Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Progressi nel rilevamento dell’aritmia cardiaca

Secondo un nuovo studio, un modello che unisce l’elettrocardiogramma e la radiomica migliora il rilevamento della fibrillazione atriale nelle donne.

Economia digitale
Salute

Da quanto emerso in una nuova ricerca sostenuta dai progetti euCanSHare e HealthyCloud, finanziati dall’UE, un modello che unisce le caratteristiche dell’ECG e dati radiomici derivanti dall’imaging cardiaco migliora il rilevamento della fibrillazione atriale (FA) nelle donne. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista «Scientific Reports». La FA è una patologia caratterizzata da un ritmo cardiaco irregolare e spesso insolitamente rapido. Questa aritmia cardiaca, la più diffusa tra la popolazione, si manifesta con impulsi elettrici anomali improvvisi nelle camere cardiache superiori, o atri, che ne provocano il battito asincrono rispetto ai ventricoli, le camere inferiori. Le conseguenze della FA includono vertigini, mancanza di fiato e stanchezza; inoltre, questa patologia aumenta il rischio di ictus e insufficienza cardiaca. L’elettrocardiogramma è lo strumento clinico principale per la diagnosi della FA, che trova largo impiego per rilevare anomalie dei ritmi e delle forme d’onda del cuore. Tuttavia, come osservato dagli autori dello studio, «un ECG registrato in un singolo momento potrebbe non rilevare la presenza di FA parossistica», una serie di episodi di FA intermittenti che si esauriscono entro 7 giorni, spontaneamente o in seguito a un trattamento. L’imaging con risonanza magnetica cardiovascolare (RMC) è un altro strumento importante per valutare la funzione e la struttura del sistema cardiovascolare. Inoltre, la radiomica dell’RMC ha suscitato notevole interesse per le sue potenzialità di migliorare l’accuratezza diagnostica: grazie a tale metodo è infatti possibile ricavare numerose caratteristiche dalle immagini mediche attraverso algoritmi di caratterizzazione dei dati.

Una soluzione migliore all’uso esclusivo dell’ECG

Coniugare le caratteristiche dell’ECG e della radiomica dell’RMC migliorerebbe il rilevamento della fibrillazione atriale? Per trovare una risposta a questa domanda, i ricercatori hanno utilizzato le informazioni della UK Biobank, una banca dati sanitaria su vasta scala. Lo studio ha coinvolto in totale 32 121 partecipanti di età media pari a 63 anni, con una percentuale di donne stimata al 51 %. Un gruppo di 495 partecipanti presentava FA prevalente. Come osservato nello studio, «la coorte con FA era composta perlopiù da uomini (69,3 %), persone leggermente più anziane con maggiore comorbilità e un indice di massa corporea più elevato». Il team di ricerca ha scoperto che il proprio modello integrativo, sviluppato coniugando radiomica ed ECG, dimostrava risultati migliori rispetto all’uso esclusivo dell’ECG, specialmente tra le donne. «Le prestazioni dell’ECG erano inferiori tra le donne che tra gli uomini… ma aggiungendo le caratteristiche della radiomica è stato possibile migliorare notevolmente l’accuratezza del modello.» L’utilizzo della radiomica in aggiunta all’ECG ha aumentato considerevolmente la sensibilità nel caso delle donne partecipanti, permettendo un rilevamento migliore degli eventi di FA. Gli autori concludono: «I nostri risultati offrono nuovi approfondimenti sulla rimodellazione elettro-anatomica correlata alla FA e sulle sue variazioni in base al sesso. Il modello integrativo che comprende radiomica ed ECG rappresenta inoltre un potenziale approccio innovativo per il rilevamento precoce della FA.» Il progetto euCanSHare (An EU-Canada joint infrastructure for next-generation multi-Study Heart research) sta sviluppando la prima piattaforma centralizzata e sicura al mondo dedicata alla condivisione e all’analisi dei dati per la ricerca cardiovascolare. Grazie all’integrazione delle principali fonti di informazioni cardiovascolari europee e del Canada, il progetto accelererà gli sforzi della ricerca basata sui dati nel campo della cardiologia. Il progetto HealthyCloud (HealthyCloud – Health Research & Innovation Cloud) si propone di sviluppare un’agenda strategica che include una tabella di marcia pronta all’uso per l’ecosistema su cloud dedicato alla ricerca e all’innovazione in ambito sanitario. Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto euCanSHare sito web del progetto HealthyCloud

Parole chiave

euCanSHare, HealthyCloud, cuore, fibrillazione atriale, elettrocardiogramma, ECG, radiomica, cardiovascolare

Articoli correlati