Skip to main content

Contextualising psychosocial wellbeing and mental health within sociocultural dynamics

Article Category

Article available in the folowing languages:

Analizzare le dinamiche socioculturali del benessere e della salute mentale

In che modo la società affronta i problemi di una società sempre più globalizzata e complessa? Il progetto PSYCHOCONTEXT ha affrontato questo interrogativo.

Società
Salute

La mancanza di contestualizzazione della scienza e delle applicazioni della salute mentale e degli interventi psicosociali è la fonte di gran parte della critica popolare. Il progetto PSYCHOCONTEXT, finanziato dall’UE, ha deciso di offrire un apprezzamento integrato nella fonte, dal basso verso l’alto, della necessità di cercare sempre di contestualizzare gli interventi di salute mentale e gli ostacoli istituzionali e professionali a questo processo a livello europeo. I ricercatori hanno usato metodi di ricerca di azione partecipativa con gli utenti dei servizi di salute mentale e i loro parenti, professionisti dei servizi psicosociali e gruppi di società civile. Intrapreso con il sostegno del programma Marie Skłodowska-Curie, il primo traguardo del progetto è stato elaborare diverse revisioni, ad esempio «A Systematic Review and Meta-analysis of Recovery Educational Interventions for Mental Health Professionals» («Una revisione sistematica e metanalisi degli interventi educativi di guarigione per i professionisti della salute mentale») e uno studio sperimentale sull’impatto delle dinamiche sociali e della cittadinanza sul benessere, così come le possibilità di inserire queste idee nella pratica per la salute mentale. Il secondo traguardo consisteva nel raccogliere informazioni circa gli approcci già utilizzati nella sanità mentale. «I risultati di entrambi i traguardi sono stati usati per organizzare workshop con gli utenti e i professionisti dei servizi per la salute mentale. Il primo workshop è stato valutato qualitativamente e l’ultimo è stato valutato con uno studio cluster-randomizzato e utilizzando un parametro psicometrico sviluppato sulla base delle analisi dei gruppi di discussione», ha spiegato Francisco José Eiroa-Orosa, coordinatore di PSYCHOCONTEXT.

Interviste, gruppi di discussione e studi sperimentali

Il progetto ha condotto interviste e gruppi di discussione, oltre a un esperimento online circa le ripercussioni delle variabili socioculturali sul benessere e sulla sofferenza psicosociali. Ciò ha previsto un intenso lavoro di raccolta di informazioni tramite tecniche di ricerca partecipativa. L’esperimento online era un’indagine randomizzata dell’interazione tra benessere e cittadinanza: era finalizzato a individuare il punto di forza del loro rapporto. Lo studio ha approfondito inoltre la potenzialità di cambiamento dei livelli di benessere e di cittadinanza nel tempo, dopo l’esposizione a un breve intervento che coinvolge convinzioni di giustizia sociale, assertività e valori. Secondo Eiroa-Orosa, dai risultati è emerso un rapporto forte e positivo tra il benessere e la cittadinanza. «Lo studio ha contribuito a rafforzare la consapevolezza delle ingiustizie che svantaggia l’esperienza dei gruppi, pur favorendo contemporaneamente modalità per responsabilizzarsi per le persone», ha spiegato Eiroa-Orosa. «I professionisti potrebbero usare i risultati per fornire una piattaforma per i gruppi sensibili, offrendo loro risorse per essere più assertivi e coinvolti nei progetti comunitari. Questo può contribuire a rafforzare i loro ruoli, responsabilità e rapporti significativi che di conseguenza potrebbero migliorare il loro benessere generale e il senso di cittadinanza».

I dialoghi a tre agevolano ulteriormente lo scambio di informazioni

In generale, il progetto ha migliorato i rapporti tra gli attori centrali nell’ambito della salute mentale; inoltre, ha difeso i diritti degli utenti del servizio da un modello incentrato sulla persona e ha favorito l’attivismo della salute mentale come un modo di combattere l’auto-stigmatizzazione. Il progetto ha offerto formazione agli utenti e ai professionisti dei servizi di salute mentale mirati ad alternative per la diagnosi, la guarigione con gli utenti dei servizi come protagonisti, così come strumenti specifici per rispettare i diritti degli utenti dei servizi per la salute mentale. «Abbiamo anche condotto dialoghi a tre fra gli utenti dei servizi, i loro parenti e i professionisti in alcuni degli istituti in cui sono stati condotti i workshop. Questo ha agevolato il fatto che lo scambio di informazioni tra i professionisti e le persone con esperienze vissute fosse bidirezionale», osserva Eiroa-Orosa. Tutte le attività sono state condotte in un ambiente di rispetto reciproco, agevolando la partecipazione di tutti. Ciascuno ha avuto l’opportunità di contribuire con la propria esperienza personale e di fare proposte in relazione alle situazioni provate nel campo dell’assistenza alla salute mentale.

Parole chiave

PSYCHOCONTEXT, salute mentale, benessere, cittadinanza, psicosociale, professionisti

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione