Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Brano di Beethoven scoperto dopo 192 anni

Un brano musicale composto da Beethoven 192 anni fa è stato scoperto e verrà eseguito, forse per la prima volta, il 25 ottobre 2012. Il professor Barry Cooper, uno dei più importanti esperti al mondo di questo compositore, ha trovato il brano, che Beethoven compose probabilm...

Un brano musicale composto da Beethoven 192 anni fa è stato scoperto e verrà eseguito, forse per la prima volta, il 25 ottobre 2012. Il professor Barry Cooper, uno dei più importanti esperti al mondo di questo compositore, ha trovato il brano, che Beethoven compose probabilmente nel 1820, scritto accanto ad alcuni abbozzi originali della famosa Messa in do maggiore, conosciuta come Missa Solemnis, in un quaderno di appunti che ora si trova a Berlino. Ludwig van Beethoven (1770-1827) rimane uno dei più famosi e più influenti compositori. Tra le sue composizioni più conosciute ci sono 9 sinfonie, 5 concerti per piano, 32 sonate per piano e 16 quartetti d'archi. Egli ha composto anche musica da camera, opere corali (che comprendono la celebre Missa Solemnis) e canzoni. Si tratta di una produzione notevole, tenendo in considerazione che egli iniziò a perdere l'udito all'età di 26 anni e tuttavia continuò a comporre, dirigere e suonare musica, persino dopo essere diventato completamente sordo. Quando compì 50 anni, Beethoven era conosciuto in tutta Europa come il più grande compositore vivente. La causa della sordità di Beethoven non è conosciuta, ma è stata attribuita a vari fattori tra cui il tifo, malattie autoimmuni (come il lupus eritematoso sistemico) e persino la sua abitudine di immergere la testa in acqua fredda per rimanere sveglio. Secondo il professor Cooper, un docente della School of Arts, Languages and Cultures dell'Università di Manchester, la scoperta di un brano interamente nuovo di Beethoven è straordinaria. Egli afferma che, "Come la Missa Solemnis, la musica fu probabilmente scritta per l'arciduca Rodolfo d'Austria. Se mai venne eseguita, probabilmente avvenne durante la cerimonia in cui l'arciduca venne eletto Arcivescovo di Olmütz, adesso Olomouc nella Repubblica ceca." Il professor Cooper prosegue dicendo: "Questo brano è sorprendente perché non assomiglia al solito Beethoven. Se non lo avessi visto scritto con la sua calligrafia, completo di correzioni, non avrei creduto che fosse opera sua. Probabilmente nessuno lo aveva notato finora perché la prima linea, che è cantata senza accompagnamento, non è scritta, e questo rende la melodia più difficilmente riconoscibile. Piuttosto significativo è il fatto che Beethoven scrisse ciò che, dopo tutto, è un semplice brano di musica liturgica funzionale, e questo deve in qualche modo indicare la sua devozione." In totale Beethoven compose 138 pezzi nel corso della sua vita, ai quali venne assegnato un numero di opus, usato per elencare il lavoro di un compositore. Ci sono poi 205 opere aggiuntive composte da Beethoven che non hanno numeri di opus; queste vennero pubblicate dopo la sua morte e classificate con numeri WoO (composizioni senza numero di opus). La scoperta di questo raro brano musicale rivela inoltre che in esso per la prima volta Beethoven usò il suo famoso stile corale lento. Questo venne esemplificato nel quartetto d'archi Opus 132 scritto nel 1825 e considerato un capolavoro dagli amanti della musica. La melodia assomiglia al Pange lingua che viene ancora oggi cantato nelle chiese. Il professor Cooper compara quest'ultima scoperta classica ad altri brani di Beethoven, definiti da un numero di opus. Egli dice che "Il canto gregoriano veniva cantato molto più lentamente a quel tempo, quindi colpisce il fatto che abbia usato lo stesso stile corale lento per il quartetto Opus 132 scritto nel 1825. Credo che questa sia la prima volta che lo facesse." Il professor conclude: "La mia impressione è che fu scritta per essere eseguita durante la liturgia, dopo la Missa Solemnis, per completare il servizio religioso. Ma Beethoven non era contrario a scrivere un semplice accompagnamento a una melodia popolare, e lo aveva fatto un paio di volte in precedenza, anche se non per un canto gregoriano. Il solo lavoro paragonabile è uno spartito del 1791 che scrisse per Le lamentazioni di Geremia." La prima esecuzione conosciuta del Pange lingua di Beethoven si svolgerà all'Università di Manchester il 25 ottobre. Una versione del pezzo adatta all'esecuzione verrà pubblicata la prossima primavera nel Journal of the Royal Musical Association.Per maggiori informazioni, visitare: Università di Manchester: http://www.manchester.ac.uk/research/

Articoli correlati

Politiche e direttive

3 Dicembre 1997

Politiche e direttive