Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Ricucire insieme la storia egiziana attraverso i tessuti

Un nuovo sguardo alla produzione tessile nell’Egitto romano-bizantino ha messo in luce i ruoli di genere e l’importanza sociale in evoluzione dell’abbigliamento durante un periodo cruciale della storia umana.

Società

L’Egitto subì importanti cambiamenti politici, sociali e religiosi tra il IV e l’VIII secolo d.C. con la divisione finale dell’Impero romano e l’arrivo dei Persiani e infine degli Arabi. Il progetto MONTEX, realizzato grazie al supporto del programma di azioni Marie Skłodowska-Curie, ha cercato di ottenere una migliore comprensione della società egiziana durante questi tempi turbolenti attraverso un’analisi della produzione tessile. «Il tessile era uno dei rami più importanti dell’economia egiziana all’epoca», spiega la borsista Maria Mossakowska-Gaubert, ricercatrice presso il Saxo Institute - Center for Textile Research (CTR) in Danimarca. La ricerca si è concentrata sull’ambiente monastico: i monaci e le monache provenivano da tutti i gruppi sociali e le loro occupazioni professionali e la vita quotidiana riflettevano fortemente gli stili di vita dei laici.

La filatura della lana era un lavoro femminile

Mossakowska-Gaubert e la coordinatrice del progetto Marie-Louise Nosch, dell’Istituto Saxo, hanno esaminato prove archeologiche, rappresentazioni iconografiche e fonti scritte, sia letterarie che documentarie, in greco e copto. «Questa ricerca interdisciplinare ha portato nuove prove al puzzle della storia economica e sociale dell’Egitto», afferma Mossakowska-Gaubert. In effetti, uno dei risultati più importanti di questo progetto è stata la comprensione dell’impatto di genere e struttura della comunità sulla divisione del lavoro nella produzione tessile. Ad esempio, sembra che tutti i membri della comunità potessero essere coinvolti nella coltivazione del lino, nell’allevamento di pecore e nella preparazione delle fibre. Tuttavia, sembra che l’organizzazione dei processi di filatura e tessitura variasse da un tipo di comunità all’altro. Nei monasteri misti, abiti di lino e altri tessuti venivano realizzati da tessitori monaci. Le monache tessevano le loro tuniche di lino e altri indumenti e si occupavano della filatura del lino stesso. Vestiti e coperte di lana venivano realizzati per l’intera comunità nei monasteri femminili. «Tuttavia, i monaci che vivevano in piccoli monasteri e quelli in comunità composte da numerosi eremi si occupavano essi stessi della filatura del lino, ma mai della lana», spiega Mossakowska-Gaubert. «La filatura della lana era considerata un “lavoro femminile” a differenza della filatura del lino, che poteva essere eseguita sia da uomini che da donne. Sembra che i peli di capra siano stati filati solo da monaci».

Ruolo sociale dell’abbigliamento

Il progetto MONTEX ha contribuito a rispondere a diverse domande riguardanti il ruolo sociale dell’abbigliamento. «L’abito ufficiale veniva indossato dai monaci per occasioni specifiche, mentre l’abbigliamento “ordinario” veniva indossato per le attività quotidiane e per dormire», aggiunge Mossakowska-Gaubert. «Grazie a MONTEX, oggi possiamo stabilire la comparsa, l’evoluzione e le possibili variazioni dell’abbigliamento ufficiale indossato dai monaci e dalle monache in Egitto dal IV all’VIII secolo». Il progetto ha anche contribuito a far luce sui tipi di telaio utilizzati. «Un telaio verticale fissato in una fossa era molto probabilmente utilizzato dai monaci per tessere i sudari funebri, mentre un telaio più piccolo veniva probabilmente utilizzato per tessere strisce e occasionalmente piccole tuniche per bambini ordinate da laici», osserva Mossakowska-Gaubert. Il progetto ha individuato quello che sembra essere un telaio tenuto in tensione con i piedi in una fonte iconografica e fonti papirologiche di epoca romana. L’uso di un tale telaio in Egitto è stato finora completamente ignorato dai ricercatori. Questa scoperta, insieme al resto dei risultati del progetto, dovrebbe essere di grande interesse per filologi, papirologi, archeologi e storici.

Parole chiave

MONTEX, egiziano, tessile, monaci, monache, monastico, telai, lana, filatura, lino, Egitto romano-bizantino, genere

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione