Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Creare un’industria dell’energia solare più efficiente nell’impiego delle risorse

Un gruppo di esperti finanziati dall’UE sta sviluppando modelli di business circolari per i sistemi fotovoltaici (FV) per offrire vantaggi ambientali, economici e per gli utenti.

Energia

I sistemi FV continuano a espandersi più velocemente di qualsiasi altra fonte di energia rinnovabile, grazie alla loro capacità di raccogliere energia sostenibile, pulita e a basso costo dal sole. Secondo il Global Market Outlook 2018-2022 di SolarPower Europe, le nuove centrali fotovoltaiche installate in Europa sono cresciute del 31 % rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 9,2 GW nel 2017. «Se l’Europa aderisse pienamente all’interessante caso aziendale del solare a basso costo, nel 2022 il mercato potrebbe raggiungere i 39,1 GW». Inoltre, i recenti progressi nelle soluzioni per lo stoccaggio dell’energia hanno stimolato la crescita degli impianti a batteria collegati al fotovoltaico. Con una crescita così rapida dell’impiego della tecnologia solare, aumenterà anche la produzione di rifiuti come i pannelli fotovoltaici dismessi. L’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili stima che i rifiuti dei pannelli fotovoltaici saranno compresi tra 1,7 e 8 milioni di tonnellate entro il 2030 e tra 60 e 78 milioni di tonnellate entro il 2050, in totale. Il progetto CIRCUSOL, finanziato dall’UE, sta affrontando questa sfida sviluppando e dimostrando modelli di business del sistema prodotto-servizio (product-service system, PSS) per il settore dell’energia solare. Il PSS, incentrato sulla vendita di servizi e prestazioni al posto di prodotti, è generalmente visto come un mezzo per realizzare un’economia circolare, in cui l’attività economica è svincolata dal consumo di risorse e gli sprechi sono ridotti al minimo. Il sito web del progetto spiega che: «Oggi, di norma, un fornitore vende all’utente nuovi pannelli fotovoltaici e batterie. L’utente si occupa poi della produzione e dello stoccaggio dell’energia solare. Una volta raggiunto il fine vita, i pannelli fotovoltaici e le batterie entrano nel flusso dei rifiuti e vengono riciclati o smaltiti». E aggiunge: «Nel modello PSS ideato da CIRCUSOL, il fornitore offre all’utente la produzione e lo stoccaggio di energia solare come servizio. Il pannello e le batterie sono installati presso l’utente, ma il fornitore ne rimane proprietario ed è responsabile del loro funzionamento ottimale. Una volta raggiunto il fine vita, il fornitore li riprende e decide se possono avere una seconda vita ed essere installati altrove, oppure se devono essere riciclati».

Le sfide del riciclaggio del fotovoltaico

Un team di ricercatori sostenuti da CIRCUSOL e PVMINDS, altro progetto finanziato dall’UE, ha esaminato i problemi legati al riciclaggio, alla riparazione o al ripristino dei moduli fotovoltaici dismessi o degradati e alla loro rimessa in funzione (seconda vita dei moduli fotovoltaici). Lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista «Progress in Photovoltaics», sottolinea il «notevole know-how tecnologico e operativo nella gestione del fine vita fotovoltaico che già esiste e si evolve continuamente nei mercati fotovoltaici maturi». Lo studio aggiunge: «D’altra parte, la ricerca e lo sviluppo nella riparazione/ripristino dei moduli fotovoltaici dismessi e/o guasti rimangono scarsi, e le migliori pratiche e i servizi commerciali per i test di affidabilità/ricertificazione e la commercializzazione di moduli fotovoltaici di seconda mano non sono né standardizzati né consolidati in alcun PSS o modello di business». Il progetto CIRCUSOL (Circular business models for the solar power industry), attualmente in corso, convaliderà modelli circolari di servizio fotovoltaico in Belgio, Francia e Svizzera con cinque grandi dimostratori nei segmenti del mercato residenziale, commerciale e delle utility. Il progetto PVMINDS (Bottom-up module energy yield and integrated reliability model for site specific design optimization) dovrebbe concludersi nel 2020. Sta sviluppando un modello di affidabilità dal basso verso l’alto per determinate modalità di guasto/degrado del fotovoltaico. L’affidabilità dei moduli fotovoltaici è fondamentale per la stima del rendimento energetico e la conseguente riduzione dei costi dell’elettricità. Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto CIRCUSOL progetto PVMINDS

Paesi

Belgio

Articoli correlati