Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Condivisione dei dati per migliorare la sicurezza di volo

Il progetto EUNADICS-AV, finanziato dall’UE, sta migliorando la sicurezza di volo sviluppando un sistema unico volto a fornire informazioni conformi e coerenti in caso di pericolo per lo spazio aereo.

Trasporti e Mobilità

Ricordate quell’eruzione vulcanica in Islanda che ha determinato la cancellazione di centinaia di voli e lasciato migliaia di passeggeri bloccati? È successo quasi 10 anni fa, ma non si è trattato di un incidente isolato. A causa di una lacuna tra i dati disponibili e le informazioni che le parti interessate della gestione del traffico aereo (ATM) devono gestire per la sicurezza dei voli, disastri naturali e causati dall’uomo come vulcani, incendi boschivi, tempeste di sabbia e scarichi nucleari possono seriamente colpire il traffico aereo globale. «Il controllo del traffico aereo, Eurocontrol, le autorità nazionali, le compagnie aeree e i piloti condividono tutti lo stesso obiettivo: garantire voli sicuri», afferma Gerhard Wotawa, coordinatore del progetto EUNADICS-AV (European Natural Airborne Disaster Information and Coordination System for Aviation), finanziato dall’UE. «Questa lacuna crea circostanze in cui le parti interessate nel sistema ATM possono basare le loro decisioni su dati e informazioni diversi». EUNADICS-AV, uno sforzo collaborativo tra fornitori di servizi meteorologici nazionali, specialisti in dati di misurazione, esperti di aviazione e fornitori di servizi di pianificazione di volo di 12 paesi europei, sta lavorando per colmare questa lacuna. A tale scopo, i ricercatori stanno sviluppando una piattaforma di dati che, durante un pericolo in volo come un’eruzione vulcanica, fornisce ai legislatori, ai gestori e agli utenti dello spazio aereo tutte le informazioni necessarie il prima possibile. Informazioni veloci e coerenti Attualmente, le autorità e le parti interessate dello spazio aereo ottengono informazioni da vari canali di dati, comprese diverse reti di osservazione. Tuttavia, questi canali non solo non hanno la capacità di condividere le informazioni in modo efficace, ma devono inoltre scontrarsi con la mancanza di una procedura standard per la loro condivisione tra i paesi dell’UE. Il risultato è uno spazio aereo europeo frammentato soggetto a cancellazioni e alterazioni. Se la minaccia di un pericolo viene identificata in una fase iniziale, i pianificatori di volo possono regolare le loro rotte con largo anticipo e ridurre il numero di cancellazioni. L’obiettivo di questo progetto è supportare la pianificazione di volo e il processo decisionale fornendo i dati più rilevanti per un rischio specifico e producendo prodotti su misura per le parti interessate dell’aviazione. «L’obiettivo finale è quello di consentire a tutte le parti interessate nel sistema aeronautico di ottenere informazioni rapide, coerenti e conformi», aggiunge Wotawa. «Agire in tal modo migliorerà notevolmente la nostra capacità di rispondere ai disastri in modo efficace ed efficiente, di minimizzare i tempi di indisponibilità del sistema e i danni economici e, soprattutto, di migliorare la sicurezza di milioni di passeggeri». Risultati promettenti Nel marzo 2019, i ricercatori del progetto hanno condotto una verifica completa del sistema EUNADICS-AV a Salisburgo, in Austria. Sono stati ipotizzati una serie di scenari con potenzialità di incidere sul sistema aeronautico, tra cui un’eruzione vulcanica in Italia e incidenti nucleari in Germania e Austria. Durante ogni test, i ricercatori hanno integrato tutti i dati disponibili, le osservazioni personalizzate, l’analisi dei dati e la modellizzazione direttamente nel software di pianificazione di volo della compagnia aerea. «Attraverso questi test, siamo stati in grado di dimostrare che le misure di ottimizzazione del percorso possono essere implementate in una fase molto precoce», spiega Wotawa. «Questo è importante in quanto consentirebbe alla stragrande maggioranza dei voli di essere condotti con poche o nessuna cancellazione». Sulla base di questi promettenti risultati, i ricercatori stanno ora sviluppando uno studio di casi aziendali per l’integrazione perfetta dei servizi di analisi e modellizzazione dei dati EUNADICS-AV nell'ATM, nel controllo del traffico aereo e nel software di pianificazione del volo. Pertanto, la prossima volta che un vulcano erutterà, invece di lasciare gli utenti arenati in un aeroporto, grazie a EUNADICS-AV l'ATM sarà in grado di reindirizzare rapidamente il volo interessato, portando i passeggeri a destinazione in sicurezza con un ritardo minimo.

Parole chiave

EUNADICS-AV, gestione del traffico aereo (ATM), controllo del traffico aereo (ATC), Eurocontrol, pianificazione di volo, sicurezza di volo, aviazione

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione