Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Scienziati scoprono che i geni proteggono dall'arsenico

I geni sono responsabili di una maggiore resistenza di alcune persone alle sostanze tossiche? Un nuovo studio internazionale suggerisce di si. Studiando gli abitanti di un villaggio delle Ande argentine, una zona dove l'acqua contiene alti livelli di arsenico, i ricercatori ha...

I geni sono responsabili di una maggiore resistenza di alcune persone alle sostanze tossiche? Un nuovo studio internazionale suggerisce di si. Studiando gli abitanti di un villaggio delle Ande argentine, una zona dove l'acqua contiene alti livelli di arsenico, i ricercatori hanno scoperto la prevalenza della variante di un gene che produce un metabolismo efficace e meno tossico dell'arsenico nel loro corpo dei rispetto ad altri gruppi indigeni dell'America centrale e meridionale. Coordinati dalle Università di Lund e Uppsala in Svezia, i ricercatori hanno studiato per la prima volta se le persone in specifiche regioni hanno geni protettivi dell'arsenico. Presentato sulla rivista Environmental Health Perspectives, lo studio è stato finanziato in parte dal progetto PHIME ("Public health impact of long-term, low-level mixed elements exposure in susceptible population strata") che è stato sovvenzionato nell'ambito dell'Area tematica "Qualità e sicurezza alimentare" del Sesto programma quadro (6° PQ) dell'UE con 13,4 milioni di euro. "Sappiamo che molti batteri e piante hanno geni che aumentano la resistenza all'arsenico, una sostanza altamente tossica che si trova nel terreno e nell'acqua in molte parti del mondo," ha detto la professoressa Karin Broberg dell'Università di Lund. "Non è mai stata fatta ricerca per verificare se le persone che vivono in queste regioni hanno geni protettivi contro l'arsenico." Stuti precedenti avevano trovato una connessione tra gli alti livelli di arsenico nell'acqua potabile e i problemi di salute, come le malattie cardiache e il diabete, nonché una maggiore morbilità infantile e il rischio di cancro. Questo problema è emerso recentemente in alcune zone del pianeta, come il Bangladesh, ma nelle Ande, l'acqua potabile contiene arsenico da migliaia di anni, per lo più a causa degli alti livelli della sostanza tossica nel sostrato roccioso e anche a causa dell'attività mineraria sin dall'era pre-coloniale. I ricercatori avevano in precedenza scoperto che mummie risalenti a 7000 anni fa e provenienti dal Cile settentrionale contenevano alti livelli di arsenico nei capelli e negli organi interni. Ai fini dello studio, i ricercatori hanno esaminato i geni degli abitanti di Atacameño a San Antonio de los cobres in Argentina, che vivevano nella zona da molte generazioni. Hanno confrontato i loro geni con quelli di vari indigeni e gruppi meticci del Perù e gruppi indigeni di Colombia e Messico. Oltre il 66% dei soggetti argentini avevano una variante genetica che velocizzava il metabolismo dell'arsenico contro il 50% dei peruviani e appena il 14% degli altri gruppi indigeni, spiegano i ricercatori. "Abbiamo scoperto che le persone delle montagne in Argentina hanno un metabolismo insolitamente efficiente dell'arsenico," ha detto la professoressa Broberg, specialista di medicina occupazionale e ambientale. "Ciò significa che la tossina lascia il corpo rapidamente e in modo meno tossico invece di accumularsi nei tessuti." Hanno contribuito a questo studio esperti provenienti da Perù, Stati Uniti e Svezia.Per maggiori informazioni, visitare: Università di Lund: http://www.lunduniversity.lu.se/ Università di Uppsala: http://www.uu.se/en/ Environmental Health Perspectives: http://ehp.niehs.nih.gov/

Paesi

Perú, Svezia