Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Altri 46 milioni di euro di finanziamenti per Varjo, azienda leader nella realtà virtuale estesa sostenuta dall’UE

L’azienda finlandese Varjo, che opera nel settore tecnologico della realtà estesa, ha ricevuto un ulteriore sostegno da parte di investitori esistenti e nuovi, al fine di soddisfare la domanda crescente di soluzioni professionali di realtà virtuale e mista.

Economia digitale

Ciò che è possibile fare con un casco per la realtà virtuale, l’occhio umano può farlo meglio. Questo perlomeno era lo scenario per questi dispositivi finché la start-up finlandese Varjo non è apparsa sulla scena. La risoluzione di questi dispositivi, anche se accettabile a scopo di intrattenimento, non era neanche lontanamente sufficiente per applicazioni professionali nei settori dell’ingegneria, della ricerca e della progettazione. Varjo, con il parziale sostegno del progetto EXTEND, finanziato dall’UE, ha sviluppato i suoi prodotti innovativi ed è diventata la prima e unica azienda al mondo a ottenere una risoluzione assimilabile a quella dell’occhio umano con i suoi dispositivi di realtà virtuale e mista. Varjo ha raccolto altri 46 milioni di euro di finanziamento da parte di investitori esistenti e nuovi, al fine di accelerare lo sviluppo dei suoi prodotti hardware e software all’avanguardia. I finanziamenti saranno inoltre utilizzati per accelerare l’espansione delle sue operazioni a livello globale e della rete di rivenditori in altri Paesi, che sono già più di 40 tra Europa, Asia, Nord America e Medio Oriente. Con quest’ultimo ciclo di finanziamenti, l’azienda finlandese ha totalizzato 85 milioni di euro. «Abbiamo osservato una domanda enorme di casi d’uso per la realtà virtuale e mista, in particolare poiché buona parte del mondo continua al lavorare da remoto», Timo Toikkanen, amministratore delegato di Varjo, ha spiegato in un articolo pubblicato sulla piattaforma della Community del Consiglio europeo per l’innovazione. «Con il supporto del nostro gruppo crescente di investitori, non vediamo l’ora di ampliare le nostre operazioni e fornire la tecnologia all’avanguardia di cui i nostri clienti hanno bisogno per trasformare il loro modo di lavorare.»

Applicazioni di realtà virtuale e mista nell’industria

I dispositivi di Varjo per la realtà estesa, definita anche XR, vengono impiegati dalle imprese globali per migliorare e accelerare programmi di formazione pilota, per presentare futuri progetti di edilizia, oltre che per valutare prototipi, progetti e tecnologie di sicurezza attiva. Inoltre, stanno contribuendo ad accelerare i processi di progettazione, a formare gli operatori delle sale di controllo nucleari in modo più economico e a ridurre gli errori commessi nella chirurgia invasiva. «Siamo stati tra i primissimi investitori di Varjo e abbiamo creduto sin dall’inizio nella visione dell’azienda sul modo in cui i sistemi informatici immersivi potessero trasformare il modo di lavorare dei professionisti», ha osservato nello stesso articolo Petteri Koponen, partner fondatore dell’investitore Lifeline Ventures e presidente del consiglio di amministrazione di Varjo. «In meno di quattro anni, Varjo ha fornito al mercato hardware e software leader nel settore. Siamo entusiasti di partecipare a quest’ultimo ciclo di finanziamenti poiché l’azienda continua ad ampliare e a offrire un ecosistema in grado di introdurre l’adozione dell’XR nella mentalità imprenditoriale comune.» Per maggiori informazioni, consultare: sito web di Varjo

Parole chiave

EXTEND, Varjo, finanziamento, realtà virtuale, realtà mista