti altri Stati membri dell'UE, risente di un deficit di presenze femminili nella scienza, nell'ingegneria e nella tecnologia. Secondo le statistiche dell'ufficio nazionale che gestisce le domande di ammissione all'istruzione universitaria, solo il 16,4 per cento degli studenti che hanno accettato un posto per un corso di laurea quadriennale in ingegneria nel periodo 2002-2004 erano di sesso femminile. E mentre nella relazione "She Figures 2006" si legge che in Europa cresce il numero delle donne laureate, la partecipazione femminile alla ricerca è generalmente bassa in tutta l'UE, pari a un modesto 18 per cento nel settore privato e al 35 per cento nel settore pubblico. I programmi nazionali ed europei che promuovono la partecipazione delle donne nella ricerca sono particolarmente importanti, dal momento che l'Europa ha bisogno di 500.000 ricercatori in più per conseguire gli obiettivi comunitari di Lisbona di diventare l'economia basata sulla conoscenza più competitiva del mondo.

Paesi

Irlanda

Articoli correlati