Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Come crescono e dove vanno: pescatori e scienziati seguono i merluzzi nel Mar Celtico

Pescatori e scienziati in Irlanda stanno collaborando per studiare i merluzzi nel Mar Celtico, usando un sistema di etichettatura high tech. I merluzzi che erano stati etichettati nella primavera del 2007 sono adesso ricatturati dai pescatori che, insieme ai ricercatori del Ma...

Pescatori e scienziati in Irlanda stanno collaborando per studiare i merluzzi nel Mar Celtico, usando un sistema di etichettatura high tech. I merluzzi che erano stati etichettati nella primavera del 2007 sono adesso ricatturati dai pescatori che, insieme ai ricercatori del Marine Institute, studiano la crescita e il comportamento di questi importanti pesci. Il progetto è finanziato indirettamente dallo Strumento finanziario di orientamento della pesca (SFOP). In risposta a rapporti dei pescatori, che affermavano come le aree di allevamento dei merluzzi (protette dalla pesca) erano probabilmente abbastanza solide da procedere con la raccolta, il Marine Institute irlandese ha lanciato uno studio sui modelli di crescita e migrazione dei merluzzi del Mar Celtico. Usando un misto di dispositivi di etichettatura convenzionali e high tech, gli scienziati e i pescatori commerciali hanno unito le loro forze per catturare, etichettare e liberare 4.063 merluzzi nel Mar Celtico. Sono stati catturati due diversi gruppi di merluzzi che vivevano in prossimità: i merluzzi più grandi, nel periodo della fecondazione, sono stati catturati in mare aperto e i pesci più piccoli sono stati presi nei vivai vicino alla costa. Questo permetterà agli scienziati di studiare un'ampia gamma di comportamenti. A tutti i pesci catturati è stata applicata una normale targhetta numerata (grande più o meno quanto l'etichetta di plastica usata per tenere insieme un paio di calzini), la targhetta è stata attaccata alla spina dorsale usando un dispositivo simile a una pistola per fare i buchi alle orecchie. La targhetta è facilmente visibile per i pescatori, che possono mettere da parte i pesci, misurarli e pesarli, e consegnarli al team di ricerca per ulteriori ricerche. Ad alcuni dei pesci più grandi (più lunghi di 50 cm) è stata applicata anche un'etichetta di immagazzinamento di dati (data storage tag o DST), inserita chirurgicamente nella pancia del pesce. Queste etichette misurano e registrano la temperatura e la pressione (cioè la profondità) ogni quattro minuti, per un periodo fino a due anni. Inserire la DST non è semplice. Il merluzzo deve essere catturato usando le reti, tirato su lentamente dal fondo per non provocare nei pesci la malattia dei cassoni (l'aria nella vescica si può espandere e causare la morte se i pesci sono tirati su troppo velocemente). I pesci selezionati vengono messi in una vasca per l'anestesia e poi collocati in una speciale "culla", con l'acqua che scorre al di sopra di essi, in modo che i ricercatori possano inserire chirurgicamente la targhetta. I pesci vengono ricuciti e messi in una vasca di recupero e osservazione prima di essere liberati in mare. I dati delle misurazioni a saltare, raccolti usando le etichette convenzionali, sono preziosi, ma le DTS completano il quadro fornendo informazioni su dove sono stati i pesci e cosa hanno fatto. Catturando merluzzi che vivono gli uni vicini agli altri ma si trovano in fasi diverse della loro vita, e usando vari dispositivi per la raccolta dei dati, ha spiegato Macdara Ó Cuaig, un ricercatore del Marine Institute, "possiamo studiare come crescono e dove vanno." Fino a questo momento, circa il 10% dei pesci etichettati sono stati restituiti da pescatori, cannisti e operatori dell'industria di conservazione del pesce in Irlanda, Spagna, Francia e Regno Unito. I dati sulla temperatura e la pressione registrati dalle DTS possono essere confrontati per conoscere la temperatura e la profondità dell'area, che fornisce informazioni sul quando e sul dove i pesci si spostano, in acque profonde o basse, o affiorano in superficie per nutrirsi o accoppiarsi. Si possono adesso condurre simulazioni della crescita e della migrazione dei pesci, il che fornisce un'idea più realistica di cosa fanno. "Quello che rende questo progetto un tale successo," ha detto Ó Cuaig, "è che ogni pesce che viene ricatturato e restituito aggiunge le proprie informazioni al puzzle e ci aiuta a capire meglio la specie." I risultati di questo studio, fino a questo momento, indicano che i merluzzi del Mar Celtico hanno un alto tasso di crescita. "Un pesce che ci è stato restituito il mese scorso, con una targhetta convenzionale, non solo ha confermato la rapida crescita attribuita al merluzzo del Mar Celtico, ma ha anche la caratteristica di essere stato catturato tre volte e liberato due," ha spiegato Ó Cuaig. "Questo pesce aveva moltiplicato il suo peso per 16, in appena 15 mesi! Ciò dimostra la potenziale produzione proveniente dal merluzzo del Mar Celtico." Il principale punto di forza dello studio, secondo Ó Cuaig, è che gli scienziati e i pescatori lavorano fianco a fianco e in collaborazione gli uni con gli altri. "L'aspetto più incoraggiante del progetto è il risultato che possiamo ottenere riunendo le conoscenze e le abilità dei pescatori, con quelle degli scienziati, con l'obiettivo comune di saperne di più sul merluzzo," ha dichiarato. "La collaborazione tra la pesca e la scienza è ai suoi massimi." Se vedete un pesce etichettato, tenete a mente che ha una storia da raccontare e potrebbe valere una ricompensa.

Paesi

Irlanda

Articoli correlati