Skip to main content

PROGRESSIVE STANDARDS AROUND ICT FOR ACTIVE AND HEALTHY AGEING

Article Category

Article available in the folowing languages:

L’etica supporta le norme relative alle TIC per un invecchiamento sano e attivo

Anche se le persone anziane costituiscono quasi un quinto della nostra popolazione, le loro voci sono ascoltate nel mondo delle norme? PROGRESSIVE garantisce che, per quanto riguarda le tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni (TIC) per un invecchiamento sano e attivo (AHA, Active and Healthy Ageing), lo sono.

Salute

Secondo la Organizzazione internazionale per la normalizzazione, quando si sviluppano norme, i professionisti devono considerare i «suggerimenti provenienti da una vasta gamma di interlocutori». Tuttavia, quando si tratta del 20 % della popolazione dell’UE, ovvero gli anziani (di età pari o superiore a 65 anni), questo potrebbe non essere il caso. Poiché la maggior parte delle persone anziane è attiva e contribuisce alla società in qualità di imprenditori, innovatori, lavoratori e consumatori, la svista suscita preoccupazione. Mettendo in guardia da eventuali soluzioni dall’alto, che considerano le persone anziane come problemi o fardelli, il progetto PROGRESSIVE supportato dall’UE ha promosso approcci di prodotti e servizi TIC per l’AHA attraverso norme che sono state co-create. Fondamentalmente, il progetto ha richiesto il riconoscimento esplicito che le persone anziane sono dotate di conoscenze, abilità e interessi TIC e pertanto devono essere coinvolte nel processo di normalizzazione. PROGRESSIVE stabilisce nuovi parametri di riferimento per le buone pratiche riguardanti le norme per TIC e AHA. Sensibilizzando sulle questioni, il progetto ha fornito una piattaforma per la discussione e il dibattito tra una vasta gamma di parti interessate, dai responsabili delle politiche agli organismi di normazione (a livello internazionale e nazionale), favorendo in modo cruciale il coinvolgimento delle persone anziane. Il lavoro ha incluso lo sviluppo di un sito web che offre una newsletter e, tra le altre funzioni, l’accesso a informazioni su oltre 250 norme pertinenti. Co-produzione degli standard «La maggior parte delle persone non conosce le norme, anche se queste hanno un impatto su tutte le nostre vite, aumentando la nostra prevenzione dei rischi e la sicurezza. La strada per costruire una maggiore consapevolezza delle norme è ancora lunga, ma una precondizione deve essere la realizzazione di norme e processi di normalizzazione più inclusivi e aperti», afferma il dott. Malcolm Fisk, leader del progetto. Elaborando una struttura per aiutare a identificare e coltivare le buone pratiche, PROGRESSIVE ha definito nove principi etici. Questi hanno beneficiato del lavoro dell’ex progetto ICT for ALL finanziato dall’UE e di quello dell’Organizzazione mondiale della sanità sulle città per tutte le età. I principi invitavano i prodotti e servizi TIC a tenere conto di: accessibilità e usabilità; disponibilità; autonomia e responsabilizzazione; beneficenza e non malvagità; cura, protezione e supporto; uguaglianza, equità e giustizia; inclusione, non discriminazione e impatto sociale; interoperabilità; e privacy, prevenzione dei rischi e sicurezza. Questi principi sono quindi alla base della co-produzione di linee guida che possono essere largamente applicate, nonché di una guida su norme specificamente correlate all’interoperabilità, alle comunità per tutte le età e alle case intelligenti. Cambiando mentalità Riconoscendo le persone anziane come risorse e contributori attivi all’interno della cosiddetta «economia d’argento», PROGRESSIVE contribuisce a prospettive politiche europee che supportano una maggiore inclusione e integrazione sociale, promuovendo al tempo stesso innovazione e attività commerciali legate all’AHA. Il lavoro del progetto sulle linee guida per le buone pratiche, in particolare per quanto riguarda la co-produzione, è in fase di approvazione da parte dei tre organismi europei di normalizzazione: CEN, CENELEC ed ETSI . Inoltre, la sensibilizzazione sulle questioni continua attraverso la piattaforma STAIR STAIR-AHA e le attività di progetti UE associati quali REACH e Homes4Life. «Abbiamo indubbiamente messo in pratica quello che abbiamo predicato, poiché abbiamo istituito un gruppo di lavoro di persone anziane, che hanno fornito un contributo fondamentale ai principi etici nonché alla forma e alla finalità di un nuovo forum e organismo di coordinamento che è diventato STAIR-AHA», afferma il dott. Fisk.

Parole chiave

PROGRESSIVE, standard, persone anziane, economia d’argento, TIC, invecchiamento attivo, invecchiamento sano, co-creazione, interoperabilità, comunità per tutte le età, case intelligenti, città intelligenti

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione