Skip to main content

Golden Mycological Triangle – joining forces to exploit mycological biodiversity for novel anti-infectives and other beneficial metabolites

Article Category

Article available in the folowing languages:

La rete UE-Thailandia cerca nuovi composti bioattivi fungini

Un’iniziativa finanziata dall’UE ha combinato tecniche molecolari all’avanguardia con sequenziamento dei geni e microbiologia convenzionale per indagare su nuovi tipi di funghi tropicali.

Ricerca di base
Salute

Il progetto GoMyTri ha esplorato la diversità fungina e microbiologica in Europa e nel Sud-Est asiatico alla scoperta di nuovi antibiotici e di altre sostanze biologicamente attive. I membri del consorzio comprendevano tre organizzazioni provenienti da Germania, Thailandia e Paesi Bassi. Si tratta di centri di eccellenza riconosciuti a livello internazionale per la ricerca micologica, biotecnologica e microbiologica. Il lavoro è stato intrapreso con il supporto del programma Marie Curie. Ventinove giovani ricercatori europei e thailandesi hanno lavorato presso i laboratori di diverse organizzazioni partner per acquisire preziosa esperienza. «I biologi hanno acquisito nozioni in chimica analitica, i chimici hanno appreso tecniche microbiologiche o micologiche, mentre i biotecnologi partecipanti hanno appreso nuove metodologie non utilizzate nei propri laboratori privati», afferma Marc Stadler, coordinatore del progetto. Culture isolate e schermate Gli scienziati hanno condotto un’esplorazione sistematica della diversità fungina, impiegando moderne tecniche molecolari filogenetiche e chemio-tassonomiche oltre al sequenziamento del genoma, insieme alla microbiologia classica. La ricerca si è concentrata sugli endofiti (in particolare Xylariaceae e Botryosphaeriaceae), sugli ascomiceti associati agli invertebrati (Cordycipitaceae), sui funghi marini e sugli organismi simil-fungini. Il gruppo di ricerca ha scelto questi particolari taxa per la loro singolare ecologia o la loro produzione di metaboliti di interesse. «Buoni esempi sono i funghi associati agli invertebrati della famiglia Ophiocordycipitaceae, che comprende l’Ophiocordyceps sinensis, da cui deriva una sostanza anti-invecchiamento utilizzata nell’antica medicina asiatica tradizionale, il Tolypocladium inflatum, l’organismo produttore di un farmaco immunosoppressore di successo, e l’infame fungo delle formiche zombie», spiega Stadler. Secondo Stadler, sono stati scoperti diversi nuovi taxa. «Le colture sono ora sottoposte a screening per metaboliti antimicrobici e nematocidi (per l’uccisione di vermi parassiti) e un certo numero di metaboliti bioattivi sono già stati trovati, isolati e caratterizzati», commenta. Queste colture fungine sono state per lo più raccolte in Thailandia e caratterizzate mediante tecniche filogenetiche morfologiche e molecolari. I partner del progetto hanno divulgato dati e risultati attraverso 15 pubblicazioni, database di dominio pubblico basati su Internet e workshop interdisciplinari. Le conferenze internazionali hanno contribuito a sensibilizzare l’opinione pubblica e ad attrarre partner industriali sia dal settore delle PMI che dall’industria farmaceutica e agroindustriale. Biodiversità conservata GoMyTri favorirà la scoperta e lo sviluppo di nuovi organismi utilizzabili per la produzione biotecnologica sostenibile. I ceppi fungini ottenuti possono essere utilizzati per applicazioni ad ampio spettro quali la produzione di enzimi, prodotti chimici di base, biodegradazione e risanamento ambientale. Inoltre, i dati generati sugli inventari della biodiversità e la classificazione tassonomica di importanti gruppi fungini saranno di grande valore per fitopatologi, ecologi e agenzie responsabili della conservazione della diversità biologica. I risultati aiuteranno a fornire una serie di benefici, dal supporto della ricerca di base sull’evoluzione dei funghi e sull’ecologia alla ricerca di farmaci e allo sviluppo di nuovi agenti di controllo biologico per sostituire le pericolose sostanze chimiche attualmente impiegate in agricoltura. «Alcuni composti che abbiamo scoperto potrebbero avere utilità come strutture guida per lo sviluppo di nuovi agenti anti-infettivi», conclude Stadler.

Parole chiave

GoMyTri, biologico, Thailandia, metaboliti, biodiversità, funghi, micologico, anti-infettivo, taxa, farmaco, filogenetica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione