Skip to main content

European Marine Biological Research Infrastructure Cluster to promote the Blue Bioeconomy

Article Category

Article available in the folowing languages:

Nuovo impulso alla bioeconomia blu con il raggruppamento di infrastrutture di ricerca

In Europa, sono stati potenziati di recente i laboratori marini e le connesse infrastrutture di ricerca (research infrastructures, RI) di scienze biologiche. Oggi è possibile studiare una vasta gamma di biodiversità marina più dettagliatamente che mai.

Alimenti e Risorse naturali

L’ambiente marino del nostro pianeta rappresenta il 90 % della biosfera e ospita un’immensa biodiversità. La biotecnologia marina (blu) sta rapidamente diventando una componente importante del settore biotecnologico globale per soddisfare la domanda crescente di bioprodotti non reperibili attraverso le sole fonti terrestri. Il progetto European Marine Biological Research Infrastructure Cluster (EMBRIC) per la promozione della bioeconomia blu, finanziato dall’UE, ha cercato di accelerare il passo dell’innovazione e delle scoperte scientifiche dalle biorisorse marine e promuovere nuove applicazioni ricavate dagli organismi marini. «L’iniziativa si propone di mettere in contatto partner del mondo accademico e industriale per rafforzare il collegamento tra scienza, industria e aree marittime», afferma la responsabile di progetto Amélie Lecornec. Attualmente, l’importante potenziale economico delle biotecnologie marine rimane per lo più inesplorato ed è ostacolato da numerosi fattori, come quelli di carattere operativo che impediscono alla comunità scientifica di esplorare appieno le risorse biologiche marine. Tra gli altri ostacoli vi sono le difficoltà pratiche e culturali nel collegare scienza e industria, nonché la natura frammentata degli ecosistemi territoriali di innovazione nella biotecnologia marina di tutta Europa. Il superamento di queste barriere richiede un maggior collegamento tra le RI e le rispettive comunità di utenti, la scienza e l’industria, come pure tra le RI e le politiche di Ricerca, Sviluppo e Innovazione nelle aree marittime europee.

Innovazione crescente

I partner del progetto intendevano promuovere l’innovazione in materia di biologia marina ed ecologia in Europa con il raggruppamento di sei RI. L’obiettivo era fornire accesso all’intero spettro di diversità degli organismi marini insieme all’esperienza sui servizi e la gestione dei dati. Grazie all’unione di tutte queste conoscenze, il raggruppamento ha potuto concepire flussi di lavoro efficienti per la scoperta di prodotti naturali. Tutte le RI impiegano approcci e flussi di lavoro differenti, che EMBRIC ha sfruttato per istituire una piattaforma virtuale di screening. Per supportare la gestione, l’analisi e l’interpretazione dei dati marini, è stato realizzato con successo un servizio di gestione dati, il configuratore EMBRIC. Il consorzio ha inoltre concepito casistiche di aiuto per verificare e perfezionare i flussi di lavoro delle scoperte tramite attività congiunte di sviluppo. Questa verifica interna è stata completata fornendo accesso ai servizi EMBRIC a comunità esterne di utenti quali il programma pilota di accesso transnazionale, nella seconda metà del ciclo di vita del progetto.

Benefici a molti livelli

EMBRIC è riuscito a coinvolgere i responsabili politici, a livello territoriale, nazionale ed europeo, in merito all’importanza di supportare la bioeconomia marina. In Europa, è inoltre riuscito a sensibilizzare circa le opportunità e la necessità di liberare il potenziale inesplorato degli oceani. Il progetto ha anche messo in luce l’importanza di raggruppare le RI per accelerare il passo dell’innovazione e delle scoperte scientifiche per le biorisorse marine. In aggiunta, il progetto ha stabilito dei flussi di lavoro comuni, realizzabili, funzionali, verificandoli con il coinvolgimento di tutte queste RI. Il raggruppamento ha in più sviluppato prassi consolidate, procedure standard e ha creato un magazzino dati legato a tali flussi di lavoro. Queste attività saranno utilizzate dalle RI nei progetti futuri. L’iniziativa fornisce all’Europa potenti strumenti per favorire l’interdisciplinarità, in un momento in cui le attività di ricerca hanno acquisito un carattere sempre più specializzato. «Nella specifica area delle biorisorse marine, le alleanze tra RI come quelle di EMBRIC sono essenziali per accelerare il passo dell’innovazione e delle scoperte scientifiche» conclude la Lecornec.

Parole chiave

EMBRIC, infrastruttura di ricerca (RI), raggruppamento, biotecnologia, bioeconomia, bioeconomia blu, scienze biologiche, attività congiunte di sviluppo, accesso transnazionale, pilota

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione