Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

TENDENZE SCIENTIFICHE: perché le persone mattiniere sono più felici?

Gli scienziati sostengono che una particolare abitudine riguardo al sonno può portare a una maggiore felicità.

Ricerca di base

Ti senti giù? È tempo di reimpostare la tua sveglia. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista «JAMA Psychiatry», regolare il ritmo del sonno potrebbe avere un impatto positivo per la salute mentale. La ricerca ha concluso che svegliarsi solo un’ora prima del solito potrebbe ridurre il rischio di depressione del 23 %. I risultati hanno anche dimostrato che i benefici crescono per ogni ora di risveglio anticipato.

Da nottambuli a mattinieri

I ricercatori dell’Università del Colorado a Boulder (CU Boulder) e del Broad Institute di MIT e Harvard hanno analizzato i dati genetici di quasi 840 000 individui adulti di origine europea. I dati comprendevano anche 85 000 persone che avevano utilizzato dispositivi indossabili di monitoraggio del sonno per 7 giorni e 250 000 che avevano compilato questionari sulle preferenze in fatto di sonno. Circa il 33 % è andato a letto presto e si è alzato presto, il 9 % è andato a letto tardi e si è alzato tardi, mentre il resto ha avuto un comportamento variabile intermedio. Il punto medio del sonno medio (a metà strada tra l’ora di andare a letto e l’ora della sveglia) era alle 3 del mattino, il che significa che i soggetti sono andati a letto alle 23:00 e si sono alzati alle 6 del mattino. Se normalmente ci si corica all’una, ma si inizia a svegliarsi un’ora prima e si dormono le stesse ore, il rischio si riduce del 23 %. Se invece si va a letto alle 23:00, si riduce il rischio di circa il 40 %. Non esistono prove che suggeriscano se i mattinieri potrebbero trarre beneficio dall’alzarsi ancora prima. «Sappiamo da tempo che esiste una relazione tra i tempi del sonno e l’umore», ha dichiarato l’autrice dello studio Celine Vetter, docente assistente di fisiologia integrativa presso la CU Boulder, al quotidiano britannico «Daily Mail». «Ma una domanda che sentiamo spesso dai medici è: “quanto tempo prima dobbiamo spostare la sveglia per vedere un beneficio?” Abbiamo scoperto che svegliarsi anche solo un’ora prima è associato a un rischio significativamente più basso di depressione.»

E luce sia

Le persone che si alzano prima sono anche più esposte alla luce, e questa potrebbe essere la chiave per il benessere. La prof. Vetter ha alcuni consigli per coloro che vogliono cambiare i propri schemi dormendo e svegliandosi prima: «Fai in modo che i tuoi giorni siano pieni di luce e le tue notti buie. Prendi il tuo caffè mattutino in veranda. Cammina o vai in bicicletta per andare al lavoro, se puoi, e abbassa la luminosità dei tuoi dispositivi elettronici la sera». Anche fare esercizio all’inizio della giornata aiuta, e mangiare tardi andrebbe evitato. Esiste un momento ideale per andare a letto o per svegliarsi? «È improbabile che esista una specifica finestra di sonno che sarebbe la migliore per tutti, è più probabile che si tratti di un intervallo», ha spiegato la prof. Vetter alla «CNBC». Complessivamente, per gli adulti sono ottimali tra le sette e le nove ore di sonno al giorno.

Parole chiave

sonno, felicità, depressione, tempo, mattina, luce, salute mentale