European Commission logo
italiano italiano
CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Article Category

Notizie
Contenuto archiviato il 2023-03-07

Article available in the following languages:

Muoversi tra realtà e mondo virtuale per un futuro urbano migliore

Alcuni ricercatori finanziati dall'Unione europea sono riusciti a fare uscire la scienza dai laboratori e a portarla nelle strade. Obiettivo: promuovere un maggiore impegno da parte di coloro che vivono in città. I partner del progetto IPCITY ("Integrated project on interactio...

Alcuni ricercatori finanziati dall'Unione europea sono riusciti a fare uscire la scienza dai laboratori e a portarla nelle strade. Obiettivo: promuovere un maggiore impegno da parte di coloro che vivono in città. I partner del progetto IPCITY ("Integrated project on interaction and presence in urban environment") hanno riunito una serie di tecnologie in ambientazioni reali per consentire agli abitanti di scoprire nuovi aspetti delle loro città e di esprimere la propria opinione sui progetti futuri. Il progetto IPCITY ha ricevuto fondi per 5,27 milioni di euro in riferimento all'area tematica "Tecnologie della società dell'informazione" del Sesto programma quadro (6° PQ). Il progetto è stato avviato con l'obiettivo di mettere a disposizione di cittadini, turisti e professionisti (ad esempio delle autorità locali) una serie di tecnologie che possono essere utilizzate per progetti di rinnovo urbano, eventi su larga scala, iniziative sperimentali di "edu-tainment" e narrazione, e per altre applicazioni. La tecnologia - sviluppata da un consorzio europeo costituito da 11 membri - che è portatile, caratterizzata da interfacce molto leggere e da un orientamento multi-disciplinare (ad es. scienze cognitive e antropologia), è stata utilizzata in ambientazioni reali. L'idea alla base del progetto IPCITY era la possibilità di promuovere lo spirito collaborativo di tutte le parti coinvolte, in modo particolare per quanto concerne le prospettive e gli assetti futuri di una data città. Nel gennaio 2010 i partner del progetto hanno provato la tecnologia Time Warp a Colonia, in Germania. La tecnologia è stata utilizzata facendo riferimento ai monumenti e ai punti principali della città: i 60 partecipanti, bloccati da una "distorsione temporale" ("time warp", appunto) dovevano superare alcune sfide per poter tornare nella nostra epoca. I giocatori, aiutati da alcuni elfi invisibili agli altri concorrenti, hanno avuto l'opportunità di muoversi in una realtà a metà strada tra mondo reale e virtuale. "Gli utenti hanno familiarizzato velocemente con la tecnologia di 'augmented reality' (lett. realtà aumentata) e agivano in modo alquanto bizzarro", ha spiegato il dott. Rod McCall del Fraunhofer Institut für Angewandte Informationstechnik (Germania), coordinatore del progetto. "I passanti erano spesso confusi su quanto stava accadendo ed è capitato che intervenissero. Per i partecipanti, però, è stata un'esperienza convincente e divertente". In realtà, Time Warp vede solitamente la partecipazione di appena due giocatori. Muovendosi nel centro storico di Colonia sotto le spoglie di "agenti", i giocatori hanno la possibilità di spostarsi tra versioni del passato e del futuro della città e di affrontare diverse sfide. Il dottor McCall ha spiegato che l'applicazione porta i giocatori ad interagire con la storia e la cultura di una città. Oltre ad essere divertente, il progetto è anche educativo. L'applicazione City Tales I sviluppata dal team comprende un tour basato sulla musica (definito "StreetBeat") della città di Berlino: i giocatori hanno la possibilità di visitare la capitale tedesca ascoltando musica urbana e le storie di alcune sottoculture che la animano. Per l'applicazione City Tales II , invece, i ricercatori hanno tratto l'ispirazione dai siti Internet il cui contenuto è elaborato dagli utenti, come accade per i social network. L'applicazione consente agli utenti di associare una storia personale ad un'area specifica della città e di contribuire quindi all'impostazione generale di questa tecnologia. Nel marzo di quest'anno il team del progetto IPCITY ha organizzato un evento finale a Vienna (Austria) in occasione del quale ha messo in luce i risultati del progetto attraverso una serie di rappresentazioni, esposizioni, dimostrazioni, lezioni e tavole rotonde. I partecipano sono stati invitati a provare il sistema e a parlarne con i ricercatori presenti. Le applicazioni che sono state mostrate in occasione dell'evento riguardano rinnovo urbano, consapevolezza ambientale, giochi con funzionalità location-aware e narrazione. Sul sito del progetto sono disponibili informazioni sulle varie applicazioni (e i risultati delle valutazioni).

Paesi

Germania

Articoli correlati