Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Una soluzione di confezionamento alimentare biodegradabile che promette anche di estendere la durata di conservazione degli alimenti

Durante lo sviluppo di soluzioni per il confezionamento alimentare biodegradabili derivati da siero di latte del formaggio e gusci di mandorle, il progetto YPACK, finanziato dall’UE, ha scoperto che integrare ossido di zinco e olio essenziale di origano contribuisce a proteggere contro le contaminazioni batteriche della carta biocompatibile per il confezionamento alimentare. Ciò promette di estendere la durata di conservazione dei prodotti freschi quali carne, frutta, verdura e pasta fresca.

Alimenti e Risorse naturali

L’ossido di zinco e l’olio essenziale di origano sono composti che possiedono buone proprietà antimicrobiche contro due importanti batteri noti per causare intossicazione alimentare: lo Staphylococcus e l’Escherichia coli. Il team di YPACK ha scoperto un rapporto ottimale di ingredienti attivi che hanno mostrato effetti antibatterici efficaci nel breve periodo (15 giorni) e nel medio periodo (fino a 48 giorni), in sistemi «aperti» e «chiusi», per prodotti alimentari in cui il confezionamento viene aperto e chiuso varie volte, ad esempio, prosciutto a fette o pane. I componenti attivi potrebbero essere impiegati come strato attivo sia nei vassoi che nelle pellicole. L’inquinamento da plastica, cui partecipa il confezionamento alimentare in plastica monouso, costituisce una delle principali preoccupazioni ambientali a causa dei milioni di tonnellate di rifiuti in plastica che finiscono nei nostri oceani. Il lavoro attualmente in corso di YPACK per sviluppare l’innovativa soluzione di confezionamento alimentare biodegradabile del progetto e che presenta anche il vantaggio di conservare gli alimenti più a lungo, offre una risposta attraente, e pratica, a questo problema. Per maggiori informazioni, consultare il sito web ufficiale YPACK. «Il confezionamento ideale comporta un’impronta idrica e di carbonio ridotta, è biodegradabile e/o compostabile, impiega rifiuti o sottoprodotti, è di concezione ecologicamente corretta e sicura e possiede proprietà di conservazione atte a ridurre al minimo gli sprechi alimentari. YPACK ha tenuto fede a questa visione». - José María Lagarón, coordinatore del progetto YPACK Se sei interessato a far apparire il tuo progetto nella rubrica «Progetto del mese» in un prossimo numero, inviaci un’e-mail a editorial@cordis.europa.eu e spiegaci il perché!

Parole chiave

YPACK, biodegradabile, alimento, conservazione