Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Le dighe tropicali: una fonte sottovalutata di emissioni di gas a effetto serra

L’energia idroelettrica si sta espandendo ai tropici e anche se i bacini idrici rilasciano grandi quantità di metano, immagazzinano anche carbonio nei sedimenti di fondo. Un progetto finanziato dall’UE tenta per la prima volta di quantificare questo delicato equilibrio tra emissioni di metano e pozzi di carbonio nei bacini tropicali.

Cambiamento climatico e Ambiente

Dighe idroelettriche stanno sorgendo sui fiumi nelle regioni tropicali e la loro energia è promossa come vitale per il loro sviluppo economico. In Brasile, ad esempio, le centrali idroelettriche (alcune delle quali situate in Amazzonia) producono circa il 75 % dell’energia del paese. Di fronte alla crescente domanda di elettricità rinnovabile, la capacità di generazione di energia idroelettrica del paese dovrebbe espandersi a 112 GW entro il 2024. Al di là dell’attuale espansione, le dighe tropicali e l’energia idroelettrica sono attori sottovalutati nel riscaldamento globale mentre i bacini d’acqua alle loro spalle rilasciano metano. Sebbene rimanga nell’atmosfera solo per alcuni anni, il metano è 28 volte più potente della CO2 a intrappolare il calore del sole. Mentre i ricercatori sospettavano da tempo il potenziale impatto ambientale negativo dello sviluppo di dighe nelle regioni tropicali, i dati esistenti presentavano numerose lacune.

Un equilibrio dal pozzo alla fonte

Il progetto HYDROCARB, finanziato dall’UE, è stato istituito per valutare le reali impronte di gas serra dei bacini tropicali. Finanziato dal Consiglio europeo della ricerca, HYDROCARB è diverso dagli studi precedenti in quanto indaga non solo le emissioni di carbonio, ma anche lo stoccaggio di carbonio nei sedimenti intrappolati che finora sono stati ampiamente trascurati nel dibattito sui gas a effetto serra. «Il nostro obiettivo è quello di produrre nuove conoscenze fondamentali sull’equilibrio del carbonio e dei gas serra dei bacini tropicali. In quali circostanze le emissioni di metano sono superiori al carbonio immagazzinato nei sedimenti intrappolati e quali fattori potrebbero sconvolgere questo equilibrio?», chiede il coordinatore del progetto Sebastian Sobek. Questa conoscenza potrebbe favorire le stime delle emissioni di carbonio e dell’interramento in piccoli e grandi bacini idrici e persino in altre parti del mondo.

Gli afflussi fluviali sono punti caldi di emissione di metano

Un pilastro centrale degli studi di HYDROCARB riguardava il fatto che le emissioni di gas serra sono molto variabili nello spazio. Trascurare questa variabilità, ad esempio prendendo misurazioni solo nei pressi della diga, può portare a false stime delle emissioni del bacino. Il progetto ha condotto il primo studio sistematico sull’esistenza di punti caldi di emissione di metano nonché di pozzi di carbonio in tutta l’area del bacino, comprese le aree di afflusso fluviale. È probabile che gli afflussi fluviali emettano diverse volte più metano rispetto alle aree vicine alla diga.

La vita acquatica funge da condotto per il metano

I bacini tropicali possono fungere da «fabbriche di metano», rimuovendo la CO2 dall’atmosfera e restituendola come metano con un impatto decisamente maggiore sull’ambiente. Le piante acquatiche, il fitoplancton e le alghe assorbono e legano CO2 man mano che crescono, ma quando muoiono, si depositano sul fondo dove vengono digerite da microbi che producono metano nei sedimenti. «Abbiamo scoperto che il gorgogliamento di metano (ebollizione) era il condotto più rilevante per le emissioni di gas serra nella maggior parte dei bacini in esame. Sfortunatamente, questo percorso di emissione è il più difficile e voluminoso da valutare», osserva Sobek. I ricercatori hanno concluso che limitando la fornitura di sostanze nutritive ai fiumi e ai bacini idrici, ad esempio attraverso il trattamento delle acque di scolo o una migliore gestione dell’uso di fertilizzanti, le piante acquatiche e il fitoplancton crescerebbero di meno e quindi fornirebbero meno cibo ai microbi che producono metano. «Nel complesso, lo studio rivela che le dighe tropicali come fonte di energia rinnovabile non sono prive di costi di gas serra. I dati preliminari mostrano che sebbene i sedimenti intrappolati possano fungere da pozzo di carbonio, in nessun caso possono superare le grandi quantità di metano rilasciato», conclude Sobek.

Parole chiave

HYDROCARB, bacino tropicale, emissioni di metano, diga tropicale, emissioni di gas serra, energia idroelettrica, pozzo di carbonio, sedimenti

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione