CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

Water buffering and drainage in urban areas by using drainage blocks under the road

Informazioni relative al progetto

ID dell’accordo di sovvenzione: 867798

  • Data di avvio

    1 Giugno 2019

  • Data di completamento

    31 Dicembre 2019

Finanziato da:

H2020-EU.3.

H2020-EU.2.3.

H2020-EU.2.1.

  • Bilancio complessivo:

    € 71 429

  • Contributo UE

    € 50 000

Coordinato da:

BUFFERBLOCK B.V.

Italiano IT

Un nuovo blocco di calcestruzzo può aiutare gli spazi verdi di una città a rimanere verdi

La proliferazione di superfici pavimentate sta alimentando un incremento delle inondazioni urbane. Un semplice blocco potrebbe portare l’acqua dove serve maggiormente.

Cambiamento climatico e Ambiente
Sicurezza
© BufferblockBV

Man mano che le nostre città crescono, aumenta anche il rischio di inondazioni. L’urbanizzazione riduce la quantità di terra disponibile per assorbire le precipitazioni, il che significa che scarichi e fognature possono essere inondati e quindi straripare durante le tempeste. Privo di acqua piovana, il terreno sotto le aree pavimentate si asciuga e si assesta, causando danni agli edifici. Per affrontare questo problema, il progetto Bufferblock, supportato dall’UE e ospitato dalla società olandese Bufferblock, offre agli urbanisti un modo per restituire l’acqua al suolo. I loro blocchi di calcestruzzo brevettati vengono posizionati nel terreno in modo da formare una rete di canali che consente di immagazzinare, reindirizzare o permettere all’acqua piovana di penetrare nel terreno secondo necessità. «Esistono già soluzioni quali le casse di infiltrazione in plastica», spiega il direttore tecnico Aroen Mughal. «Lo svantaggio è che devono essere installate sotto uno strato superiore di almeno 80 cm per trasportare traffico pesante, altrimenti crolleranno». Al contrario, i Bufferblock in calcestruzzo possono essere posizionati quasi direttamente sotto il manto stradale. I blocchi hanno una densità di circa 1 000 kg per metro cubo, paragonabile alla pomice (utilizzata come riempimento leggero nella costruzione stradale) ma con una capacità di stoccaggio dell’acqua molto più elevata, fino a 500 litri al metro quadrato. La capacità di seppellire i blocchi appena sotto la superficie della strada è anche vantaggiosa in luoghi con una falda freatica elevata, quali i Paesi Bassi, e in aree con roccia madre molto superficiale. Possono anche essere puliti e controllati utilizzando le attrezzature standard di manutenzione delle fognature. Dal 2018, la tecnologia di Bufferblock è stata dimostrata nel Green Village dei Paesi Bassi, una città modello della municipalità di Delft costruita per mostrare progetti urbani innovativi. I blocchi di calcestruzzo sono stati recentemente installati sotto due strade a Capelle aan den Ijssel, un comune nei pressi di Rotterdam. L’acqua può essere diretta verso i Bufferblock attraverso scarichi convenzionali o può infiltrarsi direttamente nei canali tramite una pavimentazione permeabile. Oltre a offrire una maggiore resistenza rispetto alle casse di infiltrazione in plastica, i blocchi in calcestruzzo sono più economici da produrre. «È anche una soluzione economica», afferma Mughal. «Sono costituiti da calcestruzzo puro, non rinforzato, e possono essere prodotti a un ritmo elevato con le stesse macchine utilizzate per la realizzazione di pietre per pavimentazione». La co-direttrice del progetto, Dorian Hill, afferma che il supporto finanziario dell’UE ha aiutato Bufferblock a sviluppare le relazioni dell’azienda con i produttori di tutta Europa. «Attraverso il nostro studio di fattibilità abbiamo fatto ricerche su diversi produttori in Belgio, Germania, Irlanda e Regno Unito. Ora sono davvero interessati a parlare con noi per produrre Bufferblock», afferma. «Ciò che era prototipo ora è un prodotto». Bufferblock è un’azienda a carattere familiare: Mughal e Hill sono cugini, e anche la madre e lo zio di Hill lavorano al loro fianco. Attraverso la loro società madre, Hill Innovations, progettano soluzioni di gestione ambientale da quasi un decennio. Il prossimo passo per i Bufferblock, afferma Hill, sarà quello di sviluppare i macchinari necessari per installarli automaticamente durante i progetti di costruzione di strade, il che ridurrà ulteriormente il costo della nuova infrastruttura. È improbabile che gli abitanti delle città che camminano sopra i Bufferblock riconoscano l’umile ruolo dei mattoni nel mantenere i loro piedi asciutti. Tuttavia, potrebbero notare altri cambiamenti: «I Bufferblock non impediranno solo le inondazioni», afferma Hill. «Essi aiuteranno anche la natura e potranno persino migliorarla, facendo più spazio al verde all’interno della città».

Parole chiave

Bufferblock, inondazioni, pioggia, acqua, infrastruttura, calcestruzzo, blocco, urbano

Informazioni relative al progetto

ID dell’accordo di sovvenzione: 867798

  • Data di avvio

    1 Giugno 2019

  • Data di completamento

    31 Dicembre 2019

Finanziato da:

H2020-EU.3.

H2020-EU.2.3.

H2020-EU.2.1.

  • Bilancio complessivo:

    € 71 429

  • Contributo UE

    € 50 000

Coordinato da:

BUFFERBLOCK B.V.