Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

TENDENZE SCIENTIFICHE: perché si continua a scegliere il cibo spazzatura invece di spuntini sani? È una questione genetica, secondo uno studio

La ricerca suggerisce che gli esseri umani sono più bravi a ricordare la posizione di alimenti ipercalorici rispetto alle loro alternative sane.

Ricerca di base

Il nostro cervello è programmato per cercare un hamburger invece di una mela? Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista «Scientific Reports», la colpa è dei nostri antenati cacciatori-raccoglitori. Istinti di questo tipo hanno aiutato i gruppi nomadi preistorici a evitare la fame andando alla ricerca di alimenti ipercalorici ed è per questo motivo che siamo più bravi a ricordare dove si trova il cibo spazzatura. Quella che era una benedizione per gli esseri umani antichi potrebbe essere una maledizione per noi gente moderna.

La colpa è del cervello!

«Le menti umane sembrano essere progettate per localizzare in modo efficiente nel nostro ambiente alimenti ipercalorici e ricchi di energia», ha dichiarato a “Inverse” Rachelle de Vries, prima autrice e dottoranda presso l’Università di Wageningen nei Paesi Bassi. «Questo pregiudizio della memoria può ancora influenzare il modo in cui oggi ci muoviamo nei contesti alimentari moderni». «I nostri risultati si basano sull’idea che l’individuazione di preziose risorse ad alto contenuto calorico all’interno di un ambiente alimentare fluttuante fosse un problema importante e ricorrente per i nostri antenati cacciatori-raccoglitori», ha spiegato de Vries. «Di conseguenza, quelli con una memoria migliore relativamente a dove e quando reperire risorse alimentari a elevato contenuto calorico avrebbero probabilmente avuto un vantaggio in termini di sopravvivenza o forma fisica». «La tendenza all’elevato contenuto calorico nella memoria spaziale potrebbe influenzare negativamente il nostro comportamento alimentare, nel contesto del moderno ambiente alimentare “obesogenico”, dove gli alimenti ipercalorici sono già molto disponibili e accessibili», ha aggiunto de Vries.

Sei quello che mangi?

Alcuni ricercatori dei Paesi Bassi hanno dimostrato che le persone sono maggiormente in grado di ricordare la posizione di alimenti ipercalorici indipendentemente dalle loro scelte alimentari o dalla loro familiarità. Per misurare la memoria relativa alla posizione del cibo, hanno chiesto a 512 persone di seguire un percorso fisso intorno a una stanza che conteneva 8 campioni di cibo da mangiare o 8 odori di cibo su tamponi di cotone da annusare. I campioni consistevano in articoli a elevato e basso contenuto calorico, come mele, cioccolato, pomodori e patatine. Mentre assaggiavano e annusavano il cibo, i partecipanti hanno risposto alle relative domande, comprese quelle relativamente al gradimento e alla familiarità con un dato alimento. Quindi ai volontari è stato chiesto di indicare la posizione corretta di ogni alimento o campione di odore su una mappa della stanza. I risultati mostrano che quelli a cui erano stati presentati campioni di alimenti erano il 27 % più accurati. Quelli a cui erano stati presentati campioni di odori erano il 28 % più accurati nel mappare gli alimenti ipercalorici rispetto a quelli ipocalorici nella posizione corretta. La memoria spaziale, un processo che ci consente di ricordare dove sono gli oggetti in relazione tra loro, non è stata influenzata dal fatto che i cibi fossero dolci o salati o da quanto ai partecipanti sia piaciuto ogni campione. Nel complesso, la mappatura degli alimenti da parte dei partecipanti è stata più accurata del 243 % quando veniva presentato loro del cibo rispetto ai dischetti di cotone. «Questi risultati sono entusiasmanti perché ci danno una visione più approfondita della nostra architettura cognitiva, o di come le menti umane siano “cablate” per rispondere agli oggetti che hanno avuto rilevanza per la forma fisica nella nostra storia evolutiva», ha concluso de Vries. «Attualmente siamo impegnati ad analizzare in maniera più approfondita in che modo esattamente la tendenza verso alimenti ipercalorici nella memoria spaziale umana possa influenzare direttamente o indirettamente gli alimenti che scegliamo di mangiare regolarmente o le posizioni degli alimenti che andiamo a trovare regolarmente».

Parole chiave

cibo, calorie, alimenti ipercalorici, memoria, cibo spazzatura