Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Tendenze scientifiche: Un oggetto spaziale antico fornisce indizi su come si formano i pianeti

L’oggetto più distante mai visitato da un veicolo spaziale rivela i segreti della formazione planetaria.

Ricerca di base

Il giorno di Capodanno del 2019, quando la sonda New Horizons della NASA volò su Arrokoth, un oggetto che assomiglia a un pupazzo di neve rosso a oltre 6,6 miliardi di chilometri dalla Terra, non sapevamo che avrebbe ribaltato la teoria maggiormente accreditata su come si sono formati i pianeti nel nostro sistema solare. Arrokoth, con i suoi 36 km di lunghezza e 20 km di larghezza, si trova in una regione conosciuta come la Cintura di Kuiper. È classificato come planetesimale, un oggetto che era tra gli elementi costitutivi dei pianeti. Da quel breve incontro di oltre un anno fa, i ricercatori hanno potuto esaminare i dati e scoprire nuovi affascinanti dettagli sull’origine, la formazione, la geologia, la composizione, il colore e la temperatura di questo pupazzo di neve spaziale. Hanno presentato i loro risultati in una conferenza stampa durante l’incontro annuale dell’Associazione Americana per il Progresso della Scienza e in tre articoli sulla rivista «Science».

Risolvere il dibattito su come i pianeti sono apparsi per la prima volta

«Arrokoth si è rivelato sorprendente in termini di ciò che abbiamo imparato», ha dichiarato Bill McKinnon, autore principale di uno degli studi, prima di una presentazione all’incontro annuale, come riportato dal «The Guardian». «Ci svela alcune profonde verità sul nostro sistema solare. Non è solo una patata spaziale, ma un mondo notevole che ci ha raccontato una storia notevole». La teoria prevalente è che il materiale si sia frantumato violentemente per formare agglomerati sempre più grandi fino a diventare mondi. La ricerca rivela che Arrokoth è nato dalla fusione di due entità distinte 4,5 miliardi di anni fa. Il gruppo di ricerca non ha trovato alcuna prova di impatto violento. «Non ci sono prove di un’evoluzione eliocentrica, di una collisione ad alta velocità o di un impatto catastrofico (o sub-catastrofico) durante la sua vita», hanno detto i ricercatori in uno degli articoli. «Concludiamo invece che i suoi due lobi […] si sono uniti a bassa velocità, a non più di pochi m/s e forse molto più lentamente». Il ricercatore principale di New Horizons, Alan Stern, ricercatore capo del secondo studio, ha detto alla «BBC» che la scoperta è di una «portata straordinaria». E prosegue: «C’era la teoria delle collisioni violente, prevalente della fine degli anni ’60, e una più recente teoria emergente dell’agglomerazione delicata: una è polvere mentre l’altra è l’unica che sta in piedi. Ciò accade raramente nella scienza planetaria, ma oggi abbiamo risolto la questione».

Un’immagine più chiara della composizione e dell’origine di Arrokoth

Un terzo articolo esamina l’aspetto distintivo di Arrokoth, che è estremamente freddo e la cui superficie è ricoperta di ghiaccio di metanolo. Le molecole organiche complesse rilevate anche sulla superficie sono probabilmente ciò che crea il peculiare colore rosso di Arrokoth. «Arrokoth è l’oggetto più lontano, più primitivo e più incontaminato mai esplorato da un veicolo spaziale, quindi sapevamo che avrebbe avuto una storia unica da raccontare», ha dichiarato Stern alla «CNN». «Ci sta insegnando come si sono formati i planetesimi, e noi riteniamo che il risultato segni un significativo progresso nella comprensione della formazione globale dei planetesimi e dei pianeti stessi». Parlando alla «Reuters», l’astronomo e autore principale John Spencer ha detto: «Così ora abbiamo un quadro più chiaro di come si sono formati i pianeti, compresa la Terra».

Paesi

Stati Uniti