Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Le prodezze linguistiche dei bambini piccoli

Ricercatori in Germania hanno scoperto che bambini molto piccoli, già a tre mesi di età, riescono a rilevare automaticamente e imparare complesse dipendenze tra le sillabe nel linguaggio parlato. Presentate sulla rivista PNAS, queste scoperte rivelano un contrasto tra i neonat...

Ricercatori in Germania hanno scoperto che bambini molto piccoli, già a tre mesi di età, riescono a rilevare automaticamente e imparare complesse dipendenze tra le sillabe nel linguaggio parlato. Presentate sulla rivista PNAS, queste scoperte rivelano un contrasto tra i neonati e gli adulti, che possono solo riconoscere le stesse dipendenze quando si chiede loro di osservarle. I risultati fanno luce su quanto sia efficace la capacità di discernere la tonalità nello sviluppo iniziale del linguaggio. Scienziati dell'Istituto Max Planck di scienze cognitive e cerebrali umane in Germania hanno studiato i meccanismi uditivi dell'apprendimento linguistico nei neonati per determinare la facilità e la velocità con la quale sono in grado di imparare i fondamenti del linguaggio. I ricercatori hanno osservato che gli adulti non hanno abilità di apprendimento del linguaggio più sofisticate, al contrario di quanto si credeva in precedenza. Secondo il team, un bambino di tre mesi supera gli allievi adulti per quanto riguarda l'estrazione di regole complesse dal linguaggio parlato. I neonati hanno ascoltato un flusso di sillabe per 20 minuti mentre i ricercatori usavano l'elettroencefalogramma (ECG) per misurare le risposte del cervello dei bambini. Le sillabe apparivano in coppie ed erano divise da una terza sillaba. "Queste dipendenze tra elementi non vicini sono tipiche del linguaggio naturale e si possono trovare in costrutti grammaticali," ha detto l'autore principale dello studio, la dott.ssa Jutta Mueller dell'Istituto Max Planck di scienze cognitive e cerebrali umane. Per esempio, ha spiegato, nella frase "il bambino spesso sorride", il suffisso "e" della terza persona si riferisce al sostantivo "bambino". Nello studio, questo si rifletteva nell'uso associato di combinazioni come "le" e "bu" in sequenze come "le-wi-bu". La dott.ssa Mueller continua dicendo che sono apparse, però, combinazioni come "le-wi-to" dove una delle sillabe non era pertinente. "Le misurazioni dell'ECG hanno mostrato che i bambini riconoscevano questa violazione della regola," dice la dott.ssa Mueller. Il team ha anche cambiato il tono di una sillaba passando a una tonalità più alta. Hanno scoperto che solo i bambini il cui cervello reagiva ai cambiamenti di tonalità in modo più maturo riuscivano a identificare le dipendenze della sillaba. I ricercatori hanno osservato anche che gli adulti erano in grado di reagire alle violazioni della regola solo quando si chiedeva loro in modo specifico di osservare le dipendenze tra le sillabe. Commentando i risultati che indicano che l'abilità di riconoscimento automatico si perde in età adulta, la dott.ssa Mueller dice: "Quello che ci è sembrato particolarmente interessante è che il piccolo gruppo di adulti che dimostrava di apprendere le regole mostrava anche una più forte risposta del cervello ai cambiamenti di tonalità". Secondo i ricercatori, lo studio fornisce dati su come i bambini hanno la capacità di apprendere velocemente le lingue nonostante la giovane età. Il team ha anche trovato un legame tra capacità uditive molto basilari e sofisticate abilità di imparare regole. I ricercatori stanno attualmente studiando se le differenze mostrate dai bambini nella risposta ai cambiamenti di tonalità e nella capacità di imparare le regole possano influenzare lo sviluppo linguistico.Per maggiori informazioni, visitare: Istituto Max Planck per le scienze cognitive e cerebrali umane: http://www.mpg.de/149614/kognition_neuro PNAS: http://www.pnas.org/

Paesi

Germania