CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Strengthening synergies between Aviation and maritime in the area of human Factors towards achieving more Efficient and resilient MODE of transportation

Article Category

Article available in the following languages:

Fattori umani: le modalità di trasporto collaborano per ridurre gli incidenti

Una piattaforma online per la progettazione di sistemi e procedure informate sul rischio umano contribuirà a rafforzare la resilienza nel settore marittimo e in quello dell’aviazione.

Trasporti e Mobilità icon Trasporti e Mobilità

Errare è umano. Non sorprende che l’errore umano giochi un ruolo chiave negli incidenti marittimi e aerei. Sebbene la standardizzazione dei rapporti sia limitata e i due settori siano ampiamente separati, molti studi concordano sul fatto che i fattori umani sono significativi. Ad esempio, i fattori umani hanno contribuito a oltre l’80 % dei sinistri e degli incidenti marittimi sottoposti a indagine dal 2014 al 2021. Allo stesso modo, secondo Boeing, circa l’80 % degli incidenti aerei è dovuto all’errore umano. Il progetto SAFEMODE, finanziato dall’UE, ha riunito 34 partner della ricerca e dell’industria per comprendere «l’iceberg dei fattori umani», con il comportamento osservabile sulla cima fino alla profondità dei problemi legati al fattore umano radicati nella cultura aziendale. Il risultante quadro di progettazione informata sui rischi umani (HURID, HUman Risk-Informed Design) aiuterà le industrie marittime e aeronautiche a ottimizzare i sistemi e le operazioni per ridurre al minimo i rischi associati ai fattori umani.

Demolire l’iceberg dei fattori umani

SAFEMODE si proponeva di modellizzare il comportamento umano in relazione agli incidenti di sicurezza, di identificare i fattori umani trasversali nei settori marittimo e aeronautico e di sviluppare un quadro in grado di quantificare il contributo umano al fallimento e al successo. «Abbiamo lavorato a stretto contatto con i potenziali utenti finali, tra cui compagnie aeree, compagnie di navigazione, costruttori marittimi e aeronautici, fornitori di servizi di navigazione aerea, agenzie governative e autorità di regolamentazione sui dati e le analisi. La collaborazione ci ha permesso di mostrare i vantaggi tangibili dei fattori umani per la progettazione di sistemi e procedure, per la gestione della sicurezza e per l’attuazione delle politiche. I migliori metodi e strumenti relativi ai fattori umani sono stati integrati nella piattaforma online HURID», spiega il coordinatore del progetto, Simone Pozzi, di Deep Blue, una PMI italiana specializzata in soluzioni di progettazione antropocentriche nei settori critici per la sicurezza.

La piattaforma di progettazione online informata sui rischi umani

La piattaforma online e-HURID, supportata dai partner SAFEMODE fino al 2025, ha tutto ciò che serve per essere rapidamente operativi e ottenere il massimo da e-HURID. La piattaforma contiene una formazione sui fondamenti dei fattori umani e video ed esercitazioni di SafeFlix. Le schede informative e le buone prassi aiutano i potenziali utenti a comprendere l’utilità di un determinato metodo. Infine, i percorsi guidati – la bussola dei fattori umani – forniscono raccomandazioni passo passo per introdurre le considerazioni sui fattori umani nella progettazione di sistemi e procedure, nella gestione della sicurezza e nell’attuazione delle politiche. Passando all’applicazione, gli strumenti di e-HURID includono SHIELD, una tassonomia dei fattori umani e una banca dati per la comunicazione e l’analisi degli incidenti, e SafetyEye, un’applicazione online per l’esecuzione di rapidi sondaggi sulla cultura della sicurezza. La piattaforma ospita anche: profili di capacità delle prestazioni umane con un metodo di confronto per stabilire il livello di maturità dei fattori umani di un’organizzazione e una strategia di miglioramento, modelli di rischio e SEAbrary, un archivio elettronico di informazioni sulla sicurezza e sui fattori umani in relazione alle operazioni marittime, alla gestione e alla progettazione con un’attenzione particolare ai fattori umani. Il kit di strumenti Human Assurance è una raccolta di metodi e tecniche relativi ai fattori umani all’avanguardia.

La collaborazione tra le modalità di trasporto ha un impatto di vasta portata

«Collaborare al di fuori della propria rete abituale è un modo efficace per attivare un cambiamento positivo, evidenziando le ipotesi di nessun valore aggiunto e i principi generalmente applicabili di ciò che funziona e di ciò che dovremmo fare in modo diverso», osserva Pozzi. SAFEMODE è destinato ad avere un impatto pratico di vasta portata al di là del settore marittimo e dell’aviazione. Pozzi aggiunge: «Abbiamo riscontrato un enorme interesse per i fattori umani, non solo nel mondo della ricerca ma anche nell’industria. Molte aziende si sono rivolte – e continuano a rivolgersi – a SAFEMODE, alla ricerca di soluzioni pragmatiche per le esigenze operative quotidiane. Speriamo che i nostri risultati abbiano un impatto reale su aziende diverse.»

Parole chiave

SAFEMODE, fattori umani, settore marittimo, aviazione, HURID, sicurezza, incidenti, errore umano, progettazione informata sui rischi umani, progettazione antropocentrica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione