Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Una strada residenziale di Cardiff registra un quarto di milione di veicoli in un solo mese

Preoccupati dalle condizioni di traffico intenso sulla loro strada residenziale, alcuni cittadini di Cardiff hanno utilizzato i sensori forniti da un progetto finanziato dall’UE per attirare l’attenzione del governo locale.

Trasporti e Mobilità
Società

Ogni giorno circa 90 000 pendolari si recano a Cardiff, la maggior parte dei quali in automobile. Per risolvere le diverse sfide legate al trasporto che si stanno manifestando, la capitale gallese in crescita necessita di soluzioni innovative. Ma cosa comportano? La proposta del progetto WeCount, finanziato dall’UE, prevede il coinvolgimento attivo dei cittadini di Cardiff nel processo decisionale locale. L’idea è abbastanza semplice: i cittadini possono verificare il traffico sulla loro strada utilizzando un software poco costoso e un sensore impiegato da WeCount chiamato Telraam, posizionato sulle finestre, e poi possono utilizzare questi dati per contattare il governo locale. Questo è esattamente ciò che hanno fatto i residenti preoccupati di Pen-y-Wain Road a Roath, che hanno installato un sensore Telraam su questa via che include parte della strada tra Shirley Road, che porta a Pen-y-Wain, e Mackintosh Place, che la chiude. Solo nel mese di giugno, il sensore ha contato un totale di 225 204 auto e 26 084 veicoli pesanti. Ulteriori statistiche sul traffico stradale sono disponibili sul sito web di Telraam.

Non solo traffico, ma anche inquinamento atmosferico

Stuart Thomas, un residente che vive all’incrocio tra Pen-y-Wain Road e Shirley Road, ha commentato questi numeri enormi. «È stato uno shock, ma non del tutto per me», ha dichiarato in una notizia pubblicata su «WalesOnline». «Il volume di traffico su questa strada è immenso e ovviamente, a causa della posizione (si tratta di un incrocio), arriva letteralmente da tutte le direzioni.» Insieme al traffico arriva il conseguente inquinamento atmosferico: «Quando pulisco la mia stanza trovo un sacco di polvere e sporcizia. Se la pulisco al mattino, nel pomeriggio inizia già ad accumularsi. È sgradevole e pensi di respirarla ogni giorno», ha osservato Thomas. Il prof. Enda Hayes, della University of the West of England di Bristol, partner del progetto WeCount, ha consegnato oltre 90 sensori intorno a Cardiff: uno dei più recenti si trova presso la Roath Park Primary School in fondo a Pen-y-Wain. «Pen-y-Wain Road è uno dei sensori più stabili negli ultimi mesi e Roath è probabilmente l’area in cui abbiamo il maggior numero di sensori a Cardiff. La comunità di Roath era davvero ansiosa di impegnarsi e mettersi in gioco», ha osservato il prof. Hayes, che è il coordinatore del progetto a Cardiff. «Pen-y-Wain è una delle strade più trafficate in quella zona. Hai Pen-y-Wain Road, Shirley Road, Allensbank Road, Albany Road e City Road sembrano essere quelle con il maggior volume di traffico in quella particolare area. Per Albany Road, per City Road, per Allensbank Road, forse era prevedibile, ma Pen-y-Wain Road e Shirley Road non sono strade grandi dove ti aspetteresti questo volume di traffico», ha continuato a spiegare. In risposta alle preoccupazioni dei cittadini sostenute da WeCount (WeCount: Citizens Observing UrbaN Transport), un portavoce del comune di Cardiff ha dichiarato: «Vale la pena osservare che lo strumento di raccolta dati WeCount è ancora un sistema relativamente nuovo e non fornisce necessariamente dati affidabili per la pianificazione dei trasporti. Siamo un partner di questo progetto e utilizzeremo i risultati insieme ai nostri sondaggi e al monitoraggio del traffico per rafforzare la nostra comprensione della rete.» Per ulteriori informazioni, consultare: sito web del progetto WeCount

Parole chiave

WeCount, strada, traffico, Cardiff, sensore

Articoli correlati