Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Trasformare i sottoprodotti delle acque reflue in carburanti ecologici sostenibili

Un gruppo di scienziati, beneficiari di fondi UE, ha sviluppato e collaudato una nuova tecnologia per trasformare i fanghi di depurazione in bio-olio.

Cambiamento climatico e Ambiente

Un’enorme quantità di rifiuti organici prodotti da vari settori industriali finisce nelle discariche o negli inceneritori, contribuendo all’aumento delle emissioni di gas a effetto serra (GES) e all’inquinamento del suolo e dell’acqua. Per affrontare questo problema, è fondamentale sviluppare e realizzare un adeguato piano di gestione dei rifiuti. Il progetto TO-SYN-FUEL, finanziato dall’UE, sta compiendo grandi passi avanti nella trasformazione di numerosi tipi di residui di biomasse in carburante liquido a emissioni di CO2 zero. «Per convertire i residui biogenici in avanzati biocarburanti sostenibili, l’Istituto UMSICHT Fraunhofer ha sviluppato e realizzato una nuova tecnologia, chiamata Thermo-Catalytic Reforming (TCR®)», come si osserva in un comunicato stampa sul sito web del progetto. «Inizialmente sono stati effettuati test su un’unità su scala di laboratorio, arrivando poi alla dimostrazione di produzione del carburante su scala pilota. La tecnologia TCR® è stata poi scalata su un impianto da 300 kg all’ora, per convertire i fanghi di depurazione a un ritmo industriale», si osserva nel medesimo comunicato stampa, in cui si afferma inoltre: «Come parte di TO-SYN-FUEL, è in fase di sviluppo un dimostratore tecnico. La capacità operativa è progettata per gestire 500 kg all’ora di fanghi di depurazione secchi. […] Il processo di sviluppo di questa nuova tecnologia ha rivelato un alto potenziale nell’impiego di biomassa e residui». L’ing. Robert Daschner, dell’Istituto per la tecnologia per l’ambiente, la sicurezza e l’energia (UMSICHT) Fraunhofer, afferma: «Con questo progetto desideriamo produrre biocarburanti avanzati partendo dai rifiuti, che in questo specifico caso saranno fanghi di depurazione. Stiamo costruendo l’impianto, lo metteremo in moto e condurremo una dimostrazione della tecnologia in operazione». L’ingegnere aggiunge: «Al termine del progetto vogliamo disporre di uno studio di caso aziendale per i carburanti ecologici sostenibili, allo scopo di sostenere gli obiettivi della Commissione europea». Secondo il comunicato stampa, l’impianto produrrà oltre 200 000 l di olio biocrudo. Il termine «fanghi di depurazione» si riferisce al componente solido finale, prodotto durante il trattamento delle acque reflue.

Processo integrato

TO-SYN-FUEL sviluppa un processo integrato, che combina la tecnologia TCR® con la separazione dell’idrogeno, attraverso l’assorbimento a pressione oscillante e l’idrodeossigenazione. Il sito web del progetto illustra il processo: «La tecnologia TCR® converte un’ampia gamma di biomasse residue in tre principali prodotti: gas di sintesi ricco di H2, biochar e bio-olio liquido, che può essere purificato. Attraverso l’idrodeossigenazione ad alta pressione e i processi di raffinazione convenzionali, durante la distillazione viene prodotto un equivalente del diesel o della benzina, pronto per essere impiegato direttamente nei motori a combustione interna». Il progetto TO-SYN-FUEL (The Demonstration of Waste Biomass to Synthetic Fuels and Green Hydrogen) proseguirà fino alla fine di aprile 2021. Su CORDIS si osserva: «Il progetto segnerà il primo impiego su scala pre-commerciale di questa tecnologia, in grado di utilizzare fino a 2 100 tonnellate all’anno di fanghi di depurazione secchi, ottenendo, in seguito al loro trattamento, 210 000 l di biocarburanti all’anno e fino a 30 000 kg di idrogeno ecologico. Lo sviluppo di 100 impianti di questo genere installati in tutta Europa sarebbe sufficiente a convertire fino a 32 milioni di tonnellate annue di rifiuti organici in biocarburanti sostenibili, contribuendo al risparmio di 35 milioni di tonnellate di emissioni di GES e dirottando i rifiuti organici dalle discariche». Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto TO-SYN-FUEL

Paesi

Germania

Articoli correlati

Nuovi prodotti e tecnologie
Cambiamento climatico e Ambiente
Tecnologie industriali
Società