Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Tendenze scientifiche: parlare come un egizio? Ecco com’è la voce di una mummia

Un team di scienziati ha ricostruito la voce di una mummia di 3 000 anni fa.

Ricerca di base

I morti non possono ancora parlare, ma riescono almeno ad emettere un suono. Uno studio pubblicato sulla rivista britannica «Scientific Reports» rivela quale sarebbe stato il suono della voce di un sommo sacerdote egizio mummificato chiamato Nesyamun. Attraverso una stampa 3D del suo tratto vocale, un team di ricerca dell’Università di Londra, dell’Università di York e del Leeds City Museum ha riprodotto accuratamente un unico suono, simile al suono vocalico di una «e» aperta. All’interno dell’articolo della rivista online, è possibile ascoltare una breve registrazione della voce di Nesyamun, che è stata riprodotta come un suono simile a una vocale.

Far parlare la mummia

Dopo 3 000 anni, il tratto vocale di Nesyamun era in ottime condizioni, ma privo dei muscoli linguali. La lingua è fondamentale per il linguaggio, in quanto modifica i suoni che è possibile emettere. «Di certo non può parlare al momento», ha dichiarato al «New York Times» il primo autore David Howard, scienziato del linguaggio all’Università di Londra. «Ma ritengo che sia assolutamente plausibile suggerire che un giorno sarà possibile produrre parole quanto più simili a come le avrebbe pronunciate». Il dott. Howard si augura di usare il software per stimare caratteristiche come le dimensioni e il movimento della lingua, nonché la posizione della mascella. «È possibile portare tutto questo alla sua conclusione naturale», ha affermato la coautrice Katherine Baxter, curatrice di archeologia al Leeds City Museum, in cui è esposto Nesyamun. «Potremmo far pronunciare davvero a Nesyamun le sue parole originali così come sono scritte sulla sua bara?». I ricercatori hanno utilizzato uno scanner a tomografia computerizzata per realizzare una versione stampata in 3D della bocca e della gola della mummia. Hanno poi combinato tale stampa con una laringe elettronica per ricostruire «il suono che sarebbe provenuto dal suo tratto vocale se fosse stato dentro la propria bara e la sua laringe fosse tornata in vita», ha spiegato il dott. Howard. «L’effettivo processo di mummificazione è stato fondamentale», ha affermato la coautrice Joann Fletcher, professoressa di archeologia all’Università di York. «L’eccellente qualità di conservazione ottenuta dagli antichi imbalsamatori ha fatto sì che il tratto vocale di Nesyamun sia ancora in ottime condizioni».

L’antica voce continuerà a vivere

Nell’ambito dei principi religiosi di Nesyamun, il sacerdote desiderava che la propria voce fosse ascoltata per sempre. «È effettivamente scritto sulla sua bara: era proprio ciò che desiderava», ha dichiarato alla «BBC» il coautore John Schofield, professore di archeologia all’Università di York. «In un certo senso, siamo riusciti a realizzare quel desiderio». È considerata la prima di tali iniziative ad aver ricostruito efficacemente la voce di un defunto con mezzi artificiali. I ricercatori aspirano a utilizzare modelli informatici per ricostruire intere frasi con la voce di Nesyamun. Se doveste passare da Leeds, non dimenticate di visitare la tomba di Nesyamun. Ha affascinato generazioni di visitatori sin dal suo arrivo nel 1823. Perché non ascoltare la ricostruzione della sua voce durante la vostra visita? È quello che lui avrebbe voluto.

Paesi

Regno Unito