Skip to main content

Green Awareness in Action

Article Category

Article available in the folowing languages:

Supportare le scuole europee nell’opera di sensibilizzazione nei confronti di sostenibilità ed efficienza energetica

Rafforzare la consapevolezza tra i giovani e cambiare il loro comportamento e le abitudini riguardanti l’utilizzo di energia è fondamentale per ottenere una riduzione seria dell’energia e, in definitiva, per limitare i consumi negli edifici scolastici. A tal fine, un’iniziativa dell’UE ha creato un ecosistema TIC innovativo per scuole più verdi.

Economia digitale
Cambiamento climatico e Ambiente
Energia

Il progetto GAIA, finanziato dall’UE, si è concentrato sulla comunità didattica, che comprende i docenti, il personale, gli studenti e i genitori a vari livelli di istruzione, dalle scuole elementari e secondarie alle scuole superiori e università. Oltre a questi utenti, ha preso in considerazione anche i relativi edifici scolastici in tutta Europa. «I cambiamenti climatici e l’esigenza per l’Europa di rispondere alle sfide di questa realtà hanno costituito la motivazione del progetto», ha dichiarato il dott. Georgios Mylonas, coordinatore del progetto. «Vogliamo ispirare studenti, insegnanti e genitori affinché modifichino favorevolmente il loro comportamento nei confronti dell’efficienza energetica».

Intervenire sull’efficienza energetica tramite le comunità didattiche

Il team GAIA ha realizzato e installato un’infrastruttura dell’Internet delle cose (IoT) su larga scala in 25 edifici scolastici in Grecia, Italia e Svezia. L’ecosistema digitale ha riunito studenti ed educatori di tutta Europa. L’obiettivo principale era quello di innalzare la consapevolezza a proposito dei consumi energetici e della sostenibilità sulla base dei dati reali raccolti dai sensori all’interno degli edifici scolastici dove studenti e insegnanti studiano e lavorano. I membri del team hanno utilizzato tali dati come base per integrare nei programmi scolastici attività didattiche incentrate su sostenibilità ed energia. L’infrastruttura IoT installata in questi edifici ne monitora in tempo reale il consumo energetico, nonché diversi parametri ambientali interni ed esterni. Una serie di strumenti permette di accedere ai dati prodotti e fornisce funzionalità a supporto delle attività didattiche che sono state realizzate in collaborazione con scuole ed educatori partecipanti. La piattaforma ludica GAIA Challenge presenta agli studenti diversi aspetti relativi al consumo e al risparmio energetico. Inoltre, i dati in tempo reale provenienti dai sensori degli edifici e il rilevamento partecipativo aiutano a visualizzare l’impatto del comportamento degli studenti nella vita reale e rende possibile la ludicizzazione competitiva tra le diverse scuole. Oltre 3 000 studenti e 200 educatori hanno partecipato direttamente alle attività di GAIA nel corso del progetto, contribuendo a ottenere risparmi energetici attraverso la modifica del loro comportamento. Secondo i sondaggi condotti nelle scuole partecipanti prima della conclusione del progetto, il 75 % degli studenti ha affermato che il progetto GAIA ha avuto un’influenza positiva su di loro. In termini di risparmio energetico effettivo, sono stati ottenuti risultati nell’ordine del 15-20 % in diverse scuole. Questo risultato è stato ottenuto concentrandosi sulla parte di consumo energetico in cui gli utenti finali potevano influire, cercando nel contempo di non alterare la regolare operatività scolastica.

Promuovere una cultura di vita efficiente dal punto di vista energetico

«Per quanto riguarda il coinvolgimento della comunità, un fattore importante è stata la competizione», ha spiegato il dott. Mylonas. «Gli studenti erano incuriositi dalla prospettiva di competere con i loro coetanei di scuole e paesi diversi ed erano ulteriormente motivati a partecipare alle competizioni di GAIA per il risparmio energetico e per altre idee collegate». I risultati dimostrano che la ludicizzazione e la competizione tra le scuole di tutta Europa possono avere effetti molto positivi sull’impegno degli studenti durante le attività in classe connesse alla sostenibilità e all’energia, e possono contribuire in modo significativo al successo di simili iniziative. La rete scolastica e gli strumenti software sviluppati sono rimasti attivi per l’anno accademico 2019/2020. Manuali e materiali didattici disponibili nel sito web del progetto hanno consentito alle scuole e agli educatori di sfruttare i risultati indipendentemente dalla loro ubicazione. «L’educazione alla sostenibilità ambientale e le iniziative di sensibilizzazione nei confronti dell’efficienza energetica del progetto GAIA hanno fatto capire agli studenti che il consumo energetico è largamente influenzato dalla somma dei comportamenti individuali, in luoghi come la scuola e la casa, e li ha aiutati a raggiungere sostanziali risparmi energetici nella pratica», ha concluso il dott. Mylonas. «Cambiare il loro comportamento e adottare semplici interventi in questi ambiti può avere un enorme impatto positivo sul risparmio energetico». Il consorzio continua a perseguire attivamente nuovi partenariati con le scuole e l’espansione delle reti formate durante il progetto, con due nuove scuole aggiunte nei mesi successivi alla conclusione del progetto.

Parole chiave

GAIA, scuola, studente, comportamento, efficienza energetica, risparmio energetico, consumo energetico, insegnante, educatore, educazione alla sostenibilità, ludicizzazione

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione