Skip to main content

Cost effective corrosion and fatigue monitoring for transport products

Article Category

Article available in the folowing languages:

Prevenire i danni lungo il percorso

Le ispezioni e le manutenzioni di routine sono spesso inadeguate per rilevare gravi danni che stanno per verificarsi su navi, autobotti e vagoni cisterna. Alcuni scienziati finanziati dall'UE hanno sviluppato un nuovo tipo di sensore e hanno creato nuove procedure di collaudo per il monitoraggio on-line e per misure preventive efficienti.

Economia digitale

Le strutture di trasporto fondamentali, come i serbatoi di petrolio trasportati su linee stradali e ferroviarie, o per mare, sono soggette a corrosione e usura. I guasti che ne risultano in queste strutture causano grandi problemi all'ambiente, l'economia e persino la vita umana. Le ispezioni e la manutenzione tradizionale sono di solito condotte in base a un programma pre-definito e richiedono la rimozione del veicolo dal servizio. Tali procedure sono limitate a causa della loro incapacità di rilevare potenziali guasti tempestivamente e dell'impatto finanziario della perdita di tempo di servizio. Alcuni scienziati hanno dato vita al progetto CORFAT ("Cost effective corrosion and fatigue monitoring for transport products"), finanziato dall'UE, per sviluppare test non distruttivi per componenti in servizio sulla base dell'analisi delle emissioni acustiche. L'analisi delle emissioni acustiche usa sensori piezoelettrici montati sulla superficie della struttura per rilevare onde sonore formate come rilascio di energia da un materiale sotto pressione. L'analisi delle emissioni acustiche differisce da altre tecniche di test non distruttivi nel senso che non viene fornita energia esterna all'oggetto testato mentre vengono registrati principalmente eventi dinamici (corrosione attiva, propagazione di crepe). Per un'ulteriore valutazione dei difetti trovati da questo tipo di analisi, i ricercatori hanno sviluppato procedure per il collaudo non distruttivo che usano altre misure tradizionali. Gli esperimenti hanno permesso lo studio e la caratterizzazione della corrosione attiva e della spaccatura per usura in varie condizioni durante il monitoraggio con emissioni acustiche. L'applicazione di filtri, come il riconoscimento di tendenze, ha reso possibile distinguere tra segnali acustici legati alla corrosione e alla spaccatura per usura e segnali acustici causati dal rumore di fondo, in particolare dai rumori presenti durante il funzionamento. Gli scienziati inoltre hanno usato sensori montati sulla superficie della struttura per dimostrare la capacità di rilevare onde sonore che si propagano direttamente nel metallo e onde sonore che si propagano in parte attraverso il carico liquido. I test di verifica sui prodotti di trasporto hanno permesso l'ottimizzazione delle procedure di collaudo, dell'attrezzatura di misurazione e delle analisi. CORFAT ha incorporato l'attenta analisi delle condizioni di rischio e le relative regole di ispezione a standard esistenti per tutta la durata del progetto. Quindi sono state sviluppate anche attrezzature e procedure per l'analisi delle emissioni acustiche da usare in zone a rischio. Gli scienziati hanno fornito una nuova tecnologia di test non distruttivi basata su tali procedure di ispezione, bozze di standardizzazione contenenti i requisiti di sistema, regole di sicurezza, test non distruttivi di follow-up e relative azioni di manutenzione. Questa potente tecnologia diagnostica in servizio potrebbe ridurre significativamente la probabilità di guasti di componenti di trasporto. I prodotti del progetto avranno implicazioni positive per l'ambiente e la salute umana e aumenteranno la competitività dell'UE in questo settore. Anche una serie di altri settori, come il trasporto aereo e gli impianti a energia eolica offshore potrebbero beneficiarne.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione

Progressi scientifici
Economia digitale
Società

4 Novembre 2020