Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Trasmissione di dati tra amministrazioni: guardando al futuro

Nel gennaio 1997, la Commissione europea (DG III) ha lanciato un "Invito a presentare idee" relativo al programma comunitario IDA (Trasmissione di dati tra amministrazioni) la cui prima fase verrà completata nel 1997. La prima esperienza di consultazione elettronica mondiale, ...

Nel gennaio 1997, la Commissione europea (DG III) ha lanciato un "Invito a presentare idee" relativo al programma comunitario IDA (Trasmissione di dati tra amministrazioni) la cui prima fase verrà completata nel 1997. La prima esperienza di consultazione elettronica mondiale, nell'ambito del programma IDA, ha rappresentato un successo clamoroso, a riprova del livello elevato di interesse nel programma. I risultati dell'invito, che verranno presi in considerazione nello sviluppo del programma di lavoro futuro, sono stati classificati come "Progetti di interesse comune" e "Misure di interoperabilità". I progetti di interesse comune individuati quale risultato dell'invito, comprendono: - miglioramenti ai progetti settoriali esistenti: . applicazione di un sistema telematico per la comunicazione e lo scambio di informazioni dei laboratori delle dogane (testi, immagini, spettri, risultati di analisi chimiche); . miglioramento del progetto SIMAP per offrire un servizio telematico completo che riguardi quelle attività successive al lancio dell'invito a presentare offerte fino alla fase in cui sia completata la distribuzione e il pagamento effettivi del bene o servizio contrattato; . inclusione di una base di dati di sorveglianza dell'influenza nel sistema di sorveglianza delle malattie trasmissibili CARE; . estensione della struttura TESS allo scambio di informazioni concernenti gli incidenti sul lavoro, le malattie professionali e le mappe di rischio; . estensione di EURES alla manodopera transfrontaliera proveniente dai paesi terzi, per consentire il monitoraggio del mercato del lavoro; . interconnessione delle basi di dati degli Stati membri concernenti i lavoratori migranti, per ottenere informazioni anonime; - nuove idee di settore: . attuazione di un sistema di rete telematico di sostegno al controllo del traffico marittimo e alla gestione del rischio di inquinamento nonché al trasporto di merci pericolose (compresi i paesi mediterranei); . attuazione di un sistema di rete telematico per lo scambio di informazioni relative ai trapianti di organi e tessuti (basato sui principi delle reti IDA CARE); . attuazione del sistema EUROVET della DG XIII per la registrazione degli animali, la rilevazione degli spostamenti e il monitoraggio delle condizioni sanitarie; . attuazione di un sistema di rete telematico che colleghi gli ospedali europei per scambiare informazioni riguardanti l'assistenza sanitaria, la valutazione della qualità, l'organizzazione, le esperienze di marketing, la strategia di comunicazione nei media, ecc.; . attuazione di un sistema di rete telematico per lo scambio di esperienze e iniziative relative all'occupazione giovanile; . attuazione di un sistema di rete telematico per la comunicazione dei prezzi di mercato degli alimenti, da parte delle amministrazioni nazionali alla Commissione (uso del sistema di messaggeria EDI); . attuazione di un sistema di rete telematico per lo scambio di informazioni sulla biodiversità; . attuazione di un sistema di rete telematico per lo scambio di informazioni sulle strade e i veicoli, con lo scopo di migliorare la sicurezza, il controllo e l'applicazione delle leggi nonché la gestione/programmazione; . collaborazione con la NRC (Nuclear Regulatory Commission) statunitense in merito a progetti informatici internazionali per la riforma della regolamentazione e la gestione delle emergenze; . creazione di una banca dati europea delle risorse di R&S (progetti, scienziati, servizi); - esame dell'interfaccia fra i settori pubblico e privato: . integrazione delle amministrazioni all'interno del flusso di informazioni finanziarie e contabili tra le aziende, per consentire alle amministrazioni di ottenere le informazioni di cui hanno bisogno attraverso le transazioni fra imprese (questo concetto è stato già introdotto dalle reti Eurostat per la raccolta dei dati statistici); . determinazione, congiuntamente con il settore privato, di requisiti legati all'Europa, comprese reti tra le istituzioni delle banche centrali nazionali; . attuazione di un sistema elettronico di vigilanza per i dispositivi medici (riutilizzo di principi stabiliti durante il progetto di vigilanza sui farmaci EUDRANET); . previsione di un "one-stop-shop" per l'interfaccia settore pubblico/privato, un'unità centralizzata nella quale il settore privato può collocare tutte le informazioni di interesse (contabili, finanziarie, sicurezza sociale, ecc.) per la successiva distribuzione alle amministrazioni che le richiedono; . assicurazione dell'accesso al centro di conservazione del sapere IDA per il settore privato e i cittadini; - globalizzazione delle reti IDA: . incremento dello scambio di informazioni riguardanti le pensioni di vecchiaia, in particolare verso l'Australia e l'America latina, estendendo l'architettura TESS e le norme per la messaggeria EDI; . sostegno allo scambio elettronico internazionale di informazioni farmaceutiche attraverso l'armonizzazione del contenuto informativo con gli Stati Uniti e il Giappone; . aperto coinvolgimento dei paesi PECO nel sistema europeo per l'occupazione EURES; . espansione dell'uso dei sistemi di monitoraggio della salute e di analisi statistica CARE per incorporare la rete pilota dell'Est EUPHIN, sviluppata dalla DG XIII, e collegare tali sistemi all'OMS a Ginevra; . garantire ai PECO l'accesso ai sistemi di autorizzazione alla commercializzazione dei prodotti farmaceutici e di sicurezza (servizi EudraNET e EudraWATCH); . estensione dell'uso dei sistemi di monitoraggio della salute e di analisi statistica all'OMS a Ginevra; - attività di progettazione interistituzionali: . attuazione di un collegamento telematico tra la Commissione, il Consiglio, le Istituzioni e il sito della Presidenza dell'UE; . assicurazione dell'accesso riservato on-line ai documenti di lavoro della Commissione per i funzionari delle amministrazioni degli Stati membri; . attuazione di un sistema di rete telematico che permetta l'accesso a una base di dati legislativa dell'UE (inizialmente limitato al settore pubblico e alle Istituzioni dell'UE, con estensione potenziale al pubblico). Le misure di interoperabilità proposte, individuate quale risultato dell'invito, comprendono: - miglioramento dei servizi generali: . attuazione di una Intranet IDA, che porti alla creazione di un'autostrada dell'informazione per le amministrazioni europee; . definizione di servizi generali di repertori ed elenchi; . definizione di uno strumento per l'organizzazione di seminari e meeting; . fornitura di un elenco centrale multilingue per le amministrazioni europee accessibile mediante Internet; . miglioramento dell'interfaccia tra i protocolli OSI e Internet; . definizione di una struttura per servizi amministrativi distribuiti; . fornitura di servizi per lo scambio di informazioni geografiche; - diffusione della migliore prassi: . sviluppo e dispiegamento di nuove tecniche per la gestione dei flussi di lavoro nelle amministrazioni basate sull'uso delle reti telematiche; - sviluppi di applicazioni generiche: . iniziative pilota nell'uso del linguaggio di programmazione JAVA per la creazione di moduli di applicazioni portatili nell'ambito di una moltitudine di sistemi operativi e hardware; . sviluppo di una struttura generica tecnica, di servizio e organizzativa che consenta di utilizzare le dichiarazioni in forma elettronica in vari settori amministrativi (sicurezza sociale, fisco, statistiche, dogane e fiscalità indiretta, ecc.); sviluppo di un strato EDI per le applicazioni transeuropee che consenta a vari tipi di informazioni (codificate, strutturate, multilingue, multimediali) di fluire tra partner con differenti ambienti IT del passato, e che operano su servizi di comunicazione generica IDA; . attuazione di servizi generici ad uso amministrativo per la diffusione e l'interrogazione dei dati; . fornitura di un'interfaccia generica multilingue per applicazioni telematiche; - interoperabilità dell'infrastruttura con le reti telematiche nazionali: . fornitura di un'infrastruttura per l'interconnessione delle reti nazionali con quelle regionali o locali; - interoperabilità del contenuto informativo: . accordo su una norma per lo scambio di documenti amministrativi europei e, se necessario, sviluppo di un'interfaccia tra tale norma e altre norme locali; - struttura per la sicurezza IDA: . sviluppo di una struttura per la sicurezza IT internazionale che fornisca una metodologia in grado di assicurare riservatezza, autenticazione, integrità, non rifiuto e controllo dell'accesso nel corso dell'immagazzinamento e della trasmissione dei dati in un contesto amministrativo globale; . identificazione di sistemi di sicurezza che soddisfino le esigenze amministrative.

Articoli correlati

Politiche e direttive