Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

È possibile identificare chi lascerà un partito politico tramite un archetipo

Il mondo della politica è spesso dipinto come il mondo degli intrighi, delle macchinazioni politiche e dell'etica machiavellica. Un mondo nel quale la lealtà personale a un partito può portare un cambiamento nella società e nel quale la slealtà può rovesciare un governo. Di co...

Il mondo della politica è spesso dipinto come il mondo degli intrighi, delle macchinazioni politiche e dell'etica machiavellica. Un mondo nel quale la lealtà personale a un partito può portare un cambiamento nella società e nel quale la slealtà può rovesciare un governo. Di conseguenza, in molti sistemi politici, compreso il sistema di governo di Westmister, ci sono i segretari organizzativi che hanno il compito di tenere in riga i membri del partito. Adesso si è scoperto che alcuni membri sono già predisposti alla defezione. Uno studio condotto all'Università di Leicester ha identificato un "archetipo" per chi probabilmente romperà i ranghi politici nel panorama politico del Regno Unito. Il dott. Alun Wyburn-Powell, della Facoltà di storia dell'Università di Leicester, ha parlato di questa ricerca e delle defezioni politiche che arrivano in prima pagina. "Praticamente ogni settimana ci sono defezioni tra i consiglieri locali e con meno frequenza tra MEP, MP e Lord. Le defezioni arrivano in prima pagina, preoccupano i leader del partito e possono cambiare le dinamiche del Parlamento. Le defezioni sono state studiate in profondità in passato e non sono comprese appieno da leader di partito o giornalisti," ha detto. La ricerca descritta nel libro traccia una storia delle defezioni nel corso di un secolo e potrebbe servire come guida per identificare le caratteristiche dei fuoriusciti. "Nell'ultimo secolo gli individui più propensi ad abbandonare il partito erano maschi, ricchi, divorziati, avevano frequentato Eton, appartenevano a una minoranza religiosa, erano ex ufficiali dell'esercito ed erano entrati in politica presto. C'è una tendenza nelle defezioni. Non è soltanto un gruppo casuale di individui che prendono decisioni isolate. Tra chi lascia un partito, il 53 percento lo fa per prospettive migliori, il 43 percento per motivi politici e il 3 percento per motivi personali. La defezione, in media, è una mossa che migliora la carriera, le probabilità di incarichi ministeriali e privilegi sono infatti maggiori per i fuoriusciti che non per chi rimane leale al proprio partito. "Una defezione politica è un'opinione da esperto sullo stato del partito in un particolare momento. I miei risultati si basano su uno studio di tutte le 707 persone che sono state membri del parlamento, liberali o liberaldemocratici dal 1910 al 2010. Di tutti questi parlamentari, il 16 percento (circa uno su sei) ha lasciato il proprio partito. Ho studiato anche un numero più piccolo di parlamentari ed ex parlamentari che sono passati ai liberali o ai liberaldemocratici e ho studiato i casi di altri fuoriusciti che sono passati dal partito laburista a quello conservatore o vice versa. Praticamente tutti i fuoriusciti liberali che sono passati ai conservatori erano contenti della loro scelta, ma più della metà dei liberali passati ai laburisti non lo erano. Nella storia più recente ha notato un cambiamento per quanto riguarda i partiti dai quali i fuoriusciti venivano, osservando che adesso è più frequente che i conservatori abbandonino il loro partito di quanto non lo fosse in passato. "Sono i conservatori che stanno soffrendo il maggior numero di defezioni. È una svolta, per la maggior parte del secolo scorso i conservatori erano il partito più unito e i liberali quelli che avevano maggiori probabilità di subire defezioni," ha detto il dott. Wyburn-Powell. "Questa tendenza potrebbe continuare, se le azioni di Lord Stevens e dei consiglieri che hanno lasciato il partito conservatore sono indicative del futuro. Alcuni parlamentari conservatori non si sentono a loro agio con la coalizione e sono delusi dalle prospettive di carriera poiché molti liberaldemocratici occupano posti ministeriali. L'atteggiamento della coalizione di governo verso l'Europa ha fatto allontanare molti conservatori ed essi considerano l'UKIP (Partito per l'indipendenza del Regno Unito) come un pericolo per alcuni collegi elettorali. Al contrario pochi liberaldemocratici lasciano il loro partito, il che segna un cambiamento rispetto al passato. Data la rara opportunità permessa dalle coalizioni, la maggior parte dei liberaldemocratici preferisce essere impopolare ma al potere, che essere apprezzata ma ignorata come un terzo partito lasciato in disparte." Il dott. Wyburn-Powell ha aggiunto: "Mi sono proposto di studiare le ragioni per le defezioni dal Partito Liberale per scoprire il loro ruolo nel quasi collasso e nel recupero del partito. Sulla ragione e la tempistica del declino del Partito Liberale gli storici non sono ancora d'accordo. La mia ricerca attribuisce la colpa delle defezioni più a Lloyd George che a Asquith o altri leader. Ho il sospetto che ci fossero tendenze non ancora scoperte nelle defezioni del passato e che esse non fossero solo una collezione casuale di decisioni individuali. "La mia ricerca rivela una compatibilità sociale a lungo termine tra i liberali e i conservatori, che non c'era tra liberali e laburisti. In termini politici comunque i laburisti e i liberaldemocratici sono abbastanza compatibili. È interesse di entrambi questi partiti lavorare sul loro rapporto, visto che potrebbero non dover formare una coalizione dopo le prossime elezioni. "Studiare le relazioni del passato tra i partiti può portare a una migliore comprensione e rispetto reciproci, il che può aiutare nella formazione di una futura coalizione. Studiare le ragioni delle defezioni del passato può aiutare i partiti a evitare di perdere i suoi membri." In passato ha anche dato qualche consiglio a leader di partito su come dovrebbero trattare i fuoriusciti, e cioè: "Non cambiate la politica per evitare le defezioni, questo non farebbe che incoraggiare altri a minacciare di andarsene e potrebbe portare le vostre idee lontane dal centro, dove si trovano la maggior parte degli elettori. I partiti più piccoli, specialmente quelli di destra, tendono a essere fragili, inclini a lotte di potere e fratture interne. Sono l'elemento più instabile del nostro sistema politico altrimenti molto inerte." Inoltre ha osservato che alcuni partiti politici potrebbero stare meglio se certe persone si allontanassero e quindi i potenziali fuoriusciti si potrebbero dividere in due categorie, "quelli che è meglio tenersi e quelli che sarebbe meglio lasciare andare". Riguardo alle persone che i partiti dovrebbero lasciare andare, ha richiamato i consigli dell'ex politico Tony Benn: "Se se ne vanno, minimizzate la loro importanza e non scendete in uno scambio di insulti con loro. Per citare il consiglio che suo padre ha dato a Tony Benn "Non litigare con uno spazzacamino", finireste per sporcarvi tutti e due. "Per quanto riguarda la prima categoria, i leader di partito dovrebbero ascoltarli e cercare personalmente di farseli amici, l'amicizia non si può delegare. Alexander MacCallum Scott, che ha lasciato il Partito Liberale per passare a quello Laburista negli anni 1920, ha detto che probabilmente sarebbe rimasto, ma i battibecchi tra i leader del partito Asquith e Lloyd George non lo permettevano.Per maggiori informazioni, visitare: Scuola di studi storici presso l'Università di Leicester http://www2.le.ac.uk/departments/historical Dr Alun Wyburn-Powell http://dr-alun-wyburn-powell.blogspot.com