Skip to main content

Production and distribution of food during the Roman Empire: Economics and political dynamics

Article Category

Article available in the folowing languages:

Politica e dinamica del sistema commerciale romano: cosa sappiamo veramente?

Ci sono molte ipotesi sull’organizzazione del sistema commerciale dell’Impero romano. Rimangono, tuttavia, speculative per l’assenza di approcci formali in contesti storici e archeologici. Un progetto finanziato dall’UE offre una soluzione a questo problema.

Società

La storia antica si basa sul ragionamento abduttivo e la sua evoluzione dipende dalla capacità di argomentare, testare e falsificare le ipotesi precedenti. Nel corso degli anni, diversi studiosi hanno sviluppato una serie di ipotesi per spiegare l’organizzazione del sistema commerciale dell’Impero romano. Lo studio della gestione degli alimenti rappresenta uno dei principali dibattiti tra gli specialisti del settore. Queste ipotesi, tuttavia, sono speculative e difficili da falsificare a causa della mancanza di modelli formali che consentano l’analisi dei dati disponibili.

Superare questo confine

«L’obiettivo principale del progetto EPNET è stato quello di utilizzare strumenti formali per falsificare le ipotesi esistenti sull’economia romana allo scopo di capire quali prodotti sono stati distribuiti nelle diverse regioni geografiche e in quali periodi ciò sia avvenuto», ha José Remesal, coordinatore del progetto EPNET, che aggiunge: «Volevamo anche accertare il ruolo svolto dai diversi agenti politici ed economici nel controllo dei prodotti e delle reti commerciali». Per trovare risposte a queste domande scientifiche, un solido team di ricerca interdisciplinare ha lavorato alla creazione di una struttura innovativa per indagare i meccanismi politici ed economici che hanno caratterizzato le dinamiche del sistema commerciale durante l’Impero romano.

Un riflettore sul lavoro di EPNET

EPNET si è concentrato sull’esplorazione di epigrafi e anfore provenienti dal dataset CEIPAC, uno dei più precisi marcatori semantici a livello archeologico e storico del sistema commerciale dell’Impero romano. In questo modo EPNET ha avuto l’opportunità di partecipare alla Rete Eagle. «In particolare, l’attività di ricerca è stata dedicata allo sviluppo dell’ontologia del dominio, al rilascio del database semantico del CEIPAC e alla sua successiva integrazione con una serie di set di dati esistenti che utilizzano un approccio di accesso e integrazione dei dati basato sull’ontologia», ha riferito Remesal. Con questo approccio è stato creato anche un portale semantico. «Questa parte è stata particolarmente innovativa perché ha associato l’approccio semantico alle tecnologie di visualizzazione dei dati al fine di supportare le esplorazioni guidate dai dati e le rilevazioni di schemi», ha aggiunto Remesal. Nell’ambito dello studio dell’Impero romano, il progetto ha scelto inoltre alcuni poli/punti paradigmatici per ottenere una visione d’insieme. Remesal conferma tali luoghi: «Colonia Ulpia Traiana: Xanten (Germania), Mutina, Pompei e a Roma, capitale dell’Impero romano, a Monte Testaccio». Remesal aggiunge: «Abbiamo anche pubblicato alcuni libri e articoli e sviluppato ambienti interdisciplinari».

Uno sguardo al futuro

«Abbiamo individuato nuove sfide per la nostra ricerca. Un risultato immediato è stato il nostro inserimento nel progetto ARIADNEplus, che mira, attraverso l’applicazione di un sistema ontologico, a interconnettere numerosi database legati alla storia e all’archeologia del mondo classico», ha osservato Remesal. Inoltre, l’analisi dell’epigrafia dell’anfora, punto di partenza degli studi dell’EPNET, ha creato la necessità per il progetto di avvicinarsi a questi documenti da nuove prospettive. EPNET, utilizzando i metodi innovativi di analisi sviluppati nell’ambito del progetto, si propone anche di sviluppare uno studio che analizzi le aziende professionali legate al commercio alimentare e le nuove prospettive.

Parole chiave

EPNET, ipotesi, sistema commerciale dell’Impero romano, set di dati CEIPAC, portale semantico

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione