Skip to main content

Efficient harvesting of the wind energy

Article Category

Article available in the folowing languages:

Una boccata d’aria fresca per l’energia eolica

Il vento alimenta i sogni e le ambizioni delle persone da quando salparono le prime imbarcazioni. Oggi una rete di formazione finanziata dall’UE ha fatto lo stesso per 15 giovani uomini e donne, preparandoli ad affrontare la sfida di ottimizzare i futuri sistemi di energia eolica (WES) per un’economia sostenibile.

Energia

La prima turbina eolica generatrice di elettricità fu inventata nel 1888. Secondo l’Associazione mondiale per l’energia eolica, la capacità globale di energia eolica ha raggiunto i 600 GW nel 2018 con quasi 54 GW aggiunti nel solo 2018. La domanda globale di energia dovrebbe crescere nei prossimi decenni e l’energia eolica avrà un ruolo importante in Europa e oltre. Con il supporto del programma Marie Curie, AEOLUS4FUTURE ha istituito la Graduate School for Wind Energy delle azioni Marie Sklodowska-Curie (MSCA) per preparare la prossima generazione di scienziati e ingegneri e promuovere lo sviluppo industriale dei WES. Quindici organizzazioni hanno dedicato tempo, risorse e passione per preparare a una carriera nei WES 15 ricercatori all’inizio della carriera (ESR). La rete di formazione innovativa (ITN) ha supervisionato e guidato i dottorandi nei loro progetti di ricerca nonché nella scrittura scientifica, nella presentazione orale e nelle competenze linguistiche necessarie per influenzare il panorama globale dell’energia eolica.

Sulla scia delle ultime novità in materia di tecnologie e materiali

Sebbene il settore dell’energia eolica stia crescendo rapidamente, deve affrontare sfide per aumentare l’efficienza e l’integrità strutturale, riducendo al contempo rumore e vibrazioni. Inoltre, sebbene i grandi parchi eolici terrestri e marini siano diventati molto più comuni, un importante mercato emergente che richiede attenzione è quello dei WES nelle aree urbane. Tutte queste aree sono state coperte da AEOLUS4FUTURE. AEOLUS4FUTURE ha iniziato con l’identificare il potenziale energetico eolico di vari ambienti. Una diramazione naturale è stato lo studio delle difficili condizioni di carico affrontate dai parchi eolici situati in luoghi in cui le torri eoliche esistenti non sono adatte. Secondo i coordinatori del progetto, il prof. Ove Lagerqvist e la dott.ssa Karin Habermehl-Cwirzen, sfruttare i materiali strutturali ad alte prestazioni è stata la chiave per gli sviluppi tecnici. Ad esempio, l’uso di acciai ad alta resistenza nelle torri di turbine eoliche espande le possibilità di raccogliere energia eolica ad altitudini più elevate con venti più forti. La progettazione di nuove strutture di supporto per i convertitori di energia eolica ha incluso dispositivi di fissaggio innovativi che non richiedono manutenzione. Inoltre, l’ITN ha formato esperti tecnici per rivolgersi al mercato emergente dei WES in ambienti urbani. Infine, come spiegano Lagerqvist e Habermehl-Cwirzen, «AEOLUS4FUTURE ha aggiunto conoscenza alle possibili conseguenze strutturali dei carichi del vento e delle onde, migliorando così le possibilità di prevedere la durata della vita tecnica della struttura e di ottimizzare la necessità di manutenzione».

Supportare obiettivi di più ampia portata

Oltre a formare esperti tecnici per le carriere nel settore dell’energia eolica, AEOLUS4FUTURE ha raggiunto importanti obiettivi non tecnici. Come nella tradizione del programma Marie Curie, la formazione dell’ITN ha attirato sette donne e otto uomini. Il team è stato onorato di partecipare all’iniziativa della Notte europea dei ricercatori finanziata dalle MSCA. Come spiegano Lagerqvist e Habermehl-Cwirzen, «restituire qualcosa alla società è molto importante per il consorzio. Abbiamo cercato di mostrare ai contribuenti e in particolare ai giovani gli sviluppi della tecnologia di raccolta dell’energia eolica e di destare il loro interesse affinché puntino a diventare ricercatori in questo campo». Nel complesso, i risultati e le attività di AEOLUS4FUTURE contribuiranno a realizzare WES più efficaci e rispettosi dell’ambiente per il futuro. Le attività sul territorio e l’attenzione al rumore e alle vibrazioni favoriranno il necessario sostegno pubblico.

Parole chiave

AEOLUS4FUTURE, eolico, energia, sistemi di energia eolica (WES), formazione, turbina eolica, strutturale, ITN, urbano, rumore

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione